Continua caos rifiuti a Modena, Negrini: 'Filippi si dimetta'
La Personala
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
La Personala
articoliPolitica

Continua caos rifiuti a Modena, Negrini: 'Filippi si dimetta'

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Filippi peggior assessore all’ambiente mai visto, ex presidente di Legambiente, giusto per citare un altro cortocircuito'


Continua caos rifiuti a Modena, Negrini: 'Filippi si dimetta'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Sul tema rifiuti, a seguito della segnalazione fotografica della situazione in cui versa viale Amendola, interviene nuovamente Luca Negrini, presidente cittadino di Fratelli d’Italia. 'Delle due l’una: o l’assessore Filippi ci prende in giro da mesi, oppure è semplicemente una dilettante che non sa cosa sta facendo. Ad ogni modo, entrambe le possibilità non fanno bene a Modena - attacca Negrini -. Sono passati più di otto mesi dall’inizio di questa follia (che è bene ricordarlo, è figlia di un lavoro a quattro mani targato Comune e Hera) e nulla è cambiato. Siamo davanti alle stesse immagini, degli stessi luoghi, delle stesse problematiche segnalate oramai centinaia di volte. Le fotografie che nuovamente giungono da viale Amendola sanno tanto di presa in giro derivante da un atteggiamento tipico, quello di Hera, di chi sa che ha la possibilità di non sottostare alle regole.

Consapevolezza maturata grazie al comportamento del Comune, volto a tutelare principalmente la Multiutility all’interno di un (non naturale) rapporto a ‘maglie’ troppo larghe, dove il controllato e il controllore sono la stessa cosa'.

'Più che il rapporto mistificato dall’attenzione per gli utili post bilancio, il Comune dovrebbe tutelare i cittadini applicando stringenti controlli sull’operato di chi ha in carico la raccolta, con la consapevolezza che, per contratto, c’è l’obbligo di raccogliere comunque la spazzatura per evitare problematiche per la salute pubblica. Fratelli d’Italia si è schierata fin dalle prime ore contro questa gestione di raccolta rifiuti unico motivo per il quale a Modena è presente un livello di sporcizia indegno, folle e vergognoso. Abbiamo portato istanze che potessero far correggere il tiro in una fase, quella iniziale, dove ancora era presente uno spazio di manovra che consentisse di evitare di giungere al livello in cui siamo adesso.

L’Amministrazione ha preferito mettere in campo un vero e proprio circo di scelte, cadute una dopo l’altra, inefficienti, insensate. Dai mediatori culturali allo spazzino di quartiere formando una vera e propria galassia di costi aggiuntivi improduttivi in termini di risoluzione definitiva del problema. Fallimento certificato anche dal lancio delle cassette ‘eco smarty’, ovvero dall’inserimento di stazioni dove sono presenti i bidoni per piccoli rifiuti di carta e plastica. Si tratta di ulteriori costi anche in questo caso; infatti, si è scelto di spendere ancora pur di non dare l’idea di fare un passo indietro, fingendo nuove idee per evitare di accogliere quelle che giungono dall’opposizione nonostante sia stato comunque Fratelli d’Italia a chiedere, per primo, l’inserimento di isole ecologiche in più punti con la possibilità che esse accogliessero carta e plastica'.

'Richiesta avanzata più di sei mesi fa, con la differenza che noi, per non spendere ulteriore risorse che graveranno comunque sui modenesi, chiedemmo di ripristinare i vecchi bidoni  per dare priorità al rientro totale dell’emergenza. Richiesta che avanziamo ancora oggi. La sinistra continua con le battaglie ecologiche al contrario in un corto circuito psicologico e politico dove chi si erge a paladino del green, riempie di fatto  le città di immondizia strizzando l’occhio al grande colosso Hera e, soprattutto, facendo finta di non sapere che tutte queste scelte non hanno fatto diminuire per niente il lavoro dell’inceneritore di via Cavazza, funzionante 350 giorni all’anno (i restanti sono utilizzati per la manutenzione degli impianti) che continua a mantenere il ritmo obbligato per bruciare 240mila tonnellate di rifiuti all’anno, volume necessario per far funzionare l’impianto. Infatti è bene ricordare che, qualora non arrivasse a queste quantità, lo stesso, dovrebbe funzionare a gas per mantenere la temperatura necessaria al funzionamento. Ipotesi piuttosto diseconomica. Per questo motivo continuiamo ad importare rifiuti da fuori città e fuori regione - continua Negrini -. Anche su questo Fratelli d’Italia ha evidenziato più volte un evidente controsenso che gioca sulla salute della gente, evidenziando nuovamente la gestione a tutela di tutti meno che dei modenesi, e chiesto che venga anticipato lo spegnimento dell’impianto fissato per il 2034. Altra richiesta bocciata in un contesto che continua a mettere in luce il fallimento della Giunta anche sul tema ambiente approcciato con l’arroganza tipica della sinistra che pensa di poter continuare a prendere in giro i cittadini. La stessa arroganza che tanto si addice al peggior assessore all’ambiente mai visto, ex presidente di Legambiente, giusto per citare un altro cortocircuito, che, nonostante abbia fallito sotto tutti i punti di vista possibili, ben si guarda da compiere la scelta che si rivelerebbe essere la migliore dal suo insediamento, ovvero, rassegnare le proprie dimissioni compiendo un atto necessario per riportare un minimo di decenza da troppi mesi latitante in piazza Grande'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Onoranze funebri Gibellini
Politica - Articoli Recenti
‘Minori stranieri: nuova procedura per accertamento età dopo 7 anni dalla legge? Fino ad ora cosa è stato fatto?'
Il Capogruppo di Forza Italia in provincia Antonio Platis commenta annunciando una ..
18 Luglio 2024 - 20:45
'Fortunale 2023: rifiuti ancora non raccolti. De Pascale fa finta di nulla'
La consigliera di opposizione Verlicchi: 'Il sindaco di Ravenna, Presidente della Provincia ..
18 Luglio 2024 - 17:07
'Minori stranieri non accompagnati, la procedura formale non basta'
Simone Pelloni (Rete Civica): 'Serve fotosegnalamento e registro regionale per evitare che ..
18 Luglio 2024 - 17:03
'Chiosco sicurezza in piazza Matteotti, quali sono i veri risultati?'
Negrini (Fdi): 'Sbagliato continuare a bloccare agenti all’interno dell’ex edicola in ..
18 Luglio 2024 - 15:10
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58