'Carenza di personale spinta fino al rischio clinico, ecco perché abbiamo chiuso il punto nascita di Mirandola'
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
articoliPolitica

'Carenza di personale spinta fino al rischio clinico, ecco perché abbiamo chiuso il punto nascita di Mirandola'

La Pressa
Logo LaPressa.it

L'Assessore Donini rompe un silenzio di quasi due mesi, e in Conferenza Territoriale Socio Sanitaria conferma la scelta di sospendere i parti: 'Potevamo farlo sei mesi prima. Ci abbiamo provato con personale esterno, ma la situazione è peggiorata. Aspettiamo il parere del Ministero ma le condizioni per riaprire oggi non ci sono'


'Carenza di personale spinta fino al rischio clinico, ecco perché abbiamo chiuso il punto nascita di Mirandola'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Dopo un lungo silenzio e settimane di non risposte anche al mondo politico, che dal 22 dicembre scorso, data dello stop ai parti, è arrivato fino ad oggi, l'Assessore regionale alla sanità dell'Emilia-Romagna Raffaele Donini chiarisce nella riunione della Conferenza Territoriale Socio Sanitaria (CTSS), le condizioni che hanno portato la Regione stessa a disporre la chiusura (tecnicamente definita sospensione dei parti), del punto nascita dell'ospedale di Mirandola. Elementi già contenuti nella relazione della commissione tecnica sanitaria regionale (da noi pubblicata nei mesi scorsi), con la quale veniva indicata all'organismo politico della Regione l'opportunità di cessare l'attività: carenza cronica di personale medico e ginecologico con un organico ridotto all'osso, al limite.

Carenza che durava da mesi alla quale Regione e Ausl non sono state evidentemente, ed ora anche dichiaratamente, in grado di supplire.

Ciò non solo attraverso la rotazione dei sanitari in un sistema a rete, ma nemmeno con il costoso ricorso a personale esterno, garantito da cooperative, che, anzi, ha prodotto 'effetti distorsivi del sistema'. Condizioni che, stando alle parole di Raffaele Donini, avrebbero potuto portare alla chiusura del punto nascita, già sei mesi prima rispetto al 22 dicembre scorso, data in cui la Regione ha disposto la chiusura. 'Stando al parere della Commissione Tecnica Regionale Socio Sanitaria - ha affermato Donini - il punto nascita avrebbe dovuto essere chiuso sei mesi prima. In estate. Ma abbiamo voluto proseguire, provando soluzioni alla carenza di personale con il ricorso alle cooperative esterne. Ciò non ha migliorato la situazione, ha anzi creato un effetto distorsivo del sistema. Il ricorso a personale esterno deve integrare e non può sostituire personale interno, strutturato.

E' stato chiesto un sacrificio enorme al personale interno per garantire, in quella fase, pur in carenza di organico, l'attività in sicurezza. Quando gli stessi professionisti ci hanno detto che si rischiava il rischio clinico non abbiamo potuto fare altro che sospendere i parti. Di fronte a condizioni tali non c'è politica che tenga' 

Una dichiarazione, quella di Donini, che suona come tardiva ammissione di responsabilità politica e amministrativa. Il suo intervento chiarificatore era stato chiesto dal mondo politico già all'indomani della chiusura. Ma sia lui che il Presidente della Regione Bonaccini, avevano preferito, pur interpellati, non parlare. C'è voluta una ulteriore specifica richiesta da parte del Presidente della Commissione Tecnica Provinciale, che ha colto le istanze dei diversi componenti della Commissione (ed in particolare dagli amministratori di Mirandola e dell'area nord), per spingere l'Assessore a relazionare e a rispondere. E nel momento in cui lo ha fatto ha sostanzialmente confermato la responsabilità e la realtà di non avere garantito quelle condizioni, che la sanità regionale ha il diritto dovere di garantire - per proseguire con l'apertura del punto nascita in sicurezza. Condizioni che appunto, Regione ed Ausl, per ammissione dello stesso Donini, non sono state in grado di garantire, nonostante gli sforzi. 

Gianni Galeotti

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


e-work Spa
Politica - Articoli Recenti
Modena, Mezzetti scrive ai cittadini: 'Sarò il sindaco di tutti'
'Vi garantisco che farò tutto il possibile per realizzare quello che vi ho promesso'
13 Giugno 2024 - 11:27
Esuberi Mozarc Medical, candidati in piazza con i lavoratori
I candidati al ballottaggio a Mirandola hanno raggiunto il presidio sindacale davanti ..
12 Giugno 2024 - 17:59
Voto a Modena, gli exploit dei partiti nelle singole sezioni
Nel 2019 andarono alle urne 94.998 cittadini, mentre alle ultime elezioni del 2024 i votanti..
12 Giugno 2024 - 17:13
Modena Civica soddisfatta del risultato elettorale
Il commento della lista della coalizione a sostegno di Massimo Mezzetti che ha eletto un ..
12 Giugno 2024 - 15:50
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58