Codacons: 'C'era una volta Modena, di eccellente è rimasto solo il racconto'
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Codacons: 'C'era una volta Modena, di eccellente è rimasto solo il racconto'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Fabio Galli: 'In fondo la disastrosa rivoluzione nella gestione dei rifiuti è lo specchio di un modello che ormai ha fallito da tempo'


Codacons: 'C'era una volta Modena, di eccellente è rimasto solo il racconto'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'C’era una volta Modena, quella dell’eccellenza ostentata forse un po’ oltre la realtà, ma comunque della qualità della vita oggettivamente alta e dei servizi offerti efficienti: dalla scuola dell'infanzia passando per la sanità. C’era e non c’è più. Oggi purtroppo Modena è una città che continua a raccontare se stessa con gli schemi di un passato che non esiste più. I cittadini-consumatori ogni giorno toccano con mano questa involuzione. Su tutti i fronti. Sono decine le segnalazioni che arrivano alla nostra associazione'. A parlare è il vicepresidente regionale del Codacons, Fabio Galli.

'Basti pensare al sistema sicurezza che per anni hanno fatto finta di non vedere che si andava, giorno dopo giorno, deteriorando. E’ una cattiva “percezione della sicurezza”, “va tutto bene”, “è tutto sotto controllo dicevano”. Oggi la drammaticità degli eventi è sotto gli occhi di tutti con un aumento esponenziale dei reati predatori - afferma Galli -.

E che dire dello stato in cui è ridotta la viabilità. I lavori che paralizzano la tangenziale (contribuendo all’innalzamento dell’inquinamento) e costringono a interminabili code gli automobilisti che si recano al lavoro, non sono altro che il tentativo di mettere una pezza con tempistiche sbagliate a una manutenzione disattesa da decenni. Tangenziale (o asse attrezzato) che comunque, anche in tempi di non manutenzione, è frequentemente congestionata rendendo la vita difficile anche ai mezzi di soccorso vista l’assenza per quasi tutto il tracciato della corsia d’emergenza'.

'Incuria, trascuratezza, lo dimostra del resto lo stato in cui sono ridotti i marciapiedi e le strade, anche quelle del centro. Alle prime piogge sono letteralmente impercorribili ed è semplicemente patetico usare il paravento di un cambiamento climatico reale ma che nulla ha a che vedere con le responsabilità in termini di mancata cura del territorio.

E ancora: parcheggi a pagamento in stalli indecenti (ad esempio chi transita nel tratto di strada che fiancheggia le scuderie della Accademia sa di cosa parliamo), cura del verde trascurata e uscite delle tangenziali ridotte a boscaglie, trasporto pubblico rimasto fermo a 20 anni fa e ormai usato solamente da stranieri e studenti stipati come sardine, illuminazione pubblica insufficiente e affidata allo stesso gestore in modo illegittimo come certificato da Tar e Consiglio di Stato. Nella ossessione di inaugurare ogni cosa, con riflettori pronti a illuminare solo l’apparenza e i profili di un preciso mondo politico di riferimento, ci ritroviamo con una sanità pubblica non più in grado di offrire servizi degni di questo nome ai cittadini'.

'I tempi di attesa delle visite specialistiche (che spingono inesorabilmente chi se lo può permettere verso la sanità privata, lasciando i meno abbienti in balia della “speranza”), così come la lenta trasformazione dei Pronto soccorso in Cau, ne sono la dimostrazione plastica. In fondo la disastrosa rivoluzione nella gestione dei rifiuti è lo specchio di un modello che ormai ha fallito da tempo. Sulla raccolta porta a porta si fa sempre in tempo a rivederne le regole ma su tutto il resto sembra ormai tardi poter fare un passo in avanti - chiude Galli -. Per tale ragione la sede di Modena del Codacons ha predisposto una serie di questionari a tema: immigrazione, sicurezza, sanità e stato della città che dalle prossime ore saranno resi disponibili per quei cittadini che hanno voglia di dare il loro parere su temi che condizionano sempre di più la quotidianità della vita'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Contattaci
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi cosìtanto tempo che era diventata una famiglia
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Quelli di Prima - Articoli più letti
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06