Il programma M5S: 'Con Massimo Mezzetti cambieremo la città'
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
articoliPolitica

Il programma M5S: 'Con Massimo Mezzetti cambieremo la città'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Presentato al parco Amendola, con il candidato sindaco del centro-sinistra, il programma in 10 punti del Movimento 5 stelle, sintetizzato nel patto stipulato con Mezzetti. Su ambiente, rifiuti e welfare discontinuità con l'amministrazione Muzzarelli. Mezzetti: 'Con il Movimento condivisione senza sforzi'. E in lista c'è anche la storica ambientalista Sandra Poppi


  • Il programma M5S: 'Con Massimo Mezzetti cambieremo la città'
  • Il programma M5S: 'Con Massimo Mezzetti cambieremo la città'
  • Il programma M5S: 'Con Massimo Mezzetti cambieremo la città'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Negli ultimi 5 anni abbiamo portato avanti la nostra visione di città dall'opposizione. Ora abbiamo deciso di farlo, all'interno di una coalizione che speriamo risulti vincente e che ci consenta, in maggioranza, di correggere quelle politiche conservatrici che l'amministrazione ha portato avanti in questi anni e alle quali ci siamo opposti. Eravamo pronti a farlo ancora fuori dalla coalizione, con un nostro candidato, ma l'arrivo di Massimo Mezzetti, fuori dal PD con una sensibilità sui temi per noi fondamentali, ha cambiato tutto. Con lui abbiamo trovato una naturale condivisione sui temi per noi importanti, della partecipazione, dell'ambiente e del welfare e che ha fornito le condizioni per scegliere di portarle avanti in un possibile governo della città'.

Giovanni Silingardi, consigliere comunale uscente e indicato come capolista del Movimento 5 Stelle di Modena all'interno della coalizione a 7 che sostiene la candidatura di Massimo Mezzetti, prova subito a sgombrare il campo rispetto alle critiche di chi vede la corsa del M5S all'interno della coalizione del centro sinistra a traino PD, più una questione di potere e di eventuali poltrone. A contrastare questa visione ci aveva pensato poco prima, in apertura dell'evento di presentazione del programma, al centro del parco Amendola, anche il coordinatore provinciale del Movimento Massimo Bonora. 'Il programma che presentiamo oggi è frutto di 5 anni di lavoro e di un confronto di merito con Massimo Mezzetti. Un lavoro che tiene conto del passato ma che è di prospettiva, per aprire una nuova fase politica'.

Al tavolo dei relatori oltre al coordinatore Bonora e al consigliere comunale Silingardi ci sono, con interventi previsti da subito, gli altri tre consiglieri uscenti: Enrica Manenti, Barbara Moretti e Andrea Giordani.

Dopo di loro i coordinatori regionali Gabriele Lanzi e Marco Croatti, l'Eurodeputata del M5S Sabrina Pignedoli, la Deputata Stefania Ascari, e gli ex parlamentari del movimento Maria Laura Mantovani e Vittorio Ferraresi.

Presenti anche numerosi candidati che faranno parte della lista. Tra di loro anche la storica ambientalista Sandra Poppi, legata alle grandi battaglie contro le politiche nella gestione dei rifiuti e l'inceneritore. Ed è proprio sui rifiuti e sulle politiche ambientali che si riscontra una discontinuità netta con le politiche portate avanti dal centro sinistra a traino PD e Muzzarelli al governo della città.



Oltre al portare avanti la piena applicazione del modello porta a porta, correggendo gli errori, e puntando all'integrale a tariffa puntuale, si propone il modello Treviso o Forlì dove si è arrivati alla divisione, da sempre ritenuta fondamentale per il Movimento, tra soggetto che raccoglie e soggetto che smaltisce il rifiuti e dove in una logica di gestione circolare si potrebbe arrivare a spegnere l'inceneritore non dal 2034, tra dieci anni, ma tra 5, al termine della prossima consigliatura. Nero su bianca nel programma pentastellato.

I consiglieri si dividono i punti di programma da illustrare contingentando il tempo in 5 minuti a intervento. La visione di città che emerge è quella dei rioni, dei quartieri e di un città riorganizzata sul concetto di prossimità, quella in cui in ogni quartiere trovi tutto, anche solo sposandoti a piedi. 

A Barbara Moretti oltre ai rifiuti e alle politiche ambientali, tocca il welfare. Anche qui una piccola rivoluzione basata sul mettere al centro la persona in una presa in carico a 360 gradi. Un cambio di rotta rispetto all'amministrazione precedente sulle esternalizzazioni. Dal settore anziani a quello dell'infanzia. 'Dobbiamo riportare il comune al centro del controllo e della gestione con un piano di reinternalizzazione dei servizi e delle risorse' - afferma il consigliere.

Una logica di rete e di presa in carico integrata dei problemi anche richiamata dal Consigliere comunale Andrea Giordani sul tema della sicurezza, da anni impegnato anche come volontario civico. Anche qui ritorna il concetto di patto, 'attraverso il quale - afferma Giordani - i cittadini si sentono protetti e, allo stesso tempo, partecipi della risoluzione del problema, anche attraverso la crescita di una consapevolezza che, a fianco dei propri diritti, la legge pone anche doveri. Una condizione di maggiore sicurezza va, inoltre, costruita attraverso misure di controllo del territorio e repressive, ma anche con un’azione preventiva, che elimini tutte quelle condizioni di disagio che alimentano condotte illegali e criminali. A partire dalle zone degradate e abbandonate della città'.

'Cultura per noi è humus per la qualità della vita' - afferma il consigliere comunale uscente e ricandidata Enrica Manenti che riprendendo il programma sui temi del turismo ribadisce l'ok ai festival ma di qualità, e di eventi diffusi nei quartieri non solo nel centro storico. 'Sul complesso Sant'Agostino va chiarito il progetto culturale, ma poi si deve anche prevedere un utilizzo che tenda ad un’offerta H24 – 7/7 per tutta la cittadinanza, soprattutto per le fasce più giovani. 
Tra le proposte in tale ambito anche una consulta permanente della cultura territoriale, che coordini in modo leggero eventi, iniziative e attività e soprattutto valorizzi le iniziative già presenti'.

Tutto chiaramente dipenderà dall'esito elettorale. Non solo, chiaramente, in riferimento alla vittoria o meno della coalizione di centro sinistra ma anche del peso che il Movimento 5 stelle avrà in termini elettorali. 

Gianni Galeotti

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


e-work Spa
Politica - Articoli Recenti
Europee a Modena, il valzer preferenze: male Fdi e Cavedagna incassa meno del previsto
A Modena prende solo poco più della metà delle preferenze che Bignami avrebbe chiesto a ..
10 Giugno 2024 - 11:52
In Emilia-Romagna cresce il centro sinistra, centro destra al palo, nonostante FDI
Sulla base dei dati alle elezioni europee, il divario tra centro-destra e centro-sinistra in..
10 Giugno 2024 - 10:23
Record di affluenza a Fiumalbo per il candidato unico Alessio Nizzi
Eletto per la prima volta nel 2019, sostenuto in primis dalla Lega, Nizzi ha ottenuto così ..
10 Giugno 2024 - 08:08
Europee a Carpi: vola il Pd, doppiata Fdi. Righi punta a vincere al primo turno
Con questi numeri Riccardo Righi vede la vittoria al primo turno, ma molto dipenderà dai ..
10 Giugno 2024 - 08:02
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58