Punti nascita, da Mirandola a Pavullo: promesse tradite di Bonaccini
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
articoliPolitica

Punti nascita, da Mirandola a Pavullo: promesse tradite di Bonaccini

La Pressa
Logo LaPressa.it

Non solo non riapriranno i punti nascita in montagna, la Regione del governatore che promise la riapertura, ha contemporaneamente assistito impotente alla chiusura di fatto del punto nascita di Mirandola


Punti nascita, da Mirandola a Pavullo: promesse tradite di Bonaccini
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

In fondo tradire la promessa di restare alla guida della Regione Emilia Romagna fino all'ultimo giorno non è così grave. Certo, dal punto di vista 'morale' non è il massimo, Stefano Bonaccini lo aveva detto proprio chiaramente 'ho un patto di fiducia con gli emiliano romagnoli e intendo onorarlo fino in fondo' (video sotto), ma davanti alle sirene europee, quel patto si è offuscato e se verrà eletto (cosa probabile) la Regione andrà a elezioni anticipate. Bello, ma non bellissimo, però non così grave come l'altra grande promessa mancata dal governatore emiliano che ora aspira a volare a Bruxelles.



Alla vigilia del voto del 2020 che lo consacrò per la seconda volta alla guida della Regione, Bonaccini disse: 'riapriremo i punti nascita come Regione siamo pronti a fare la nostra parte mettendo le risorse finanziarie, umane e organizzative'.

Era il 13 gennaio di 4 anni fa, si sarebbe votato due settimane più tardi, come riporta correttamente questa mattina La Repubblica.
I punti nascita di Porretta, Borgotaro, Pavullo, avrebbero dovuto riaprire i battenti, invece nulla. Ora non se ne parla nemmeno più, nonostante i parti in ambulanza, le corse disperate in auto delle partorienti verso ospedali distanti oltre un'ora d'auto e tragedie di cui abbiamo dato conto negli anni. Ma non solo. Non solo non riapriranno i punti nascita in montagna, la Regione del governatore che promise la riapertura, ha contemporaneamente assistito impotente alla chiusura di fatto del punto nascita di Mirandola. Una sospensione sine die, fatta in silenzio, davanti alla quale anche i candidati sindaci di Mirandola (a parte Cavazza del M5S), intervistati l'altra sera da La Pressa, sembrano arresi.

La motivazione ufficiale è quella della sicurezza delle partorienti e il tetto delle 500 nascite all'anno. Motivazioni entrambe davvero poche solide. Innanzitutto per decenni migliaia di bambini sono nati a Pavullo e Mirandola senza particolari problemi e del resto la promessa di Bonaccini che senso avrebbe avuto se non fosse sicuro nascere in periferia. In secondo luogo è corretto parlare di sicurezza per una mamma incinta che vive a un'ora o due ore d'auto da un ospedale in grado di farla partorire? Infine è giusto ricordare che il numero di parti a Mirandola è stato forzatamente fatto scendere attraverso chiare indicazioni di trasferire i parti considerati più problematici a Carpi.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


e-work Spa
Politica - Articoli Recenti
In Emilia-Romagna cresce il centro sinistra, centro destra al palo, nonostante FDI
Sulla base dei dati alle elezioni europee, il divario tra centro-destra e centro-sinistra in..
10 Giugno 2024 - 10:23
Record di affluenza a Fiumalbo per il candidato unico Alessio Nizzi
Eletto per la prima volta nel 2019, sostenuto in primis dalla Lega, Nizzi ha ottenuto così ..
10 Giugno 2024 - 08:08
Europee a Carpi: vola il Pd, doppiata Fdi. Righi punta a vincere al primo turno
Con questi numeri Riccardo Righi vede la vittoria al primo turno, ma molto dipenderà dai ..
10 Giugno 2024 - 08:02
Europee a Sassuolo, testa a testa tra Pd e Fdi. Menani trema
Con questi numeri non è scontata la conferma al primo turno di Francesco Menani, sostenuto ..
10 Giugno 2024 - 07:49
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58