Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

'Carri armati natalizi e ipocrisia per tutte le stagioni'

La Pressa
Logo LaPressa.it

L'intervento di Indipendenza sull'installazione in Piazza XX Settembre: 'Dal Comune di Modena scelta surreale di affidare un carro armato a vocazione pacifista. Scelte belliciste condivise da centro destra, Pd e, per i mesi di governo, anche dal M5S'


'Carri armati natalizi e ipocrisia per tutte le stagioni'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'La scelta surreale del Comune di Modena di affidare ad un carro armato “a vocazione pacifista” il messaggio alla cittadinanza di questo strano Natale 2023, oltre all’involontaria citazione orwelliana “la pace è guerra”, ha suscitato un acceso dibattito tra associazioni, gruppi e semplici cittadini giustamente risentiti della presenza del simbolo bellico in Piazza XX Settembre. Anche i partiti di opposizione hanno stigmatizzato la decisione del Sindaco Muzzarelli, giudicandola non rispettosa delle tragiche vicende belliche in atto, dall’Est Europa al Medio Oriente. In questo caso ci permettiamo di manifestare la nostra perplessità davanti a queste prese di posizione, negli ultimi 24 mesi i partiti di centro destra hanno avallato una narrazione fortemente bellicista non solo nei simboli, schierandosi sulla questione ucraina con la logica dell’aggressore e dell’aggredito da armare a tutti i costi, in vista di una vittoria militare impossibile da ottenere in una guerra che aveva già causato migliaia di vittime dal 2014, dove l’Ue avrebbe dovuto vigilare per il rispetto degli accordi di Minsk.

Se poi dobbiamo commentare quello che vediamo succedere in Medio Oriente, dove dal 7 ottobre la popolazione palestinese vive in un vero e proprio inferno in terra, dove i morti civili sono già più di 20.000, la situazione è anche peggiore. Il governo italiano ha rinunciato a qualsiasi ruolo di mediazione e si è schierato a fianco del governo Netanyahu che il primo ministro Giorgia Meloni ha voluto abbracciare non solo idealmente durante il suo recente passaggio a Tel Aviv, un abbraccio che suona sinistramente come un’accettazione acritica dello sterminio di civili in atto'. Così in una nota il Coordinamento Regionale Indipendenza.

'Va detto che il centro destra e la destra hanno condiviso queste scelte insieme al Pd, anche il Movimento 5 stelle ha comunque condiviso per 5 mesi le scelte del governo Draghi sull’Ucraina, distinguendosi solo a parole dalla foga atlantista che avrebbe dovuto provocare una presa di distanza ben più netta, trattandosi di scelte che avrebbero condizionato a lungo la condizione dell’Italia e degli italiani'.



'Di fonte a tutto questo, di fronte all’annuncio dell’ennesimo annuncio del ministro Crosetto di un nuovo invio di armi ad un paese belligerante come l’Ucraina, di fronte alla mattanza di Gaza e alla nuova missione navale nel Mar Rosso che è una conseguenza diretta del clima di tensione che cresce ogni giorno nell’area mediorientale, la protesta contro il simbolo natalizio del sindaco Muzzarelli, risuona alquanto strana e velata da una cappa di ipocrisia politica. Auspichiamo un Natale 2024 senza simboli bellici in Piazza XX Settembre ma soprattutto con la soluzione dei gravi conflitti in atto, soluzione a cui l’Italia non sta dando e non potrà dare alcun contributo, se resta sulle posizioni del governo Meloni, schierato con gli ultras dell’atlantismo che agisce sempre contro l’interesse nazionale' - chiude il Coordinamento Regionale Indipendenza.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Contattaci
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi cosìtanto tempo che..
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Quelli di Prima - Articoli più letti
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06