Gestione rifiuti fallimentare, Hera rilancia lo spazzino: paradossi infiniti
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Gestione rifiuti fallimentare, Hera rilancia lo spazzino: paradossi infiniti

La Pressa
Logo LaPressa.it

E ricordiamo che i circa 1,8 milioni di euro che ogni anno Hera versa al Comune, in termini di disagio ambientale per l'inceneritore, sono caricati sulla Tari


Gestione rifiuti fallimentare, Hera rilancia lo spazzino: paradossi infiniti
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

E così dopo le tesserine per buttare la raccolta differenziata, le app, i cassonetti intelligenti e i vademecum, Hera davanti al fallimento del porta a porta a Modena, davanti alle strade invase di sacchi di plastica e davanti alle proteste di centinaia di cittaini, ha deciso di portare una grande novità: lo spazzino di quartiere.
Una iniziativa già lanciata lo scorso anno a Bologna e che ora viene introdotta anche a Modena. Termine 'politicamente scorretto' fino a pochi mesi fa, sostituito dal più professionale 'operatore ecologico', lo spazzino torna dunque d'attualità. 'Ognuna delle quattro aree della città avrà la sua squadra: un tutor-accertatore e uno spazzino di quartiere' - spiega Hera.



Ma davvero si pensa di risolvere il problema legato ai disagi dell'introduzione del nuovo modello di gestione di rifiuti con uno spazzino? E poi chi pagherà queste nuove sette figure professionali? La domanda appare banale, ma non è così.


Ricordiamo infatti che i circa 1,8 milioni di euro che ogni anno Hera versa al Comune, in termini di disagio ambientale per la presenza e gli effetti sul territorio comunale dell'inceneritore di via Cavazza, sono computati come costo del servizio fornito da Hera e quindi da coprire interamente con il pagamento della Tari. Ovvero dai cittadini e dalle imprese, che anziché essere compensati dai danni e dagli effetti ambientali provocati dall'inceneritore direttamente da Hera sono costretti a compensare a loro volta Hera dell'indennizzo stesso, attraverso la Tari. Lo ha spiegato la stessa assessore Filippi due anni fa in Consiglio comunale.

Un paradosso che si aggiunge al paradosso più clamoroso. I modenesi, costretti a una raccolta differenziata spinta, con tutti i disagi annessi, in termini locali (pur in un contesto teoricamente virtuoso) non fanno che 'liberare spazio' nell'inceneritore per indifferenziata da fuori provincia.

Infatti, aumentando la raccolta differenziata cala quella indifferenziata e così le 240mila tonnellate di rifiuti che l'inceneritore (sicuramente aperto fino al 2034) deve bruciare ogni anno si 'coprono' importando materiale di scarto non modenese.
E così, mentre le strade e i marciapiedi si riempiono di rifiuti e mentre lo spazzino ricompare per strada, con tanto di camioncino brandizzato, i cittadini si chiedono quale sia la ratio di tutto questo. E, un sogno lentamente si materializza nella mente di molti: chissà che il vecchio spazzino con la sua scopa di legno, il berretto di carta e le scarpe consumate non riesca a spazzare via tutte le storture ammantate di una ipocrita vernice bianca.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Europee a Modena, il valzer preferenze: male Fdi e Cavedagna incassa meno del previsto
A Modena prende solo poco più della metà delle preferenze che Bignami avrebbe chiesto a ..
10 Giugno 2024 - 11:52
Modena, il Pd ostenta sicurezza ma il ballottaggio è possibile
Intanto Luca Negrini non alza il livello dello scontro e non reagisce personalmente alle ..
06 Giugno 2024 - 10:26
Voto a Modena, Mezzetti perde la 'gentilezza': la destra torna ad essere il 'nemico'
Addirittura una destra locale tratteggiata come colpevolmente e consapevolmente ..
04 Giugno 2024 - 07:51
Voto a Modena: rischio del cambiamento e certezza della conservazione
Conservare un sistema che si conosce o cambiarlo accettando il rischio. Questo è il bivio. ..
01 Giugno 2024 - 14:39
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58