'Maltempo luglio 2023 in Emilia Romagna, quando arriveranno i soldi?'
e-work Spa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliPolitica

'Maltempo luglio 2023 in Emilia Romagna, quando arriveranno i soldi?'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Con un question time all’Aula il Consigliere Mastacchi, capogruppo di Rete civica - Progetto Emilia- Romagna


'Maltempo luglio 2023 in Emilia Romagna, quando arriveranno i soldi?'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Con un question time all’Aula il Consigliere Mastacchi, capogruppo di Rete civica - Progetto Emilia- Romagna, è intervenuto sui danni causati nel luglio 2023 dal fortunale che si è abbattuto sulla Regione e in particolare sulle province di Parma, Reggio, Modena, Bologna, Ferrara, Ravenna e Forlì-Cesena. Il fortunale si è abbattuto in zone già pesantemente colpite dalle gelate tardive occorse in aprile e dall’alluvione di maggio 2023. Il bilancio è stato molto pesante a causa delle violentissime piogge, grandinate e raffiche di vento superiori ai 100 chilometri orari che hanno provocato interruzioni di strade, disservizi e gravi danni a edifici pubblici, abitazioni private, attività produttive e coltivazioni con svariati ettari di coltivazioni persi. A questi eventi è seguita la “Dichiarazione dello stato di emergenza” per i territori delle province di Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna, Ferrara, Ravenna e Forlì Cesena deliberata dal Consiglio dei Ministri in agosto, accompagnata da uno stanziamento di 4.

500.

000,00 euro per l’attuazione dei primi interventi in attesa della valutazione dell’effettivo impatto degli eventi. Con Decreto del Presidente 187 del 13/12/2023 è stato approvato il primo stralcio del piano relativo ai primi interventi urgenti e sono state emanate le Direttive per rendere disponibili i contributi per i cittadini e le famiglie che hanno dovuto lasciare le proprie case danneggiate.

Inoltre è stato prorogato al 31 gennaio 2024 il termine per la presentazione delle domande di contributo ed è stato differito al 11 marzo 2024 il termine previsto per l’espletamento dell’attività istruttoria e l’invio degli elenchi riepilogativi delle domande ammissibili a contributo da parte degli Organismi Istruttori all’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile.

Ai primi rimborsi potrà poi seguire un’eventuale seconda tranche di indennizzi, in caso di stanziamento di ulteriori risorse da parte dello Stato, a fronte della presentazione da parte dei cittadini di una ricognizione di tutti i danni, anche non pregiudicanti la fruibilità dell’abitazione e l’immediata ripresa della capacità produttiva delle aziende e anche relativi ad abitazioni diverse da quelle principali.

La domanda di Mastacchi alla Giunta punta a sapere 'quante domande sono pervenute ad oggi, a quanto ammontano i contributi richiesti per i primi rimborsi, quali sono i tempi di liquidazione e se è già stata fatta una stima delle ulteriori risorse eventualmente stanziabili con la seconda tranche di indennizzi'.

La vicepresidente Priolo ha affermato che la gestione delle pratiche per i rimborsi è faticosa per tutti gli attori coinvolti, tanto che 'di concerto con il Dipartimento Nazionale è stata concordata la proroga dei termini che scadono proprio oggi'. L’elaborazione dei dati necessita di tempo e la vicepresidente si impegna a fornirli dall’11 di marzo. Mastacchi ha ringraziato dell’impegno e al netto del fattore tempo, che pesa molto per chi chiede i rimborsi, si è detto 'soddisfatto di poter dare un messaggio di speranza, con la previsione che in un paio di mesi la situazione sarà chiara e in via di soluzione'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

e-work Spa

Acof onoranze funebri
Politica - Articoli Recenti
Castelfranco Emilia: due arresti per evasione
I Carabinieri hanno fermato un uomo poteva uscire di casa solo per andare a lavorare, un ..
20 Maggio 2024 - 00:29
Mirandola, il Pd: 'La Budri viola la par condicio'. Ma nel 2019 i Dem fecero lo stesso
'Maino Benatti, così come altri membri dell’amministrazione (pure candidati), ..
19 Maggio 2024 - 18:27
Punti nascita, da Mirandola a Pavullo: promesse tradite di Bonaccini
Non solo non riapriranno i punti nascita in montagna, la Regione del governatore che promise..
19 Maggio 2024 - 07:31
Campagna elettorale, prof Modena: 'Dibattiti ridotti a narcisistiche passerelle'
'Vere e proprie narcisistiche passerelle utili alla visibilità di qualche responsabile di ..
18 Maggio 2024 - 18:23
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58