Caos rifiuti a Modena, il Pd ora dice sì a un 'tavolo permanente'
La Personala
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
VLP Events
articoliPolitica

Caos rifiuti a Modena, il Pd ora dice sì a un 'tavolo permanente'

La Pressa
Logo LaPressa.it

L’ordine del giorno è stato proposto dal Movimento 5 stelle e dai gruppi di maggioranza


Caos rifiuti a Modena, il Pd ora dice sì a un 'tavolo permanente'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Avviare una discussione pubblica e partecipata sulle modalità migliori per gestire il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti, pur sempre nell’ambito del modello porta a porta. È l’obiettivo principale dell’ordine del giorno approvato dal Consiglio comunale di Modena, nella seduta di oggi, che invita a istituire un 'Tavolo permanente di negoziazione' come sede istituzionale e regolamentata nella quale analizzare i dati sulla produzione e la raccolta dei rifiuti, identificare ed eliminare i disservizi, monitorare i costi ed elaborare proposte per migliorare il servizio, con l’intento di arrivare il prima possibile a un sistema di tariffazione puntuale e di garantire il massimo livello di informazione ai cittadini. L’ordine del giorno è stato proposto dal Movimento 5 stelle e dai gruppi di maggioranza (Pd, Sinistra per Modena, Modena civica, Europa verde-verde) e approvato con i voti di M5s, Pd (escluso il presidente Poggi, astenuto), Sinistra per Modena, Modena civica; contrari Lega Modena, Fratelli d’Italia, Gruppo indipendente per Modena.

Il documento è stato discusso insieme all’interrogazione presentata dal consigliere Elisa Rossini (Fratelli d’Italia) per chiedere chiarimenti sulla programmazione del servizio di gestione dei rifiuti alla quale ha risposto l’assessore all’Ambiente Alessandra Filippi.

L’ordine del giorno, presentato dal consigliere Giovanni Silingardi (M5s), ricorda che l’avvio del nuovo sistema di raccolta ha creato difficoltà di adattamento ai cittadini e non ha eliminato i comportamenti scorretti, anche a causa della velocità con cui è stato introdotto, ma evidenza allo stesso tempo l’impegno della grandissima maggioranza dei cittadini che, pur alle prese con le difficoltà del cambiamento, “intendono proseguire con il nuovo sistema e migliorarlo, invece che tornare alla raccolta stradale precedente”. Su queste basi, il documento propone, appunto, di istituire un tavolo di negoziazione al quale partecipino rappresentanti della giunta e tecnici comunali, esperti e tecnici, esponenti del Consiglio comunale, di associazioni ambientaliste, di organizzazioni economiche, delle imprese e del gestore del servizio.

Il Tavolo avrà il compito di analizzare i dati, valutare il servizio e indicare eventuali correttivi per rispondere alle esigenze della comunità, monitorare i costi ed elaborare proposte per lo sviluppo della tariffazione puntuale. Dovrà, inoltre, contribuire a sviluppare linee guida sui comportamenti per ridurre la produzione dei rifiuti urbani pro capite e incrementare la raccolta differenziata, il riuso e il riciclo; elaborare proposte per informare meglio i cittadini sull’economia circolare; monitorare il percorso per mettere a punto un sistema alternativo all’incenerimento dei rifiuti.

Insieme all’ordine del giorno è stata trattata l’interrogazione del consigliere Elisa Rossini (Fratelli d’Italia) che chiedeva conto “dell’assenza del Piano annuale delle attività 2023 che deve essere presentato da Hera e di come, senza il Piano, Comune e gestore abbiano potuto programmare il servizio di gestione dei rifiuti”. L’assessore Filippi ha risposto che il Piano annuale delle attività 2023 esiste ed è stato presentato da Hera ad Atersir a dicembre 2022, nei tempi e modi richiesti dalla stessa Atersir. La versione definitiva del Piano è stata presentata a luglio 2023 a seguito dell’approvazione del Piano economico-finanziario, in quanto il Piano stesso è una declinazione tecnica e operativa del Pef. Il Piano annuale delle attività è uno strumento di indicazione preventiva ed è, ha precisato l’assessore, solo uno degli strumenti di programmazione del servizio che sono di diversa natura e vanno da quanto stabilito dalla Regione e da Atersir nei piani d’ambito e nei bandi di gara alle integrazioni sulla base delle esigenze dei singoli Comuni “fino alla programmazione industriale e operativa di cui è responsabile il gestore affidatario della concessione. I risultati raggiunti, nonostante la complessità della trasformazione eseguita, dimostrano che la pianificazione pubblica ha individuato strumenti adeguati e obiettivi raggiungibili”.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Onoranze funebri Gibellini
Politica - Articoli Recenti
Disagi alla Cra Gorrieri, l'assessore Maletti incontra il presidente
'L’assessore ha avuto dal presidente di Domus ampie rassicurazioni sul fatto che le ..
09 Luglio 2024 - 17:18
I minori stranieri non accompagnati sono davvero minori? Il caso in Regione
Pelloni (Rete Civica): 'Occorre istituire un registro regionale per la procedura di ..
09 Luglio 2024 - 17:15
Pd in Regione, al posto della Maletti entra l'ex grillino Rebecchi
Considerata l'indisponibilità, vista la brevità del mandato, di chi l'ha preceduto per ..
09 Luglio 2024 - 12:17
Regionali ER, Forza Italia: non solo Platis, il partito vorrebbe candidare Giacobazzi
Giacobazzi, forte del record di preferenze ottenute alle Comunali a Modena, al di là del ..
09 Luglio 2024 - 11:26
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58