Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Assistenza ai migranti, con Icare 1,9 milioni dall'Europa alla Emilia Romagna

La Pressa
Logo LaPressa.it

Ecco i dati chiesti da La Pressa e forniti dalla Regione in merito al progetto Icare fatto dal 2019 al 2022


Assistenza ai migranti, con Icare 1,9 milioni dall'Europa alla Emilia Romagna
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Assistenza ai migranti, dall'Europa fondi all'Emilia Romagna per 1,9 milioni di euro attraverso il progetto Icare. Fra i progetti sanitari finanziati 'un video per promuovere corretti stili di vita e per garantire una maggiore sicurezza all’interno delle abitazioni' fatto dall'Ausl di Parma nel 2020, oppure l'opuscolo 'anti-Covid per i profughi ucraini' dell'Ausl di Ferrara nel 2022.
Nello specifico le 8 aziende sanitarie Ausl lungo la via Emilia hanno ricevuto i seguenti finanziamenti: Piacenza 173.124,10 euro; Parma 331.501,32 euro; Reggio Emilia 357.270,00 euro; Modena 394.050,39 euro; Bologna 438.919,45 euro; Imola 42.151,94 euro; Ferrara 49.625,74 euro; Romagna 194.858,83 euro. Questi i dati chiesti da La Pressa e forniti dalla Regione in merito al progetto Icare fatto dal 2019 al 2022, e promosso dalla Regione Emilia Romagna iniseme a Lazio, Sicilia e Toscana.

Nel corso di 4 anni, le aziende sanitarie regionali hanno portato avanti diversi progetti sul tema assistenza comunitaria per l'asilo e i rifugiati in emergenza, facendo ricorso anche a personale a progetto.
Come l'Ausl di Parma con 'il video in 12 lingue con grafiche semplici e intuitive per la promozione di corretti stili di vita e per garantire una maggiore sicurezza all’interno delle abitazioni, soprattutto tra i bambini'; mentre per la parte modenese l'Ausl si è avvalsa, fra le altre attività, anche di un camper ambulatorio mobile pagato 56 mila euro usato per sensibilizzare i migranti “sui sani e corretti stili di vita”, con l'impiego di una dietista assunta a progetto con 38 mila euro che ha svolto diverse sedute.
A Modena, come hanno raccontato a La Pressa dei residenti del Comitato per una Modena pulita e sicura zona viale Gramsci e parco, il camper era stato visto alcune volte nei pressi del parco XXII Aprile, uno dei luoghi critici della città.


“Per due volte era parcheggiato in via Attiraglio. A Pasqua dal camper distribuivano delle uova di cioccolato, mentre a maggio abbiamo visto degli operatori andare nella zona della pista di bocce a parlare con alcuni stranieri”, racconta un residente.

Nella nota, la Regione comunica che i finanziamenti europei sono stati usati per il 'personale sanitario e non, mediazione culturale, formazione, Attrezzature sanitarie e ambulatorio mobile, materiali di consumo: gel, mascherine, stampa e pubblicazioni' e che sono state formate 'equipe multiprofessionali, attività di prevenzione (test covid e test ingresso, vaccinazioni), attività clinica (salute donna e bambini, salute pubblica e salute mentale), laboratori psico educativi di promozione della salute; formazione degli operatori sanitari e mediatori culturali e sociosanitari; produzione di documentazione multilingue; attività di mediazione culturale'.        
Un progetto europeo cofinanziato con 1 milione di euro dalle 27 strutture sanitarie pubbliche partecipanti sparse nelle 4 regioni, e con 9 milioni di euro dalla Commissione Europea per attività di “Integrazione e assistenza comunitaria per l'asilo e i rifugiati in emergenza”.
Fra gli obbiettivi di Icare c'era quello di “migliorare la fase di accesso ai servizi sanitari territoriali per i titolari o richiedenti di protezione internazionale, assicurando una risposta ai bisogni di salute il più possibile omogenea e di sistema a coloro che si insediano dopo l'arrivo e la registrazione”.

Marco Amendola

Marco Amendola
Marco Amendola
Marco Amendola. Formazione Dams Cinema presso Università di Bologna. Giornalista videomaker nel settore informazione e media, si occupa di attualità, automobilismo e approfondimenti di cos..   Continua >>

 


Feed RSS La Pressa
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi cosìtanto tempo che..
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Quelli di Prima - Articoli più letti
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06