Modena, Anpi: '25 aprile, il tempo della Resistenza è adesso'
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Modena, Anpi: '25 aprile, il tempo della Resistenza è adesso'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Lo ha affermato Albertina Soliani, presidente dell’Istituto Alcide Cervi e vicepresidente nazionale dell’Anpi alla cerimonia in piazza Grande: 'Se oggi ci sono autorità che vanno all'altare della patria e non si uniscono alla festa dii popolo, abbiamo un problema di democrazia'


Modena, Anpi: '25 aprile, il tempo della Resistenza è adesso'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Il tempo della Resistenza è adesso: quando il mondo è attraversato da un grande bisogno di Liberazione, quando infuriano le guerre, quando l’umanità sembra smarrire il senso del futuro. È oggi il tempo del sogno che percorre le strade, anche di Modena, come in quel 25 aprile di 79 anni fa'. Lo ha affermato Albertina Soliani, presidente dell’Istituto Alcide Cervi e vicepresidente nazionale dell’Anpi, che oggi, giovedì 25 aprile, ha partecipato con il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli e il presidente della Provincia Fabio Braglia, alla manifestazione per celebrare la Festa della Liberazione che, come ogni anno, si tiene in piazza Grande. Presente sul palco anche il prefetto Alessandra Camporota.



Le cerimonie si sono aperte con la messa in Duomo, officiata da monsignor Giuliano Gazzetti, e sono proseguite con il corteo guidato dalle autorità civili e militari accompagnato della banda cittadina “Ferri”.

Al Sacrario della Ghirlandina i rappresentanti delle istituzioni hanno reso omaggio ai caduti con la deposizione di una corona di fiori, prima della manifestazione conclusiva in piazza Grande, con l'intervento principale affidato alla Vicepresidente Anpi Nazionale e Presidente dell'Istituto Alcide Cervi, Albertina Soliani.



Un invito il suo, a rinnovare e a rilanciare lo spirito del 25 aprile e dell'antifascismo trasmettendolo ai giovani. 'Dobbiamo educare i giovani alla libertà. La Repubblica la Costituzione la pace possono essere portate via semplicemente perché noi non siamo in grado di averne cura, di proteggerli. Oggi come ieri si tratta di scelte morali prima ancora che politiche, scelte che uniscono un popolo. Non possiamo sottrarci da questo compito, ovvero riconoscere e dichiarare di difendere questa scelta. L'antifascismo è semplicemente decisivo oggi perché lo è stato ieri.

Chi può sentirsi a disagio nel riconoscersi antifascista?'. E qui un riferimento alle autorità nazionali che arriva fino al presidente della Repubblica.  
'C'è un problema se in questa giornata alcune delle più alte cariche dello stato si limitano oggi ad andare oggi all'altare della patria senza unirsi al popolo in festa' - afferma Albertina Soliani strappando l'applauso della autorità locali presenti sul palco. Mentre a Roma all'altare della patria si sta svolgendo l'omaggio del Presidente della Repubblica e del Ministro della Difesa Guido Crosetto. 'C'è un problema per la democrazia italiana, un problema per la coscienza democratica del paese. Il tempo della resistenza non è alle nostre spalle'

Il programma delle celebrazioni, promosso dal Comitato per la storia e le memorie del Novecento dell’amministrazione comunale, prosegue domenica 28 aprile con il trekking urbano “1944, l’anno più lungo. La vita, la violenza, le bombe”. La passeggiata parte alle 15 dalla Ghirlandina e durerà circa due ore. Si partecipa su prenotazione.
Per ricordare il centenario dell’assassinio da parte dei fascisti del deputato Giacomo Matteotti, inoltre, in piazza Mazzini è stata collocata nei giorni scorsi l’installazione “Una dittatura non cade dal cielo”, un grande cubo nero che ricorda l’omicidio e l’avvento, con le elezioni politiche del 1924, del fascismo con scritte come “Una dittatura non cade dal cielo”, “Una dittatura non chiede permesso”, “Una dittatura non è un oggetto misterioso” e “Una dittatura non è uno spazio libero”.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Contattaci
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi cosìtanto tempo che era diventata una famiglia
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Quelli di Prima - Articoli più letti
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06