Di Maio, unico candidato che può tornare a Palazzo Chigi è Draghi
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Di Maio, unico candidato che può tornare a Palazzo Chigi è Draghi

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il leader di Impegno civico apre la sua giornata campagna elettorale con un rito collettivo tutto partenopeo: il miracolo di San Gennaro


Di Maio, unico candidato che può tornare a Palazzo Chigi è Draghi
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'L'unico candidato che può ritornare a Palazzo Chigi è Mario Draghi, poi è logico che lui dica di no ma è lui che deve tornare '. Lo dice a Rai Radio1, ospite di 'Giorno da Pecora', Luigi Di Maio, ministro degli Esteri e leader di Impegno Civico. 'Penso però che quando Mattarella chiede ad una persona di esser investito di quel ruolo lui non si può rifiutare. Questa è la mia idea, che poi si puo' anche sindacare ovviamente', ha aggiunto Di Maio.

Giuseppe Conte ha disgregato tutto il Movimento 5 stelle, 'tanto è vero che li' dentro non c'è rimasto piu' nessuno. Conte ha buttato giu' il governo Draghi, lui non ha nessuna credibile nel dire che vuole governare il Paese: quando ne ha avuto la possibilita', non ha avuto coraggio e ha buttato giu'
l'esecutivo Draghi per calcoli personali'.

Dopo il criticato volo in trattoria sulle note di Dirty Dancing, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio resta a presidiare Napoli nell'ultimo scorcio di campagna elettorale. È una marcatura a zona, la sua. Quella del collegio uninominale di Napoli-Fuorigrotta, dove corre per un seggio alla Camera. Del resto, lui stesso ha utilizzato la metafora calcistica della rimonta del centrosinistra 'come in Napoli-Liverpool'.

Il leader di Impegno civico apre la sua giornata campana con un rito collettivo tutto partenopeo: il miracolo di San Gennaro. 'È un ottimo auspicio per la città e per il grande calore del popolo che si stringe intorno al Santo', dichiara dopo aver assistito allo scioglimento del sangue. Che l'atteso evento sia di buon auspicio lo spera anche per la volata elettorale di Impegno Civico: 'possiamo arrivare oltre il 3%, anche al 6%'.

Il ministro, per arrivare alle cifre annunciate, comincia con l'appellarsi alla sua gente. 'In questi giorni dico al popolo napoletano che io sono stato quello che ha fatto il reddito di cittadinanza, il taglio dei parlamentari e dei vitalizi, chiedo loro fidatevi di me, continueremo ad andare avanti'.

La contesa, da queste parti, è tutta con Giuseppe Conte, che nel Meridione si è guadagnato il nomignolo di 'papà del reddito'. Ed è proprio al leader del M5s che Di Maio riserva la prima frecciata di giornata: 'Non ha nessuna credibilità. Il paradosso è che votando Conte si fa un favore alla Meloni che vuole abolire il reddito'. L'invito del politico di Pomigliano d'Arco è al voto utile per battere 'una coalizione di destra che passa il tempo a litigare e, quando si trova d'accordo, si trova d'accordo sul togliere i soldi al Sud'. L'attacco è alle proposte dei rivali: 'autonomia differenziata, un ministero a Milano, la riapertura del Pnrr e del Patto per Napoli'.

Con l'avvicinarsi del 25 settembre, il leader di Impegno Civico sembra sempre più a suo agio nella coalizione di centrosinistra, tanto da sposarne simboli e canzoni. In diretta su Rai Radio 1 intona 'Bella Ciao' e commenta: 'L'ho cantata in passato... Per noi ha un legame storico con la Resistenza, l'antifascismo'. Dalla lotta partigiana alle questioni internazionali, il ministro gioca su tutti i fronti. Sui finanziamenti russi continua a chiedere una commissione d'inchiesta per sapere 'chi ha flirtato con Putin'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Feed RSS La Pressa
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi cosìtanto tempo che era diventata una famiglia
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Quelli di Prima - Articoli più letti
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06