La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
progettiQuelli di Prima

Energia elettrica prodotta: il mix Hera taglia le rinnovabili e aumenta combustibili fossili e nucleare

La Pressa
Logo LaPressa.it

Dal 19 al 9 la percentuale di fonti rinnovabili utilizzata per produrre l'energia distribuita da Hera. Mentre quella prodotta con l'inceneritore viene venduta da Hera


Energia elettrica prodotta: il mix Hera taglia le rinnovabili e aumenta combustibili fossili e nucleare

“Serve spingere con forza sull’acceleratore della sostenibilità, investendo su rinnovabili, efficienza energetica, mobilità sostenibile e riqualificazione urbana ed abbandonare l’era delle fonti fossili nel più breve tempo possibile' - recitava una nota diffusa di recente da Legambiente.

Obiettivo che non sembra rispecchiarsi nemmeno nelle strategie di mercato di chi, come Hera, compra, vende e distribuisce energia elettrica sul mercato emiliano romagnolo. Basta leggere una bolletta dell'energia elettrica, ed in particolare quello schema la cui pubblicazione è obbligatoria per legge e che illustra la composizione delle fonti utilizzate per produrre l'energia elettrica distribuita e venduta all'utenza finale nel territorio di propria competenza, per rendersi conto che l'utilizzo delle fonti rinnovabili è sempre meno perseguito e, paradossalmente in maniera inversamente proporzionale rispetto ai combustibili fossili tradizionali (gas e petrolio) che, per contro, sembrano godere di una seconda giovinezza e di un nuovo sviluppo. Con percentuali in aumento. Paradossalmente proprio nel momento in cui le stesse fonti sono ritenute nemiche dell'ambiente, alla base dell'alimentazione di decine di migliaia di impianti di riscaldamento nella sola città di Modena che, insieme alle emissioni derivanti dal traffico veicolare, costituiscono l'origine dell'inquinamento che satura i centri urbani

La composizione del mix energetico utilizzato per la produzione di energia elettrica venduta da Hera Comm nel 2016 e nel 2017 (ultimi dati disponibili), ha registrato un costante decremento delle fonti rinnovabili. Erano il 36,54% nel 2014, per scendere al 29 nel 2015, al 19 nel 2016 e con un calo di poco più di dieci punti percentuali, addirittura al 9% nel 2017. 



Per contro, nello stesso periodo (intervallo 2016-2017), è aumentato anche se di poco l'utilizzo del carbone dal 20 al 23%, dei prodotti petroliferi dal 1,11% al 1,58%, e del nucleare dal 3,15 al 5,61%. In pratica, se non consideriamo il nucleare prodotto all'estero e trasportato in Italia, le uniche che calano tra le fonti utilizzate per produrre l'energia elettrica necessaria ad alimentare migliaia di famiglie ed azienda nella provincia, sono proprio le fonti rinnovabili. Una percentuale ancora più bassa quella delle fonti rinnovabili utilizzate per produrre l'energia distribuita da Hera, se posta a confronto  la composizione del mix medio nazionale utilizzato dal sistema elettrico Nazionale e immesso in rete. Qui le fonti rinnovabili calano ma partendo da una percentuale da un valore ben più alto, che nel 2016 era pari al 38,85%, passando al 36,6%. Percentuale 4 volte superiore a quella di Modena. Ma non solo. Il mix medio nazionale di fonti utilizzate per la produzione di energia elettrica, al contrario, e sicuramente in maniera più virtuosa di quanto succede per il dato riguardante il bacino Hera, e quindi anche modenese, si registra anche sul calo della percentuale di Carbone e, anche se con piccoli scarti, dei prodotti petroliferi.

Un dato, quello locale, che stupisce maggiormente se viene accompagnato dal dato secondo cui Hera negli anni ha trasformato l'inceneritore in un centrale elettrica capace di produrre una tale quantità di energia elettrica che potrebbe alimentare centinaia di abitazioni ed imprese. Basta pensare che nel basta meno del 10% dell'energia elettrica prodotta dalla turbina fatta girare con il vapore a sua volta generato dall'acqua fatta bollire attraverso il calore generato dall'incenerimento per soddisfare il fabbisogno di energia elettrica dell'inceneritore stesso. Energia che per il 90% viene immessa e venduta da Hera al gestore nazionale. Fattore che moltiplica il valore economico e ai guadagno legati e derivanti dall'incenerimento dei rifiuti 

Gi.Ga.

Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Alea, da Forlì una alternativa all'inceneritore fuori da Hera
Politica
03 Novembre 2017 - 07:30- Visite:15172
Dossier inceneritore, il bluff del riciclo della plastica
Dossier Inceneritore
27 Ottobre 2017 - 07:02- Visite:14502
Dossier inceneritore, l'inquinamento e l'acquario
Dossier Inceneritore
01 Novembre 2017 - 07:30- Visite:14011
Hera, compenso dell'ad Venier quasi raddoppia in un anno: ora guadagna..
Economia
30 Aprile 2020 - 11:21- Visite:13392
Carnevalata Hera: la tesserina, il rifiutologo, i depliant, le ..
Il Punto
23 Ottobre 2017 - 10:50- Visite:13388
Il costo dell'inceneritore? Cinquecentomila euro al giorno
Dossier Inceneritore
13 Ottobre 2017 - 07:30- Visite:12859
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi così tanto tempo ..
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39- Visite:11720
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:14809
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:12998
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi «perfettamente integrati» E la Camorra ora «è più presente»
02 Gennaio 2014 - 13:54- Visite:12263


Quelli di Prima - Articoli più letti


AeC, la moglie di Muzzarelli nel ..
L’azienda, coinvolta nell’inchiesta ‘Cubetto’, finanziò la campagna elettorale del ..
01 Gennaio 2014 - 20:45- Visite:19186
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:14809
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:12998
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06- Visite:12362