'Allarme carceri, pericolosi disagi che chiedono provvedimenti'
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
articoliPolitica

'Allarme carceri, pericolosi disagi che chiedono provvedimenti'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Mastacchi (Rete civica): 'Alla Dozza scarso riscaldamento, al cronico sovraffollamento e alla inadeguatezza della struttura'


'Allarme carceri, pericolosi disagi che chiedono provvedimenti'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Con un question time all’Aula il Consigliere Mastacchi, capogruppo di Rete Civica - Progetto Emilia Romagna, interviene presso la presidente dell’Assemblea Legislativa e la Giunta per chiedere interventi urgenti a soluzione dei pesanti disagi che si registrano nel carcere della Dozza a carico dei detenuti e con loro di agenti, medici e infermieri, dovuti allo scarso riscaldamento, al cronico sovraffollamento e alla inadeguatezza della struttura.

'È ancora fresco il ricordo dei disordini nelle carceri durante la pandemia da Covid e torna il mai risolto problema del sovraffollamento, in una struttura vecchia e fatiscente come quella della Dozza, dove in una cella singola convivono fino a quattro persone, con tutti i disagi igienici e psicologici del caso, tanto che a luglio è stato sospeso l’ingresso di nuovi carcerati per alcuni giorni.

Sezioni ancora chiuse, perché in ristrutturazione, e l’interruzione dei lavori per la realizzazione del nuovo padiglione a causa del fallimento della ditta incaricata, non contribuiscono a migliorare una situazione con numeri già ben oltre la capienza massima della Casa Circondariale: 812 detenuti su una capienza massima di 500. Per contro il personale della penitenziaria diminuisce rapidamente, anche a causa dell’influenza che ha colpito in questo periodo diversi agenti, a seguito delle pessime condizioni interne dovute anche alla ridotta erogazione del riscaldamento' - afferma Mastacchi.

'La carenza di organico del personale penitenziario, educativo e medico, rende sempre più complesso contenere le intemperanze dei detenuti più problematici, accentuate dal sovraffollamento della struttura, e la ridotta erogazione del riscaldamento non fa che alimentare ancora di più il malcontento dei detenuti già costretti a condividere spazi angusti.

Il Consigliere Mastacchi interroga la Giunta per sapere quali azioni intende attivare per evitare che una situazione già particolarmente complessa non vada a replicare ciò che è successo tre anni fa con il Covid, quando i disordini in cento penitenziari italiani portarono alla morte di 13 detenuti, uno dei quali proprio alla Dozza e se non ritenga opportuno intervenire in merito agli orari di apertura del riscaldamento nella struttura, per ridurre immediatamente i disagi di agenti, medici e infermieri nonché dei detenuti. L’Assessore Taruffi risponde che le competenze sono in capo al Ministero di Giustizia e alle articolazioni delle stesse sul territorio. I diversi uffici regionali hanno già sollecitato gli Enti competenti in merito a queste problematihe e nello specifico a quella del riscaldamento, anche prevedendo lo spostamento dei soggetti ristretti, in spazi e celle più adeguati. L’ultima ispezione è stata effettuata l’11 di novembre e si è riscontrato che viene garantita una temperatura invernale tra i 18 e i 20 gradi. Per l’inadeguatezza del personale di polizia penitenziaria, sono in linea con i restanti istituti del distretto. É evidente che c’è un problema, quello del sovraffollamento e che siano insufficienti i provvedimenti presi dal Ministero. Concorda il Consigliere Mastacchi, che sottolinea che pur essendo il tema di competenza nazionale e non regionale, è importante far sapere che il problema è conosciuto e tenuto sotto ossservazione. All’interno di quelle strutture oltre ai detenuti ci sono lavoratori, che vivono condizioni stressanti di lavoro già normalmente e ulteriori disagi non aiutano. Il problema si pone inoltre non solo nel carcere della Dozza ma anche in quello minorile del Pratello dove c’è l’aspetto, anche più delicato, della proiezione dei problemi su persone minori sulle quali l’impatto è maggiore in una prospettiva di recupero futuro. Tutti noi, per quanto possibile dobbiamo tenere i riflettori accesi'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


e-work Spa
Politica - Articoli Recenti
Modena, ecco i nomi del nuovo Consiglio comunale
Il nuovo consiglio comunale di Modena è formato da 22 consiglieri di maggioranza, 8 ..
10 Giugno 2024 - 23:06
Voto a Modena: Mezzetti al 63%. Negrini si ferma al 28%
Segue la Modena al 3,16%, Mvp all'1,6%, Daniele Giovanardi all'1,4%, Chiara Costetti ..
10 Giugno 2024 - 21:11
I sindaci eletti in provincia di Modena
L'elenco dei 31 comuni della provincia di Modena al voto con i rispettivi sindaci eletti e ..
10 Giugno 2024 - 21:00
Carpi, il nuovo sindaco è Riccardo Righi: il centrosinistra dilaga
Un risultato clamoroso per Righi (5 anni fa Bellelli venne portato al ballottaggio dal ..
10 Giugno 2024 - 18:23
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58