Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Inceneritore: l'indennizzo Hera ai cittadini? Lo pagano i cittadini

La Pressa
Logo LaPressa.it

Gli 1,8 milioni di euro dell'indennizzo annuo di Hera al Comune tornano ad Hera perché inseriti come costo nella bolletta Tari. L'Assessore Filippi risponde in Consiglio a FI e M5S


Inceneritore: l'indennizzo Hera ai cittadini? Lo pagano i cittadini

I circa 1,8 milioni di euro che ogni anno Hera versa al Comune, in termini di disagio ambientale per la presenza e gli effetti sul territorio comunale del super-inceneritore di via Cavazza (in base ad un protocollo firmato nel 2012), sono computati come costo del servizio fornito da Hera e quindi da coprire interamente con il pagamento della Tari. Ovvero dai cittadini e dalle imprese, che anziché essere compensati dai danni e dagli effetti ambientali provocati dall'inceneritore direttamente da Hera sono costretti a compensare a loro volta Hera dell'indennizzo stesso, attraverso la Tari. 

E' questa la realtà emersa ieri nel corso del Consiglio comunale di Modena dove l'Assessore all'ambiente Alessandra Filippi ha risposto a due distinte interrogazioni, ma simili nel loro contenuto, presentate dai consiglieri comunali Giacobazzi (Forza Italia) e Silingardi (Movimento 5 stelle), tese non solo a confermare le cifre dell'indennizzo ma anche il rispetto della destinazione.
in interventi ambientali, dell'indennizzo stesso, oltre che ad avanzare proposte per l'utilizzo di tale importante somma (10 milioni in sei anni). Tra queste sgravi o sconti in bolletta. 

Quesiti ai quali già in passato, su La Pressa, avevamo tentato di dare risposta e fare chiarezza, calcolandolo di anno in anno l'ammontare di questa cifra, ma soprattutto tentando di capire se e come tale somma, (vincolata ad essere spesa per interventi sul fronte ambientale e di riduzione del danno dell'inceneritore riconducibile non solo alle emissioni inquinanti dal camino ma anche delle migliaia di camion carichi di rifiuti urbani e speciali che oltre ad inquinare rovinano, per esempio, l'asfalto delle strade di accesso), fosse in realtà stata spesa dall'amministrazione comunale. Informazioni che è sempre stato difficile se non impossibile dedurre dal bilancio e tantomeno dagli interventi dell'assessorato all'ambiente. Il motivo, già chiaro anni fa, è diventato più chiaro in queste ore, perché confermato dallo stesso Assessore. Queste azioni formalmente finanziate dall'indennizzo erano e sono inserite all'interno del mare magnum di azioni generali del Comune in campo ambientale (comprendendo sfalci e piantumazioni), per i quali era (ed è) difficile distinguere quelli finanziati a titolo di compensazione del disagio arrecato e quali no. Ovvero, riuscire ad individuare le azioni sarebbe giusto Hera finanziasse, anche se attraverso il comune. Togliendo soldi dalle proprie casse rimpinguate dagli enormi introiti dell'inceneritore per compensare, appunto, il comune e quindi i cittadini, del danno, dell'impatto, e del disagio arrecato.

Ieri, con la risposta dell'assessore, il dubbio non solo è rimasto, ma a questo si è aggiunto un elemento controverso non solo sul piano tecnico ma anche sul piano politico.
Andiamo con ordine. Con la motivazione che sarebbe stato impossibile dare una risposta a voce elencando i singoli interventi eseguiti con i soldi dell'indennizzo Hera (sia perché tanti e sia perché indistinguibili da quelli direttamente eseguiti dal comune e a spese del Comune), l'Assessore non ha risposto di fatto nel merito delle domande poste dai consiglieri, limitandosi a confermare, pur in linea generale, di avere eseguito interventi di mitigazione ambientale e di potere fornire, a richiesta, in forma scritta, l'elenco degli interventi.
Ma poi si è andati oltre. Perché dalla risposta è emerso che i 10 milioni e 200 mila euro che Hera avrebbe versato a titolo di indennizzo al Comune negli ultimi sei anni 'sono - testuali parole dell'Assessore - considerati un costo accessorio del servizio che, come tale, è coperto dalla tariffa del servizio di gestione dei rifiuti urbani'. Di fatto nelle voci che pesano sulla bolletta che i cittadini e le imprese pagano ad Hera. In una sorta di partita di giro che riporta a favore di Hera ciò che formalmente risulta a favore dei cittadini contribuenti. In forma ancora più semplice, l'indennizzo ai cittadini viene fatto pagare ai cittadini.

E la prova del nove di questo vulnus è arrivata dallo stesso assessore in risposta alla proposta dei consiglieri di aumentare la cifra dell'indennizzo Hera (oggi ammonta a 8,33 per ogni tonnellata di rifiuto bruciata) a favore (a questo punto solo teoricamente), dei cittadini.
L’assessore Filippi ha risposto specificando che il valore “è stato tenuto volutamente basso per non caricare ulteriormente le bollette della Tari sulle quali per le norme in vigore andrebbe a pesare un eventuale aumento”. Più chiaro di così. 

Esterrefatti ed in buona parte insoddisfatti della risposta, i consiglieri Giacobazzi e Silingardi hanno annunciato la richiesta di tutta la documentazione cartacea a disposizione affinché si faccia chiarezza su tutti i dati rispetto agli interventi finanziati, ma soprattutto su un meccanismo di compensazione e di computo in bolletta che nelle triangolazione tra Comune, Hera e l'agenzia di ambito Atersir, finisce ancora una volta per unire il danno a quella che a tutti gli effetti appare, nei confronti dei modenesi, come un beffa.

Gi.Ga.



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Articoli Correlati
Il costo dell'inceneritore? Cinquecentomila euro al giorno
Dossier Inceneritore
13 Ottobre 2017 - 07:30
Dossier inceneritore, il bluff del riciclo della plastica
Dossier Inceneritore
27 Ottobre 2017 - 07:02
Dossier inceneritore, l'inquinamento e l'acquario
Dossier Inceneritore
01 Novembre 2017 - 07:30
Dossier inceneritore parte 2: la fotografia di quello che esce dal ..
Dossier Inceneritore
18 Agosto 2017 - 15:44
Inceneritore, il bluff del riciclo della plastica: si recupera solo 6%
Dossier Inceneritore
16 Novembre 2018 - 10:27

Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi cosìtanto tempo che..
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Quelli di Prima - Articoli più letti
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06