Il ritorno di D'Alema: 'Ma dove prendono il caffè i dirigenti Pd?'
e-work Spa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliPolitica

Il ritorno di D'Alema: 'Ma dove prendono il caffè i dirigenti Pd?'

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Io non so che rapporti abbiano i dirigenti del Pd con la società italiana. Mi domando persino dove prendano il caffè'


Il ritorno di D'Alema: 'Ma dove prendono il caffè i dirigenti Pd?'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

“La destra ha preso 12 milioni di voti, gli stessi del 2018, con una forte concentrazione in FdI. Un balzo in avanti compensato dal dimezzamento degli alleati. La maggioranza parlamentare poggia su un consenso espresso dal 28% dell’elettorato: sono elezioni che mostrano una profonda crisi del sistema democratico. Una crisi non solo italiana”. Parte da qui l’analisi del voto di Massimo D’Alema, intervistato da ‘Il Fatto quotidiano’.

L’ex premier nega l’ipotesi di un pericolo fascista, “anche se questa destra è venata di aspetti nostalgici“. E poi passa ad analizzare la crisi del Pd, suggerendo un riavvicinamento al Movimento 5 Stelle. Secondo D’Alema, il governo Conte 2 “ha fatto bene durante il Covid e ha rappresentato con dignità l’Italia nell’Ue. Conte ha portato i soldi del Recovery fund. È caduto per il sabotaggio interno e per alcune pressioni esterne“.


Per D’Alema, la decisione del partito guidato – ancora per poco – da Enrico Letta di presentarsi alle elezioni politiche diviso dal M5S è stato un errore di strategia. “I dirigenti del Pd hanno pensato che la fine di Draghi provocasse un’ondata popolare nel Paese, travolgesse Conte e portasse il Pd, la forza più leale a Draghi, a essere il primo partito. Io non so che rapporti abbiano i dirigenti del Pd con la società italiana – graffia l’ex presidente del Consiglio – Mi domando persino dove prendano il caffè la mattina, perché il risultato ha detto esattamente l’opposto. La scena del voto è stata dominata dai due leader che hanno contrastato Draghi (Meloni e Conte, ndr). La tecnocrazia evoca sempre il populismo e la vicenda Monti avrebbe dovuto vaccinare il Pd”.

Ma l’ex premier ne ha anche per il Terzo polo: secondo lui, nell’alleanza saltata con Calenda e Renzi “Letta è stato fortunato.

Quest’alleanza avrebbe portato Conte al 20%”. Il suggerimento di D’Alema, in vista della fase congressuale che deciderà il futuro dei dem, è quindi di tornare all’alleanza con il M5S.
Nel corso dell’intervista, D’Alema rimarca lo scollamento tra il Pd e il mondo che rappresenta e le classi popolari: “Le élite economiche e culturali del Paese, quelle che leggono i giornali, non hanno più rapporti con la realtà. Sa che mi hanno detto alcuni vecchi compagni comunisti? ‘Votiamo Conte perché i grandi giornali ne parlano male'”.
Da qui il consiglio di riformare il campo largo, naufragato dopo il mancato voto di fiducia del M5S a Draghi. “Conte ha rifondato e ricollocato il M5S e il Pd ha bisogno di lui perché non intercetta più il voto popolare. Il voto dei poveri, degli operai, si è polarizzato tra la destra e il Movimento, il Pd ne prende davvero pochi. Ora bisogna ricomporre il campo largo”.
D’Alema si tira però fuori dall’agone politico: “Mi capita di sentire Conte ma io non faccio più politica attiva. È un uomo che ascolta e valuta e ha anche un tratto di grande civiltà personale”.
“È una campagna vergognosa – ha dichiarato il presidente D’Alema – quella che si fa su ció che uno avrebbe votato. È una inaccettabile violazione di uno dei principi fondanti della democrazia: la segretezza del voto. In ogni caso la notizia per cui avrei votato Movimento 5 Stelle è falsa”. Conclude D’Alema.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

e-work Spa

Acof onoranze funebri
Politica - Articoli Recenti
FDI, programma cultura: 'Modena torni a stupire, anche come capitale'
Negrini, Pulitanò e Rossini: 'Rilanciamo su storia Estense, risorgimento e grandi eventi ..
24 Maggio 2024 - 00:30
Confindustria, al via il nuovo corso del modenese Orsini
'Anacronistico pensare di dividere il Paese in questo momento, proprio quando noi chiediamo ..
23 Maggio 2024 - 22:42
Urbanistica, famiglia e sicurezza: Bignardi e Rossini a confronto
Al centro del confronto, moderato dal direttore de La Pressa Giuseppe Leonelli, anche i temi..
23 Maggio 2024 - 21:54
Elezioni Regionali ER, Azione: 'Sì a Primarie: noi candidiamo Richetti'
Parla Paolo Zanca. E su Modena: 'Noi crediamo che Massimo Mezzetti abbia tutte le ..
23 Maggio 2024 - 15:45
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58