e-work Spa
Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliPolitica

Inchiesta spese pazze: dopo 12 anni Andrea Leoni assolto con formula piena, il fatto non sussiste

La Pressa
Logo LaPressa.it

L’ex Consigliere regionale di Forza Italia: ‘Restituito l’onore che mi era stato tolto ma nessuno mi ridarà 12 anni di vita stravolta, un lavoro che amavo e che ho dovuto abbandonare’. L’inchiesta da milioni di euro finita in nulla. ‘Si tratta di un flop giudiziario clamoroso. In un paese normale qualcuno dovrebbe risponderne'


Inchiesta spese pazze: dopo 12 anni Andrea Leoni assolto con formula piena, il fatto non sussiste
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Assolto con formula piena, il fatto non sussiste. L’ex consigliere regionale di Forza Italia Andrea Leoni, coinvolto insieme ad altri consiglieri regionali dell’Emilia Romagna nell’inchiesta avviata nel 2012 sulle cosiddette spese pazze esce a testa alta e senza macchia con il più importante dei risultati: la dimostrazione, all’ultimo grado di giudizio, che i reati contestati non sono stati commessi. “Una sentenza capace di restituirmi l’onore che era stato infangato ingiustamente, ma che non mi ridarà 12 anni in cui le vite mia e della mia famiglia sono state stravolte da una inchiesta che nel pieno della carriera politica, a 42 anni, consigliere regionale, mi ha anche negato quell'attivitá che amavo e che ho scelto di  abbandonare”- commenta Leoni.

“L’accusa di peculato, per un politico, è la più infamante  quella che di fatto non ti consente più di fare attività politica.

Ci accusavano di avere destinato a spese non inerenti con il mandato risorse pubbliche. A me contestarono 150.000 euro per un periodo di dieci anni. Già con la sentenza di primo grado ne erano rimasti soli 6000, poi l’assoluzione che ha tolto ogni dubbio di merito anche su quelli. Il problema è che una giustizia che arriva dopo 12 anni, non si può più chiamare giustizia”.

Andrea Leoni in questo risultato non ha mai smesso di credere, al punto di scegliere subito il rito abbreviato, sicuro di potere dimostrare di avere agito sempre correttamente. Le indagini scattarono nel 2012 con una enorme task force della Guardia di Finanza, accompagnata da un grande clamore mediatico e sfociarono nelle richieste di rinvio a giudizio e in altri 10 anni di calvario.

Cosa successe? “Scelsi il rito abbreviato per dimostrare l’assoluta regolarità del mio operato, e che, per quanto mi riguardava, non c’era nessuna spesa pazza.

Anche perché bisogna partire da un presupposto: le spese di cui parliamo e che ci contestavano erano tutte disciplinate da leggi e regolamenti regionali. Funzionava così. Ogni consigliere pagava di tasca propria le spese sostenute per l’attività istituzionale. Spese che venivano rendicontate dal gruppo, sottoposte anche all’analisi degli organismi di vigilanza interna alla Regione e solo dopo questi controlli venivano  rimborsate'.

Allora secondo lei da cosa è nata l’inchiesta? Si è dato una spiegazione? “Credo sulla scia del caso Fiorito (consigliere della regione Lazio) si fosse scatenata una sorta di caccia alle streghe. Forse pensavano di trovare un Fiorito anche in Emilia-Romagna, ma non avendo nessun fatto clamoroso in mano, gli inquirenti hanno sperato di trovare qualcosa vagliando migliaia di documenti relativi alle spese di tanti anni di attivitá di tutti i gruppi regionali. Hanno fatto una indagine a strascico. Ricordo il sequestro da parte della Guardia di Finanza, di centinaia di faldoni di carte. Per assurdo non trovando evidentemente nulla di clamoroso, raccolsero e ci contestarono tutte le spese di circa 10 anni di attività. Per difendermi da queste assurde accuse, con un lavoro immane mio, dei miei avvocati e dei miei collaboratori ho ricostruito e giustificato tutte le spese sostenute. Tutte. Basta pensare che la memoria difensiva depositata contava 6000 pagine”.

Può farci un esempio di spesa contestata? “La spesa per partecipare ad un convegno sulla scuola alla presenza dell’allora ministro Gelmini. Mi venne detto che non era pertinente con il mio ruolo di consigliere regionale, nonostante fossi Vicepresidente della commissione regionale scuola. Naturalmente avevo ragione io. E mi chiedo, è corretto che un finanziere o un magistrato possano decidere a quale convegno un consigliere regionale può o non può partecipare? Di questo passo la Magistratura si sostituirà a chi è democraticamente eletto dal popolo attraverso libere elezioni”.
 
Dopo due gradi di giudizio nel 2021 la suprema Corte di Cassazione mi ha assolto dal reato di peculato. Fu addirittura lo stesso Procuratore Generale (ndr l'accusa) a richiedere l'assoluzione. Questa sentenza sconfessava totalmente i giudici di primo e secondo grado, demolendo il fallace teorema accusatorio dei giudici bolognesi. La sentenza peró prevedeva che gli atti fossero rinviati alla Corte di Appello di Bologna perché valutasse se vi fossero altri reati da contestare.
E veniamo a venerdi scorso di fronte alla quarta sezione della Corte di Appello di Bologna, dove l'accusa mi contesta non piu il peculato, bensì la truffa. A questo punto avrei potuto avvalermi della prescrizione (visto che tale reato si prescrive in 7 anni e mezzo) invece decido senza esitazione di dimostrare fino in fondo, fino all’ultimo euro, la mia innocenza. Ho avuto ragione. Dopo una lunga camera di consiglio, la Corte mi ha assolto con formula piena da tutte le accuse perché il fatto non sussiste'.

Oggi come si sente?: “Sono contento. E’ la fine di un incubo che ha stravolto la mia vita e che ha portato a conseguenze, alcune non più rimediabili, sul piano umano, professionale ed economico, ma rimane tanto amaro in bocca”.

Cosa intende? “Siamo di fronte ad un enorme flop giudiziario. Il disegno e il sistema criminale che si voleva dimostrare non c’era. Una inchiesta costata milioni di euro ai contribuenti finita in nulla, perché oltre alla mia ci sono state raffiche di assoluzioni. Ci sono persone accusate sulla base di tesi assurde e senza prove che sono morte prima della sentenza.
In un paese normale i responsabili di una inchiesta giudiziaria fallimentare come questa dovrebbero risponderne. E invece questo normalmente non accade e temo non accadrà nemmeno questa volta. Mi auguro solo che nessuno debba subire quello che ho patito io'.
 
Gianni Galeotti 

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Onoranze funebri Simoni

Acof onoranze funebri
Politica - Articoli Recenti
Modena, Hera posiziona due nuove ..
Alle prime sei, collocate lo scorso novembre in varie zone della città, da oggi se ne sono ..
02 Aprile 2024 - 16:32
Voto a San Prospero, stessa sfida di ..
Nel 2019 Borghi stravinse col 65,7% contro il 34,3%, ma questo non ha impedito al ..
02 Aprile 2024 - 10:48
Dondi (Fdi): 'Nel Patto per Modena ..
'Rimango negativamente colpita dal fatto che nel Patto per Modena sicura non una volta si ..
01 Aprile 2024 - 23:50
'Modena, chioschi sui viali: ancora ..
Modena Volta Pagina attacca: 'L’incredibile lottizzazione cementizia sul verde dei Viali ..
01 Aprile 2024 - 15:38
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58