Carcere di Modena di nuovo al collasso, boom di detenuti e sempre meno Polizia Penitenziaria
La Personala
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Carcere di Modena di nuovo al collasso, boom di detenuti e sempre meno Polizia Penitenziaria

La Pressa
Logo LaPressa.it

I dati e la denuncia del segretario nazionale della Uil Pa Polizia Penitenziaria Domenico Maldarizzi: 'L'istituto modenese registra un + 145.16 con i suoi 540 detenuti a fronte dei 372 regolamentari'. E i detenuti immigrati sono il 60%, in regione il dato è secondo solo a Piacenza


Carcere di Modena di nuovo al collasso, boom di detenuti e sempre meno Polizia Penitenziaria
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Anche Modena come tutti gli Istituti penitenziari soffre di un grave sovraffollamnto a fronte di una media nazionale del 127,48 l’istituto modenese registra un + 145.16 con i suoi 540 detenuti a fronte dei 372 regolamentari - a darne notizia è il Segretario Nazionale della Uil PA Polizia Penitenziaria Domenico Maldarizzi.
“Al contrario nell’Istituto Modenese a fronte di una pianta organica di 257 Poliziotti, sicuramente sottostimata, ad oggi ne sono presenti 219 – afferma Maldarizzi - Al momento, a nulla sono valse le lamentele delle varie Organizzazioni Sindacali di categoria anzi, la situazione precipita ogni giorno sempre più tra sovraffollamento della struttura e la grave carenza di organico anche se, ad onor del vero, viene ben gestito ed in modo oculato dal Comandante di Reparto Dott.

Mauro Pellegrino ma, nonostante ciò, proprio per la grave carenza il Personale, ogni giorno, è costretto ad espletare ore di straordinario, riposi revocati, accorpamenti di posti di servizio e frequenti richiami in servizio” chiosa il Segretario della Uil.Pa Polizia Penitenziaria - senza contare che, Il sovraffollamento, oltre a limitare gli spazi vitali, toglie anche possibilità lavorative, di studio o di svolgere altre attività alle persone detenute ed, al contrario, genera violenza anche nei confronti degli operatori penitenziari o sfocia in gesti autolesionistici. 

 
“È evidente, tranne forse che al Ministro della Giustizia, Carlo Nordio, e al Governo che non c’è più tempo, bisogna intervenire subito per affrontare l’emergenza penitenziaria fatta di sovraffollamento detentivo di carenze organiche, 18mila operatori in meno nella sola Polizia penitenziaria, di deficienze strutturali, infrastrutturali, logistiche e negli equipaggiamenti e di molto altro ancora.

Va bene la programmazione e i propositi di ampio respiro, ma in un paese che voglia dirsi civile e rispettoso dei diritti umani tutto ciò non può continuare in attesa di, peraltro improbabili, tempi migliori”, prosegue il Segretario della UILPA PP.

“L’esecutivo vari immediatamente un decreto carceri - continua Maldarizzi - per consentire cospicue assunzioni straordinarie, con procedure accelerate, nella Polizia penitenziaria e negli altri profili professionali e il deflazionamento della densità detentiva pure attraverso una gestione esclusivamente sanitaria dei detenuti malati di mente e percorsi alternativi per i tossicodipendenti per evitare altre condanne da parte della CEDU”.

I dati del carcere di Modena sono la fotografia di un problema anche rispetto alla percentuale di detenuti stranieri sul totale. Modena, stando all'ultimo rapporto dell'associazione Antigone, registra il 60% dei detenuti stranieri. Tra le province dell'Emilia Romagna, seconda solo a Piacenza, con il 61%.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Contattaci
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi cosìtanto tempo che era diventata una famiglia
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Quelli di Prima - Articoli più letti
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06