'Fusione Seta in Tper, rischio dispersione risorse umane e mezzi'
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
articoliPolitica

'Fusione Seta in Tper, rischio dispersione risorse umane e mezzi'

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Non è nostra intenzione accettare che questo cambiamento porti ad una svendita delle necessità della nostra città'


'Fusione Seta in Tper, rischio dispersione risorse umane e mezzi'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

“Apprendiamo dell’approvazione il 30 aprile, da parte del Consiglio Provinciale, del Protocollo d’Intesa per la costituzione del Gruppo Industriale del trasporto pubblico locale in Emilia Romagna per l’integrazione delle società di trasporto pubblico autofiloviarie Tper Spa, Seta Spa e Start Emilia Romagna spa al fine dello svolgimento, in collaborazione, di attività di interesse comune, e non nascondiamo una certa preoccupazione”. Così Elisa Rossini capogruppo Fratelli d’Italia in Consiglio Comunale.

“Certamente la finalità annunciata e che riguarda la creazione di operatori con dimensioni tali da aumentare la capacità di investimento e di finanziamento, suscita un giudizio positivo perché significa prendere atto che a livello locale è necessario migliorare il servizio di trasporto pubblico e che è possibile agire da parte degli enti locali al fine di ottenere questo risultato.

E questo significa che le nostre richieste rivolte in questi anni al Comune e nello specifico all’assessore alla mobilità Alessandra Filippi di concentrare gli sforzi sul potenziamento del trasporto pubblico, non erano richieste da indirizzare unicamente al governo nazionale, come spesso ci è stato detto, e che l’ente locale può e deve fare la propria parte” - continua Rossini.

“Il programma elettorale del centro destra dedica un punto specifico al trasporto pubblico ritenendo che l’ente locale debba assumersi la responsabilità e abbia il preciso compito di garantire servizi efficienti evitando di imporre scelte ideologiche (per esempio il dictat della giunta Muzzarelli “tutti in bici o in monopattino”) spesso portate avanti per coprire una incapacità di fondo - afferma Rossini -.

Abbiamo tuttavia una perplessità che ci induce ad essere prudenti di fronte al protocollo appena approvato dal Consiglio Provinciale che è la seguente: la creazione di un unico contenitore bolognese che supera l’attuale assetto societario che vede la presenza territoriale di Seta, Tper e Start Romagna, porta con sé l’evidente rischio di un allontanamento del servizio dalle esigenze peculiari di ogni singolo territorio. Ebbene, non è nostra intenzione accettare che questo cambiamento porti ad una svendita delle necessità della nostra città che da anni subisce carenze importanti nel trasporto pubblico locale. Sarà quindi una nostra priorità quella di vigilare affinchè le società territoriali previste nel protocollo non si traducano in presidi di facciata, ma che ci sia l’effettivo mantenimento in città del personale e dei mezzi”.

“Ci sia consentito poi – continua Rossini - di esprimere preoccupazione di fronte al fatto che questa delicata fase di passaggio per la gestione del trasporto pubblico locale vada ad interagire con la corsa alla nomina avviata dal sindaco uscente Muzzarelli che, attraverso la segretaria PD che ha firmato la candidatura e nell’evidente follia del carosello delle nomine di fine mandato a cui abbiamo assistito nelle ultime settimane, ha pensato di riproporre alla carica Alberto Cirelli, nonostante le vicende rese note dalla stampa locale che riguardano le sanzioni di cui risulta essere destinatario da parte di Confapi. Pertanto il nostro impegno nell’interesse dei cittadini è e sarà anche nel corso della prossima consiliatura, finalizzato ad una stretta vigilanza sull’attuazione del protocollo per evitare che la fusione di Seta in Tper disperda risorse umane e mezzi” - conclude Rossini.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


e-work Spa
Politica - Articoli Recenti
Europee a Modena, il valzer preferenze: male Fdi e Cavedagna incassa meno del previsto
A Modena prende solo poco più della metà delle preferenze che Bignami avrebbe chiesto a ..
10 Giugno 2024 - 11:52
In Emilia-Romagna cresce il centro sinistra, centro destra al palo, nonostante FDI
Sulla base dei dati alle elezioni europee, il divario tra centro-destra e centro-sinistra in..
10 Giugno 2024 - 10:23
Record di affluenza a Fiumalbo per il candidato unico Alessio Nizzi
Eletto per la prima volta nel 2019, sostenuto in primis dalla Lega, Nizzi ha ottenuto così ..
10 Giugno 2024 - 08:08
Europee a Carpi: vola il Pd, doppiata Fdi. Righi punta a vincere al primo turno
Con questi numeri Riccardo Righi vede la vittoria al primo turno, ma molto dipenderà dai ..
10 Giugno 2024 - 08:02
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58