Aimag stop alla linea-Hera: il Comitato scrive ai consiglieri della Bassa
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Aimag stop alla linea-Hera: il Comitato scrive ai consiglieri della Bassa

Data: / Categoria: Quelli di Prima
Autore:
La Pressa
Logo LaPressa.it

'Con enorme sorpresa e preoccupazione abbiamo appreso in questi giorni di posizioni espresse da parte di alcuni comuni in favore di un mutamento radicale della governance dell’azienda Aimag'


Aimag stop alla linea-Hera: il Comitato scrive ai consiglieri della Bassa
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Gentili amministratori, con enorme sorpresa e preoccupazione abbiamo appreso in questi giorni di posizioni espresse da parte di alcuni comuni in favore di un mutamento radicale della governance dell’azienda Aimag, quasi che l’azienda sin qui non avesse risposto alle esigenze della comunità locale e tra queste a quelle delle amministrazioni pubbliche'. Così con una lettera aperta il Comitato “Aimag per il Territorio” si rivolge a tutti i consiglieri comunali dei Comuni del territorio Aimag.

'Con ogni probabilità saprete che un gruppo di persone si è da poco costituito in Comitato con l’obiettivo di portare all’attenzione dei cittadini una discussione che li riguarda direttamente. Si tratta della discussione connessa alle scelte di governo di Aimag, l’azienda dedita sul nostro territorio alla produzione di una serie di servizi pubblici che incidono profondamente sulla qualità della vita della comunità - scrive il Comitato -.

Ormai sono tanti gli anni passati da quando si avviò questa esperienza da parte di un gruppo di amministrazioni che si lanciò nello sviluppo di un’idea imprenditoriale capace di guardare al futuro della collettività attraverso la produzione comune di servizi pubblici locali. Esperienza rafforzatasi nel tempo con l’ingresso di tanti altri comuni che ha consentito ad Aimag di raggiungere le dimensioni attuali e di divenire prezioso bene comune della collettività e delle diverse municipalità, parte di quel sistema vivente territoriale cui partecipa sinergicamente. Negli ultimi anni, per assicurare il governo di una struttura che è venuta crescendo, le amministrazioni hanno pensato alla sottoscrizione di un patto di sindacato tra i soci di parte pubblica, per assicurare che le azioni dell’azienda ricercassero l’efficienza senza pregiudicare la centralità dell’utenza, riaffermando così la funzione pubblica dell’ente locale'.

'Si legge di critiche al bilancio Aimag 2022 che ancora non è dato conoscere, di errori che sono stati compiuti, come peraltro del tutto normale nel percorso di ognuno, tacendo però del valore che l’azienda ha nel suo complesso per aver sempre saputo guardare al futuro con quanto sin qui fatto rilevabile facilmente dai bilanci disponibili, dalle iniziative innovative in campo climatico, ambientale e delle emergenze, come pure dalle tante indagini nazionali che hanno coinvolto Aimag con i suoi servizi. Si legge di dimensioni inadeguate della struttura Aimag per affrontare il cambiamento futuro, quando l’azienda a tutti gli effetti mostra dimensioni ottimali per l’azione nei settori nei quali opera in linea con le previsioni tecnologiche future, anche grazie all’invidiabile bagaglio di conoscenze e competenze di cui dispone. Conoscenze che ben potrebbero entrare in partnership aziendali con altri soggetti per lo sviluppo di puntuali progetti che valorizzino le competenze delle singole individualità nella loro autonomia. Si legge di una proposta di Hera per l’ingresso in CdA di due soci privati, uno dei quali rappresentante di quella stessa azienda, per certi aspetti concorrente di Aimag, che si propone anche di indicarne la Direzione. Il tutto in cambio di ipotesi di azioni future non supportate da adeguati piani capaci di generare la fiducia necessaria nella costruzione di relazioni innovative. Piani la cui elaborazione condivisa in forme approfondite appare difficilmente compatibile con la fretta che si avverte nelle riflessioni che si susseguono sul tema - continua il Comitato -. Si condivide “la necessità di mantenere il controllo pubblico, sia per quanto concerne la maggioranza delle quote di proprietà che la maggioranza nel consiglio di amministrazione”, sottovalutando però il naturale potere di condizionamento del processo decisionale esercitato dalla forza delle informazioni e delle conoscenze in possesso di una Direzione indicata da un socio presente in CdA ed espressione di un tipico orientamento capitalistico, connesso alla propria quotazione in borsa. Aspetto questo che con il tempo potrebbe portare ad un cambiamento della stessa ragione di esistere di Aimag, allontanandola dalla funzione pubblica delle municipalità. Ci auguriamo che nell’ambito del patto di sindacato “ponte”, che mantiene la situazione attuale fino al 30 giugno, sia possibile sviluppare un confronto e un dialogo serrato, ma sereno, tra opinioni diverse, tra persone che “stanno su rive opposte” ma unite da quel “ponte” sul quale possono trovare la via per la costruzione di un progetto condiviso per il bene della comunità, in un orizzonte temporale compatibile con la sua realizzazione'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Contattaci
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi cosìtanto tempo che era diventata una famiglia
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Quelli di Prima - Articoli più letti
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06