Bologna, grido per la pace e negoziato in Ucraina. Il cardinale: 'E' l'unica strada'
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
articoliPolitica

Bologna, grido per la pace e negoziato in Ucraina. Il cardinale: 'E' l'unica strada'

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Dobbiamo continuare a ripudiare la guerra, ovunque e da tutte le parti del mondo e pensare a dar e forza a tutti gli strumenti sovranazionali'


Bologna, grido per la pace e negoziato in Ucraina. Il cardinale: 'E' l'unica strada'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Si è tenuta a Capodanno a Bologna la settima Marcia della pace e dell'accoglienza organizzata dal Portico della Pace di Bologna. A sfilare tra gli altri il vescovo di Bologna Matteo Zuppi, don Mattia Ferrari, Alessandro Bergonzoni e Maurizio Landini.
'La pace è pratica. Io non sono filo putiniano o filo atlantista, sono filo, siamo fili per unire quello che altri hanno squarciato e hanno usato per potere, per costruire e vendere armi continuamente - ha detto Bergonzoni -. Grazie di marciare per non marcire, noi mai arresi'.

'Natale è tempo di Pace in Ucraina, in Europa e nel Mondo - avevano detto gli organizzatori -. Chiediamo a tutti i cittadini e le cittadine europee di mobilitarsi per la pace, dal Natale cattolico e protestante al Natale ortodosso. Per il cessate il fuoco e per il negoziato.

Chiediamo la convocazione di una conferenza di pace per costruire la sicurezza condivisa in Europa. In Europa oggi abbiamo una macchia nera: l’Ucraina. Per restituirle i colori, la guerra deve essere sconfitta. Questa è la ragione del nostro logo. Crediamo fermamente che la pace debba essere raggiunta attraverso la via diplomatica promossa dalle Nazioni Unite. Chiediamo un immediato cessate il fuoco e negoziati. Ripudiamo questa guerra come tutte le guerre. Respingiamo la violenza ed esprimiamo solidarietà concreta al popolo ucraino. Chiediamo che le Nazioni Unite convochino una conferenza di pace internazionale e che tutti gli Stati membri si impegnino per fermare tutte le guerre e costruire una sicurezza condivisa. L’Europa avrebbe potuto e dovuto evitare la guerra in Ucraina. Adesso dovrebbe essere protagonista di una politica di pace. Costruiamo insieme la nostra Europa per la pace'.

'Oggi è una giornata importante perché 75 anni fa entrava in vigore la nostra Costituzione che ripudia la guerra - ha detto il cardinale Matteo Zuppi, nel suo discorso dal palco di piazza Nettuno davanti a 3.000 persone con fiaccole e bandiere -. Dobbiamo continuare a ripudiare la guerra, ovunque e da tutte le parti del mondo e pensare a dar e forza a tutti gli strumenti sovranazionali'. Zuppi ha ricordato anche le parole di Benedetto XVI e la sua definizione, durante la prima guerra mondiale, di 'inutile strage'.

'Chiedeva un'entità sovranazionale che risolvesse i conflitti. Invece siamo andati indietro, anche dopo la consapevolezza della seconda guerra mondiale. Dobbiamo cercare di fare tutto il possibile per risolvere tutti i conflitti. Il rischio è che la guerra si eternizzi, ci sono delle guerre che non sappiamo più quando sono iniziate. In Somalia è dal 1992 che c'è la guerra. La pace è l'unica parte, altrimenti tutto è contro. Non abituiamoci alla guerra. Nel 1923 nasceva un signore che si chiamava don Lorenzo Milani e a Barbiana c'è ancora la scritta 'I care'. Continuiamo a dire: non ce ne freghiamo, ma continuiamo a interessarci'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Articoli Correlati
Prima di tutto la Pace
Le Vignette di Paride
09 Giugno 2024 - 12:50
Il fato ci conduce e ci trascina
Le Vignette di Paride
06 Giugno 2024 - 10:38

e-work Spa
Politica - Articoli Recenti
Esuberi Mozarc Medical, candidati in piazza con i lavoratori
I candidati al ballottaggio a Mirandola hanno raggiunto il presidio sindacale davanti ..
12 Giugno 2024 - 17:59
Voto a Modena, gli exploit dei partiti nelle singole sezioni
Nel 2019 andarono alle urne 94.998 cittadini, mentre alle ultime elezioni del 2024 i votanti..
12 Giugno 2024 - 17:13
Modena Civica soddisfatta del risultato elettorale
Il commento della lista della coalizione a sostegno di Massimo Mezzetti che ha eletto un ..
12 Giugno 2024 - 15:50
Sindaco di Modena, la proclamazione di Mezzetti
Mezzetti ha ora 10 giorni di tempo per convocare il nuovo Consiglio comunale. Alla prima ..
12 Giugno 2024 - 12:37
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58