In Provincia bagarre sulla Bretella, Muzzarelli 'demolisce' il progetto con i caselli: 'Siamo alla stupidaggine. Modifiche prima di partire'. Platis: 'Corto circuito Pd'
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

In Provincia bagarre sulla Bretella, Muzzarelli 'demolisce' il progetto con i caselli: 'Siamo alla stupidaggine. Modifiche prima di partire'. Platis: 'Corto circuito Pd'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Nella seduta del Consiglio Provinciale il sindaco si erge a maestro e scatta la bagarre: 'Tutti parlano a vanvera, io invece approfondisco. Ai tavoli mi dicono che abbiamo ragione sulle modifiche, poi non si fa ciò che chiediamo da dieci anni'. E va su tutte le furie quando il consigliere Platis accusa di incoerenza lui e il Pd: 'Proporre modifiche radicali senza progetti significa bloccare tutto. Il Pd compromette l'opera per non rompere l'asse con gli alleati Verdi'


Guarda i nostri video in anteprima, Iscriviti al nostro canale YouTube !
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Scontro in consiglio provinciale tra il sindaco di Modena Giancarlo Muzzarelli, e il Consigliere di Forza Italia Antonio Platis. Motivo del contendere, il progetto della Bretella Campogalliano Sassuolo. Che due atti che PD e maggioranza di centro sinistra (uno approvato alcuni giorni fa in consiglio comunale e un altro oggi in consiglio provinciale), chiedono di realizzare tenendo conto perà di modifiche sostanziali. Quelle che 'Comune di Modena e provincia, appunto, chiedono di realizzare da dieci anni, senza essere ascoltati' - afferma Muzzarelli. Modifiche sostanziali, capaci di stravolgere l'intero progetto, a partire dalla cancellazione della maggior parte dei caselli per il pedaggio che - afferma Muzzarelli - sono spuntati nel bando e che da sempre ci vedono contrari perché incompatibili con il territorio ed uno sviluppo sostenibile'
In sostanza Comune, e da oggi anche provincia, attraverso i rispettivi ODG approvati a maggioranza dal centro-sinistra, chiedono al governo di rivedere il progetto che così come è, soprattutto a causa dell'inserimento di caselli di ingresso e di uscita, e per le ricadute negative sul territorio e sullo scalo merci di Marzaglia. 

'Tutti parlano a vanvera ma nessuno sa di cosa parla, io invece approfondisco e dico che questo progetto così come è non risponde agli interessi della comunità'- afferma Muzzarelli che fa proiettare le slide del progetto e di fatto ne demolisce la sostanza. Dai caselli alle interconnessioni. Prende in mano un faldone e afferma: 'Queste sono le lettere che negli ultimi anni abbiamo inviato con le nostre istanze che non sono state ascoltate. A livello nazionale a parole ci danno ragione, e nei fatti no.

Ho chiesto un tavolo con Autobrennero, con Ferrovie dello stato ed è emerso, per esempio, che il treno farebbe fatica ad entrare allo scalo merci di Marzaglia dove si sta ampliando l'area. Siamo alle stupidaggini e le stupidaggini per me sono inaccettabili. Bisogna usare la testa e prima di partire fare delle modifiche. Oggi abbiamo dei caselli che non sono mai stati approvati. Siamo di fronte ad un'altra brutta pagina di questa vicenda'.
E qui il botta e risposta si anima perché il Consigliere Platis ricorda a Muzzarelli che gli anni in cui Provincia e Comune chiedevano le modifiche alla società autobrennero e al governo, presidente della Provincia era lui e alla presidenza della società di scopo per la realizzazione dell'opera Auto CS era ed è, dal 2014, il suo predecessore alla presidenza della provincia, Emilio Sabattini, esponente del PD. In sostanza, un cortocircuito del Partito Democratico e dei suoi esponenti di governo, nazionale, regionale e locale. Un cortocircuito che per Platis continuerebbe oggi nel momento in cui il sindaco e il Pd chiedono modifiche al progetto prima che il progetto parta, mentre l'assessore regionale Corsini ha testualmente auspicato nei giorni scorsi 'la sollecita cantierizzazione dell’opera e il proseguimento negli espropri che sono recentemente ripresi', ricordando come 'l’opera va realizzata ed eventuali opere di ottimizzazione possono essere fatte in fase di realizzazione'.

'In questi anni Muzzarelli non è riuscito a far progettare le migliorie richieste - sottolinea Platis - ma ha la pretesa di bloccare l’opera per farle. E dietro a questa tesi, vera e propria stupidaggine, ci sono finiti dietro tutti i sindaci consiglieri provinciali del PD da Fabio Braglia a Maria Costi. Il corto circuito tra Modena e Bologna è evidente, il Partito Democratico – chiude Platis – per garantire la maggioranza a un sindaco arrivato a fine corsa, mette in ginocchio l’industria ed un intero comprensorio, anche perché sa che le richieste sono infattibili. Al punto da bloccare l'opera. Questo è il loro unico interesse'.

E a fondare la difficile fattibilità di queste modifiche richieste, anche nel caso fossero concesse dopo l'avvio dell'opera, ci pensa indirettamente lo stesso Muzzarelli che, concludendo, ammette che allo stato attuale non c'è nessun progetto di modifica. 'Eppure per Muzzarelli le stupidaggini sono di tutti gli altri, compresi gli amministratori e compagni di partito. Dall’assessore regionale Andrea Corsini,  fino ad arrivare al presidente della Bretella Campogalliano-Sassuolo Emilio Sabattini, anch’esso iscritto al Pd e che dal 2014, a quanto pare, “scalda la seggiola' di Presidente Auto CS'.

'Questo perché - prosegue il consigliere provinciale di Forza Italia - il sindaco di Modena fa riferimento a modifiche che mai sono state progettate e che bloccherebbero, ancora una volta, un’opera cruciale'.

Gi.Ga.


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Contattaci
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi cosìtanto tempo che era diventata una famiglia
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Quelli di Prima - Articoli più letti
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06