Il M5S: 'Carri armati in mostra a Modena, questo il concetto di Pace?'
e-work Spa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Il M5S: 'Carri armati in mostra a Modena, questo il concetto di Pace?'

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Il ripudio della guerra lo si costruisce valorizzando una cultura di pace, soprattutto nei riguardi delle giovani generazioni'


Il M5S: 'Carri armati in mostra a Modena, questo il concetto di Pace?'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Dobbiamo dire che non ci stupisce la scelta di esporre, in occasione del Motor Valley Fest, alcuni mezzi blindati militari (un carro armato e un veicolo tattico leggero) nel Cortile d'onore del palazzo Ducale. Non ci stupisce, perché le scelte del partito che governa questa città sono, a livello nazionale, molto coerenti (coerenti, peraltro, anche e soprattutto con le posizioni delle destre …) e inequivocabili nel sostenere l’invio di armi letali senza alcuna spinta verso l’imposizione di una soluzione diplomatica immediata del conflitto che sta devastando l’Ucraina'. Così il Movimento 5 Stelle di Modena sulla scelta di esporre alla Motor valley un carro armato e un veicolo militare.

'Non ci stupisce che venga considerato 'normale' esporre nel centro cittadino dei carri armati, che con la Motor Valley nulla c'entrano, in occasione di una Festa dedicata ai motori e visitata anche da giovani e da scolaresche, posto che viviamo in un clima in cui le idee di un intellettuale che osa esprimere posizioni pacifiste e contrarie al riarmo vengono bollate come “un motivo di imbarazzo” per il nostro Paese (ci riferiamo alla decisione dell'ex deputato del PD e sottosegretario alla Presidenza del Consiglio nel governo Prodi, Riccardo Franco Levi, di revocare l'invito all'apertura della Fiera del Libro di Francoforte 2024 al fisico e scrittore Carlo Rovelli, reo di avere assunto pubblicamente una posizione pacifista e di avere attaccato il Ministro della difesa Crosetto dal palco del Concertone del 1 maggio, con la motivazione che si vuole “ evitare che un’occasione di festa e anche di giusto orgoglio nazionale, si trasformi in un motivo di imbarazzo per chi quel giorno rappresenterà l’Italia” .

.

.

chissà cosa avrebbero fatto ad Albert Einstein e Bertrand Russell dopo il loro Manifesto per il disarmo ...). Ma, come Movimento 5 Stelle di Modena, pur se non ci stupiamo più di questi scempi, continuiamo a ribellarci e a protestare. Vedere nel Palazzo Ducale di Modena l’esposizione (ma diremmo meglio … l’ostentazione) di mezzi blindati di guerra, che sono costruiti per portare morte, miseria e distruzione, la troviamo una pagina non particolarmente edificante per la nostra città'.

'Perché noi continuiamo a ritenere che esempio di eccellenza non siano le tecnologie militari ed i mezzi che portano morte e distruzione, ma che lo siano gli insegnamenti e il coraggio di chi ha la forza per urlare parole di pace e contro le armi. Perché noi continuiamo a ritenere vivo e valido quel monito di Sandro Pertini “si svuotino gli arsenali, si colmino i granai”. Perché noi ad una cultura di guerra continuiamo ad opporre una cultura di pace. Ad una educazione alla guerra continuiamo ad opporre una educazione alla Pace. All’ostentazione di mezzi che portano morte e distruzione opponiamo le parole della nostra bellissima Costituzione: “L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali”. Ma il ripudio della guerra lo si costruisce valorizzando una cultura di pace, soprattutto nei riguardi delle giovani generazioni. E, allora, ci piace richiamare le parole di Don Ciotti, ospite della nostra Città nella piazza del 25 aprile: “la pace si costruisce innanzitutto nel pensiero ... occorre fare spazio alla pace”. Ecco, sarebbe stato opportuno che, soprattutto in occasione di una festa visitata da cittadini, scolaresche, giovani, non si fosse dato spazio ai carri armati, ma si fosse fatto spazio alla Pace. L’ennesima occasione persa per questa Amministrazione' - chiude il Movimento 5 Stelle.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Feed RSS La Pressa
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi cosìtanto tempo che era diventata una famiglia
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Quelli di Prima - Articoli più letti
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06