Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliPolitica

Modena, in Chiesa veglia di preghiera per il superamento omotransfobia

La Pressa
Logo LaPressa.it

Succede nella parrocchia di Gesù Redentore. 'Sono tante le comunità cristiane che in questi ultimi anni hanno aperto le loro porte ai gruppi di cristiani LGBT+'


Modena, in Chiesa veglia di preghiera per il superamento omotransfobia

Si terrà questa sera alle 20.45 presso la Parrocchia di Gesù Redentore di Modena una 'veglia di preghiera per il superamento dell’omotransfobia'.
Del resto lo stesso parroco di Gesù Redentore, don Fabio Bellentani, era intervenuto a novembre 2021, insieme ad altri sacerdoti e laici cristiani, con una lettera pubblicata da Avvenire, a sostegno del Ddl Zan, ormai bocciato. 'Conosciamo i dubbi della Conferenza episcopale italiana sul ddl Zan, che poteva essere un dispositivo a protezione di molti concittadini, compresi quelli dalle diverse abilità. Ma ci stanno a cuore le persone, con le quali cerchiamo strade di fedeltà al Vangelo, e il Paese tutto. Come cittadini questa vicenda ci addolora e ci indigna. Abbiamo perso tutti! E il Paese resta incapace di sanzionare violenze e discriminazioni senza pregiudizi' - si leggeva in quella lettera.
A spiegare il significato della iniziativa di questa sera che, certamente, non mancherà di suscitare polemiche è - con una lettera pubblicata sul sito della stessa parrocchia modenese - don Paolo Cugini (foto sopra), oggi parroco di XXII Morelli. Ecco il suo intervento.

Perché vegliare in preghiera per le vittime dell’omotransfobia? Ogni anno a metà maggio, i gruppi di cristiani LGBT+, in Italia e in Europa, organizzano delle veglie di preghiera per le vittime dell’omotransfobia. Queste veglie, di natura ecumenica, vengono organizzate a partire da un versetto che viene scelto in rete per mezzo del Progetto Gionata, il portale nazionale di fede e omosessualità attivo dal 2007. Il versetto scelto per le veglie di quest’anno è un brano di Paolo: “Dove c’è lo spirito del Signore c’è libertà” (2 Cor 3,17). Secondo il report di omofobia.org dal 2013 ad oggi in Italia ci sono stati 1384 vittime di omofobia, di cui 147 solamente quest’anno.  “Il numero di vittime di violenza fisica – commenta il sito – precedentemente inferiore a quello delle vittime di episodi non aggressivi, rappresenta il 56%”. Siamo dunque, dinanzi ad un fenomeno che non può essere taciuto, né banalizzato. Queste veglie di preghiera hanno come primo obiettivo di rompere il muro di silenzio, che si riscontra non solo nella società, ma anche nella Chiesa su questo tema. Allo stesso tempo, è uno strumento per aiutare la comunità cristiana a camminare nella realizzazione di relazioni autentiche, accoglienti ad ogni uomo e donna. Il tema dell’omosessualità è senza dubbio un tema delicato, che non può essere banalizzato né tanto meno affrontato in modo superficiale. Sono tante le comunità cristiane che in questi ultimi anni hanno aperto le loro porte ai gruppi di cristiani LGBT+, segno che un lavoro di sensibilizzazione e di formazione è stato fatto e sta producendo frutti. Chi nega l’omofobia, spesso proviene da percorsi esistenziali e anche spirituali in cui il problema non è stato affrontato oppure è stato letto alla luce di pregiudizi radicati nella nostra cultura patriarcale, difficili da scalfire, se non attraverso un serio cammino di approfondimento.
Chi veglia crede che la preghiera abbia una grande forza per scardinare gli ostacoli che la ragione crea e che il pregiudizio rafforza.  È nella preghiera che le comunità cristiane sperimentano la presenza della luce del risorto che passa attraverso qualsiasi muro, penetra qualunque resistenza, trasforma ogni cosa. Partecipare a queste veglie significa immettersi in un cammino di conversione, disponibile a lasciarsi plasmare dall’amore del Signore, che ci aiuta a vedere fratelli e sorelle là dove l’ignoranza ci mostra dei nemici.
Nel retro del foglietto preparato per le veglie di quest’anno sono indicate alcune motivazioni di questi particolari momenti di preghiera: “Vegliamo perché nessuno sia lasciato mai più indietro, per quelli che sono caduti, per quelli che sono e per quelli che verranno, per chi chiede diritti, per chi vuole essere se stesso, per chi vuole giustizia e un posto nel mondo. Vegliamo per le vittime dell’omotransfobia e per la fine dell’omotransfobia. Vieni a vegliare con noi”.
Don Paolo Cugini



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Politica - Articoli Recenti
Zelensky parla al G7, Von Der Leyen: ..
'Il G7 ha mostrato una apprezzabile unità. Siamo d'accordo sul fatto che sosterremo Kiev ..
27 Giugno 2022 - 12:49
Covid, Ricciardi: 'Serve subito ..
'Avevo detto a marzo che avremmo avuto un picco a luglio. Non sono un mago, mi baso sulle ..
27 Giugno 2022 - 12:41
Ricomincia la caccia al no vax, ..
'Questo signore, fino a prova contraria sano di mente, pur di non farsi un vaccino ..
27 Giugno 2022 - 11:00
Ballottaggi, vince centrosinistra ..
A Parma il nuovo sindaco è Michele Guerra che batte Vignali. Il campo largo a traino Pd ..
27 Giugno 2022 - 00:20
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58