Modena, torna il festival della Migrazione
Vota Bruno Rinaldi  Forza Italia
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Modena, torna il festival della Migrazione

La Pressa
Logo LaPressa.it

La rassegna promossa da Fondazione Migrantes, Porta aperta, Unimore e Crid


Modena, torna il festival della Migrazione
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

“Liberi di partire, liberi di restare” è il titolo dell’ottava edizione del Festival della Migrazione, la rassegna promossa da Fondazione Migrantes, Porta aperta, Unimore e Crid, che anche quest’anno torna a Modena.

Il presidente di Fondazione Migrantes della Cei, mons. Gian Carlo Perego, spiega: 'Il Festival della Migrazione quest’anno affronta un diritto fondamentale: il diritto di migrare e di rimanere nella propria terra. È un diritto che salvaguardia la libertà delle persone e delle famiglie, spesso misconosciuta, negata, ostacolata. È una libertà da favorire attraverso politiche che favoriscono la libera circolazione, l’incontro fra domanda e offerta di lavoro, il ritorno in patria, la cooperazione allo sviluppo. Il Festival diventa occasione fondamentale di incontro, riflessione e proposta'. Fa eco Edoardo Patriarca (nella foto), portavoce dell’iniziativa: 'Quello legato alle migrazioni è un fenomeno epocale.

Alla fine del 2022, stando ai dati Onu, 281 milioni di persone vivevano fuori dalla propria terra d’origine; 110 milioni di migranti forzati, in fuga non solo da guerre e persecuzioni, ma anche a causa di mutamenti climatici, siccità e miseria. La paura generata dall’altro va compresa e affrontata, non trasformata in programma elettorale. Si parla di vere e proprie tragedie, se si considera che negli ultimi dieci anni il Mediterraneo ha registrato naufragi che hanno causato almeno 28mila morti, oltre 22.300 dei quali lungo la rotta centrale. Tutti questi aspetti verranno approfonditi all’interno del Festival, il cui tema richiama un passo del messaggio del Papa per la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato'.

L’apertura ufficiale della kermesse sarà domani nella sala verde della Fondazione San Carlo, dove si terranno le lectio di Luigi Alici e Ivo Lizzola dal titolo “Liberi di partire, liberi di restare, liberi di raccontare”.

Alle 17, a Palazzo Europa, la sartoria sociale della Caritas diocesana presenterà il progetto che è sostenuto da Fondazione di Modena, a seguire alle 18 la presentazione del libro “Non dargli un nome” di Elena Bellei. L’autrice dialogherà con Monica Franzoni e Francesco Rossetti leggerà alcuni brani del libro.

Nella mattinata di venerdì 27 ottobre l’aula magna del Dipartimento di Giurisprudenza ospiterà i convegni a cura del CRID “L’accesso all’istruzione superiore di richiedenti asilo e titolari di protezione”. In serata, presso la parrocchia di San Pio X alle ore 20, l’apericena con la presentazione del progetto sociale Roots, sostenuto da Fondazione di Modena, e a seguire “La storia e le storie”, con il professor Maurizio Ambrosini e don Mattia Ferrari, che è stato cappellano sulla Mare Jonio di Mediterranea.

Sabato 28 ottobre Fondazione Migrantes cura una giornata di seminari su migrazione e pace, con un contributo anche del cardinale Matteo Zuppi, presidente della Cei. Gran finale in serata al teatro San Carlo di Modena, con lo spettacolo “Canto per l’Europa” di e con Paolo Rumiz, a ingresso libero fino a esaurimento posti, in collaborazione con la Cooperativa L’Angolo.

Il tema del Festival della Migrazione che si apre domani a Modena 'riprende quello del Messaggio per la Giornata Mondiale del Migrante e Rifugiato di quest'anno, dedicato alla libertà di scegliere se migrare o restare. Ed è ancora più chiaro il riferimento all'iniziativa di solidarietà promossa qualche anno fa dalla Conferenza Episcopale Italiana, che cito proprio nel mio Messaggio come risposta concreta alle sfide delle migrazioni contemporanee'. È quanto scrive papa Francesco.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Contattaci
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi cosìtanto tempo che era diventata una famiglia
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Quelli di Prima - Articoli più letti
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06