Consegnate a Bonaccini 6000 firme contro l'autonomia differenziata
e-work Spa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliPolitica

Consegnate a Bonaccini 6000 firme contro l'autonomia differenziata

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il Comitato No Autonomia differenziata a sostegno della Legge di iniziativa popolare: 'Le differenze fra la proposta autonomista di Bonaccini e quella della Lega sono inesistenti'


Consegnate a Bonaccini 6000 firme contro l'autonomia differenziata
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Il Comitato NO Autonomia Differenziata Emilia-Romagna, questa mattina ha consegnato a Bologna,  presso la sede della Regione Emilia-Romagna, 6.000 firme raccolte a sostegno della proposta di Legge d’Iniziativa Popolare (LIP) per il ritiro della richiesta dell’autonomia differenziata avanzata dal presidente Bonaccini.

Nello specifico il Comitato chiede al presidente Bonaccini il ritiro delle cosiddette “pre-intese” sottoscritte nel 2019 con l’allora Governo Gentiloni, su mandato dell’Assemblea Legislativa. Anche perché con una mera ratifica parlamentare tali pre-intese, al pari di quelle raggiunge con Veneto e Lombardia, possono diventare definitive essendo recepite all’art.10 del DDL Calderoli, approvato in prima istanza il 23 gennaio scorso in Senato.

'Con la Legge di iniziativa popolare - affermano i promotori - invitiamo inoltre l’Assemblea Legislativa ad interrompere il processo di acquisizione di ulteriori forme di autonomia non trasmettendole al Governo.

Le differenze fra la proposta autonomista di Bonaccini e quella della Lega sono inesistenti e anzi l’EmiliaRomagna, confermando le pre-intese all’interno del quadro delineato dal DDL Calderoli, contribuisce a legittimare politicamente il processo autonomista. La nostra Legge Popolare offre dunque alla maggioranza di governo di questa Regione l’opportunità di correggere un grave errore politico, rafforzando e sostenendo la lotta al progetto eversivo leghista che, di fatto, avvia un pericoloso processo d’indipendenza delle regioni ricche del Nord Italia'.

Il Comitato ha ringraziato per la partecipazione attiva, i partiti, volontari e singoli cittadini che si sono mobilitati in tutte le province dell’Emilia-Romagna consentendo di raggiungere un risultato straordinario e di informare capillarmente la popolazione regionale delle gravi ricadute economiche, ambientali, sul mondo del lavoro, sugli enti locali e in definitiva sulla democrazia e i diritti di cittadinanza che l’autonomia regionale differenziata comporta.

'Grazie alla firma di tanti cittadini e cittadine dell’Emilia-Romagna, ora il Presidente della Regione Bonaccini e l’Assemblea Legislativa possono cogliere l’occasione per discutere seriamente sulle ripercussioni della scelta autonomista, che non ha nulla a che fare con il regionalismo già oggi sancito dalla nostra Costituzione e che anzi ne evidenzia la pericolosità, proprio in virtù dell’avvenuta approvazione in Senato del DDL Calderoli'.

'È giunto il momento che l’Emilia-Romagna, con un atto politico ed istituzionale in difesa della Costituzione, ritiri le pre-intese come azione concreta di denuncia e di avversione all’approvazione definitiva del DDL Calderoli e al progetto indipendentista delle regioni del nord del nostro paese. Ci aspettiamo che la Regione Emilia-Romagna, a conclusione del processo di verifica delle firme consegnate - conclude il comitato - avvii celermente l’iter di discussione della nostra proposta di legge, e ribadiamo la disponibilità ad un confronto di merito con il presidente Bonaccini e i gruppi consiliari'.


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

e-work Spa
Articoli Correlati
'La Legge urbanistica regionale va rivista'
Politica
20 Maggio 2023 - 10:57

Acof onoranze funebri
Politica - Articoli Recenti
Il ruolo degli anziani nella società: convegno di Forza Italia Modena
Col capogruppo di Forza Italia Piergiulio Giacobazzi e il candidato sindaco di centrodestra ..
22 Maggio 2024 - 12:46
Sponsorizzazioni social, Bonaccini record: ha speso 10mila euro in una settimana
Dal 15 aprile 2019 al 18 maggio 2024 l'importo stimato da Meta speso da Bonaccini è di ..
22 Maggio 2024 - 12:30
Comparto della pera allo stremo: quinto anno di forte perdita
A Campogalliano incontro con una rappresentanza di imprenditori del candidato alle elezioni ..
22 Maggio 2024 - 10:44
'Voto a Modena, così la giunta uscente calpesta la par condicio'
Tonelli (Mvp): 'Molte inaugurazioni di ogni genere si susseguono instancabilmente da parte ..
22 Maggio 2024 - 10:11
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58