Modena, Unimore ora si schiera per la ricerca diplomatica della Pace in Ucraina
e-work Spa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Modena, Unimore ora si schiera per la ricerca diplomatica della Pace in Ucraina

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Risoluzione per via diplomatica dei conflitti e contrasto di qualsiasi forma di aggressione e violenza'


Modena, Unimore ora si schiera per la ricerca diplomatica della Pace in Ucraina
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Senato Accademico e cda di Unimore hanno approvato una mozione contro i conflitti armati a Gaza e in Ucriana: impegno verso negoziati e soluzioni pacifiche, supporto a studentesse e studenti colpiti dagli effetti delle guerre in corso e promozione di ricerca e insegnamento su pace e diritti umani al centro della delibera approvata all’unanimità.

'Unimore prende una posizione decisa riguardo i conflitti sempre più estesi e cruenti, con una mozione approvata all'unanimità da Senato Accademico e Consiglio di Amministrazione - si legge in una nota -. In un contesto internazionale segnato da tensioni acute e durissimi scontri, soprattutto in Ucraina e nella Striscia di Gaza, l'Ateneo si impegna a svolgere un ruolo attivo nella ricerca di soluzioni pacifiche e nella promozione della diplomazia. La mozione evidenzia la necessità urgente di un rinnovato impegno accademico volto alla promozione della pace, alla risoluzione per via diplomatica dei conflitti e al contrasto di qualsiasi forma di aggressione e violenza'.

'Un impegno che sottolinea la gravità dei conflitti attuali e il loro impatto devastante sulle popolazioni civili. Tra gli impegni concreti, l'Università promette di rafforzare le azioni di accoglienza e supporto alle comunità accademiche e a studenti e studentesse provenienti da aree di conflitto. Inoltre, si impegna a promuovere la ricerca e l'insegnamento su temi legati alla pace, ai diritti umani, alla risoluzione dei conflitti e alla salute globale al fine di incoraggiare un approccio multidisciplinare che coinvolga le diverse facoltà e dipartimenti'.
La mozione auspica 'la cessazione immediata delle ostilità in tutte le zone di guerra e invita al dialogo e alla negoziazione come mezzi per raggiungere soluzioni pacifiche e durature, nel rispetto dei diritti umani e della dignità di tutte le persone coinvolte'.

Gli Organi accademici, infine, invitano tutta la comunità di Unimore 'a lavorare costantemente per la promozione di una cultura di pace a sostegno delle iniziative di peacekeeping e peacebuilding delle Nazioni Unite e in una sempre costante promozione di una cultura di rispetto reciproco tra i popoli e le culture'.

'In un momento in cui il mondo è testimone di conflitti sempre più complessi e devastanti – sottolinea il rettore Carlo Adolfo Porro -, l'Università si assume una responsabilità diretta nel promuovere la cultura della pace e della risoluzione dei conflitti attraverso la formazione e la ricerca. La mozione approvata all'unanimità dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione vuole essere testimonianza diretta del nostro impegno attivo a fronteggiare queste sfide globali con azioni concrete. L'adesione a RUniPace - Rete delle Università Italiane per la Pace e l'avvio del Dottorato in Peace Studies sono solo i primi passi di un percorso lungo e impegnativo che ci vedrà coinvolti in prima linea'.

'Come Ateneo – continua il rettore -, ci impegniamo a fornire sostegno tangibile a chi è direttamente colpito dai conflitti e a lavorare incessantemente per la promozione di una cultura di rispetto e dialogo. Non solo una dichiarazione di intenti, dunque, ma un impegno concreto per la realizzazione di un futuro più pacifico, in linea con i più alti principi che guidano la nostra comunità accademica'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Feed RSS La Pressa
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi cosìtanto tempo che era diventata una famiglia
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Quelli di Prima - Articoli più letti
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06