Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

'Fine vita, cara Schlein il Pd non mortifichi il pluralismo interno'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Lettera aperta al segretario nazionale Pd di Paolo Negro, capogruppo Pd nell’Unione Comuni Bassa Modenese


'Fine vita, cara Schlein il Pd non mortifichi il pluralismo interno'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Quello che sta accadendo nel Pd di Verona, con la ‘rimozione’ di Annamaria Bigon dalla vicesegreteria del Pd, rea di aver votato in modo difforme al gruppo su un tema etico come il fine vita, mi sconvolge: questo accresce il mio allarme rispetto alla ‘manomissione’ di un principio fondatore e presupposto stesso della nascita del Pd'. A rivolgersi con una lettera aperta a Elly Schlein è Paolo Negro, già coordinatore del Comitato Costituente provinciale del Pd di Modena e capogruppo Pd nell’Unione Comuni Bassa Modenese.

'Anna Maria Bigon ha esercitato il suo voto di astensione sulla legge proposta dalla Giunta Zaia, in ordine al fine vita, in coerenza con la Costituzione che non prevede un ‘vincolo di mandato’, in coerenza con il fatto che si tratta di una materia delicatissima su cui in primis legiferare a livello nazionale, in coerenza con la propria coscienza ed in coerenza con un principio fondativo del Pd: il pluralismo culturale, insieme alla Costituzione stessa che nasce dall'incontro fecondo delle culture.


Per questo dovrebbe ora essere processata? Ma siamo pazzi? L’accusa riguarderebbe il non aver accolto il suggerimento di uscire dall’aula al momento del voto, per salvare il suo diritto di differenziare il suo voto ma di consentire in questo modo al contempo l’approvazione della legge regionale. Uscendo dall’aula, come le chiedeva il gruppo Pd, avrebbe consentito l’approvazione di una legge che non condivideva, e su cui peraltro la stessa maggioranza di centrodestra si era spaccata. Se esercitare la propria libertà di coscienza rispetto ad una legge su temi eticamente sensibili che non si condivide, diventa dentro il Pd oggetto di un processo, non è solo che qualcuno si ‘autosospende’, è la ragione esistenziale stessa del Pd, come casa di tutti i riformismi, a essere messa in questione e quindi la possibilità di un’alternativa alla destra in questo Paese'.

'Nei giorni scorsi ci ha lasciato il modenese Giulio Santagata, uno dei sognatori e degli artefici, come braccio destro di Romano Prodi, dell’Ulivo e del PD. Giulio, che nella sua stessa storia personale era crocevia delle culture fondative del Pd, concepiva il Partito Democratico come perno e federatore di una coalizione di centrosinistra, proprio in quanto capace di federare e far fiorire al proprio interno, senza recidere, il legale con il cattolicesimo democratico e con la storia della sinistra nel nostro Paese.
Il Pd deve tornare ad esaltare il proprio pluralismo culturale: se non fa questo, viene meno anche la possibilità di costruire un’alternativa competitiva alla destra, una forte alternativa di centrosinistra in questo Paese, per fermarne il declino'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Contattaci
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi cosìtanto tempo che..
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Quelli di Prima - Articoli più letti
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06