Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Mivebo
articoliPolitica

Muzzarelli: 'Inceneritore? No, termovalorizzatore che produce energia'

La Pressa
Logo LaPressa.it

'E chi produce energia elettrica nei Paesi europei è considerato un impianto sostenibile. A Copenaghen addirittura ci fanno una pista da sci sopra'


Muzzarelli: 'Inceneritore? No, termovalorizzatore che produce energia'

La maggioranza consigliare a Modena oggi pomeriggio ha approvato la delibera che prevede il rinnovo fino al 2024 dei due patti di sindacato per garantire il controllo pubblico di Hera spa (quello tra tutti i soci pubblici e quello relativo ai soci pubblici del territorio modenese), stipulati nel 2018 e in scadenza il 30 giugno di quest’anno.
Hanno votato a favore i gruppi di maggioranza (Pd, Sinistra per Modena, Verdi e Modena civica), voto contrario per Movimento 5 Stelle, Lega Modena, Forza Italia e Fdi-Popolo della famiglia.



L'inceneritore

Durante il dibattito il sindaco si è soffermato anche sul ruolo dell'inceneritore di Modena gestito appunto da Hera, un impianto attivo h24 350 giorni all'anno, che ogni anno brucia circa 240mila tonnellate di immondizia indifferenziata a fronte di una produzione provinciale di indifferenziata pari a circa la metà.
Un impianto, lo ricordiamo, che dall'incerimento dei rifiuti doveva produrre, anche in funzione del suo potenziamento, energia termica pari a quella prodotta da 10.000 caldaie domestiche. Obiettivo ambientale tradito dalla riconversione in produttore di energia elettrica senza ritorno per Modena ma con tanto guadagno per le casse di Hera. Aspetto omesso dal sindaco che ha preferito disquisire sul termine inceneritore e sulla produzione (lontana da quanto i programmi prevedevano), di energia elettrica.
'Vi invito di smettere di chiamarlo inceneritore, ma a chiamarlo termovalorizzatore perchè produce energia elettrica per la città - ha detto il sindaco Muzzarelli -. E chi produce energia elettrica nei Paesi europei è considerato un impianto sostenibile. A Copenaghen addirittura ci fanno una pista da sci sopra e si divertono a giocare nell'impianto'. Ricordiamo che lo stesso sindaco nel suo programma elettorale ne ha però promesso lo spegnimento nel 2034 e che a Modena la mission dell'inceneritore non era quella di produrre energia elettrica, senza ritorno su Modena, ma per tanto ritorno per le casse di Hera, di cui il comune è socio, ma di produrre energia termica per 


Il patto

Al patto generale fanno riferimento 111 enti locali (tra i quali anche le città di Bologna, Ferrara, Ravenna, Cesena, Trieste, Padova e Udine) che al momento detengono circa il 46 per cento delle azioni (comprese quelle non bloccate), mentre viene rinnovato anche il cosiddetto patto di secondo livello che consente a 20 soggetti modenesi, tra Comuni e Unioni di Comuni, di mantenere una presenza organizzata e continuare a esprimere due rappresentanti nel cda dell’azienda. Il gruppo dell’area di Modena possiede circa il 7,8 per cento di Hera spa con oltre 116 milioni di azioni, 93 milioni delle quali bloccate e non trasferibili. La delibera approvata prevede di svincolare dal patto le azioni di alcuni Comuni che lo hanno richiesto, per consentirne l’eventuale vendita nel triennio, e sarà il Comune di Modena a bloccarne una quota maggiore, altri 3 milioni e 270 mila (al valore attuale delle azioni siamo intorno ai 10 milioni di euro), per continuare a garantire i 93 milioni dell’area di Modena previsti dal patto di primo livello. Il Comune possiede complessivamente 97 milioni di azioni e, con l’ulteriore vincolo, quelle bloccate saranno quasi 81 milioni. Le azioni che vengono sbloccate, invece, sono dei Comuni di Sassuolo (un milione), di Castelfranco (un milione), di Serramazzoni (500 mila), di Pavillo (350 mila), di Maranello (290 mila) e di Sestola (130 mila).




Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Politica - Articoli Recenti
Di Maio in seggio emiliano blindato ..
Il video di allora: 'Io col partito che in Emilia Romagna toglieva i bambini alle famiglie ..
30 Luglio 2022 - 20:24
Pd regala collegio sicuro in Emilia a..
'Credo che Luigi Di Maio sia stata la persona che più ha compreso potenzialità e gli ..
30 Luglio 2022 - 19:51
Voto, Pd Modena fa la rosa dei ..
Fanno parte della lista l’ex direttrice sanitaria Ausl, appena andata in pensione, Silvana..
30 Luglio 2022 - 16:23
Dai 5 Stelle ad Articolo 1: la nuova ..
Porte aperte in Articolo 1 per Max Bugani e Marco Piazza, i due storici esponenti del ..
30 Luglio 2022 - 14:40
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58