Aboubacar e Fanta i primi inquilini dei nuovi alloggi di via Forghieri
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Aboubacar e Fanta i primi inquilini dei nuovi alloggi di via Forghieri

La Pressa
Logo LaPressa.it

Consegna simbolica delle chiavi ad alcuni dei nuclei assegnatari tramite avviso pubblico. A 5 anni dalla posa della prima pietra. quinta presentazione e inaugurazione per la palazzina Abitare Sociale. E tra pochi giorni si replica con l'apertura del nuovo centro diurno per disabili a piano terra


Aboubacar e Fanta i primi inquilini dei nuovi alloggi di via Forghieri
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Aboubacar, sua moglie Fanta e la loro figlia sono i primi ad entrare in uno dei nuovi appartamenti della palazzina Abitare Sociale da 5 anni in costruzione in via Forghieri a Modena. Hanno partecipato al bando per l’assegnazione dei nuovi alloggi finanziati nell’ambito del Bando Periferie e realizzati dalla società di trasformazione CambiaMo Spa a cui partecipano Comune di Modena e Azienda casa Emilia-Romagna Acer.

Insieme a loro, sabato 13 aprile, hanno partecipato alla simbolica consegna dei nuovi appartamenti di via Forghieri, nel comparto dell’ex Mercato Bestiame, anche Domenico, militare dell’Arma dei Carabinieri con la compagna Antonella (anche loro hanno una bimba) e Jessica, di professione poliziotta, con il marito Raffaele e la piccola di tre anni, pure loro, come Michele e Andreana che con i loro due figli di 6 e 3 anni potranno finalmente lasciare l’alloggio di 50 metri quadrati in cui vivono per una soluzione più adeguata, sono tra le 20 famiglie assegnatarie degli alloggi di Edilizia Residenziale Sociale aggiudicati tramite avviso pubblico del Settore Servizi sociali a giovani coppie, nuclei monoparentali o famiglie numerose che non riescono ad accedere a un alloggio Erp, ma che nemmeno possono permettersi una soluzione abitativa sul libero mercato.

A consegnare gli alloggi sono stati la direttrice generale Valeria Meloncelli per l’amministrazione comunale, la dirigente di servizio che si occupa dell’area Casa per i Servizi sociali Barbara Papotti, il presidente di CambiaMo Giorgio Razzoli e il presidente di Acer Gaetano Venturelli. 

La cerimonia di consegna questa mattina, con tanto di convocazione dei giornalisti, ha costituito di fatto la quinta presentazione dell'edificio dalla prima relativa alla posa, nel 2019, della prima pietra. Seguirono la presentazione della ripresa del cantiere dopo la breve pausa per il covid, poi la presentazione dell'avanzamento dei lavori al 70%, la presentazione dell'edificio ormai concluso ma senza arredi, con il piano terra utilizzato dal sindaco per l'incontro con la stampa di fine anno e, oggi, con la presentazione dei primi alloggi e la consegna simbolica delle chiavi.

Escludendo anche la presentazione pubblica del progetto che anticipò la posa della prima pietra, sono 5 le presentazioni fatte dal sindaco, dalla giunta, e dai vertici di Cambiamo (la società a maggioranza pubblica partecipata dal Comune presieduta da Giorgio Razzoli), dello stesso edificio, negli ultimi 5 anni. Che uniscono la campagna elettorale del 2019 a quella in vista delle elezioni del giugno 2024. E pensare che per la realizzazione, dalla prima pietra, dovevano passare 18 mesi. Un anno e mezzo, non cinque. Tanti, anche al netto dello stop nel lockdown che per i cantieri edili duò comunque meno.  

Complessivamente gli appartamenti realizzati nella nuova palazzina Lotto B di via Forghieri, sono 33, tutti gestiti da Acer, di cui otto, accessibili per disabili, entrano a far parte del patrimonio di Edilizia residenziale pubblica rivolto alle fasce sociali più deboli e pertanto assegnati attraverso le graduatorie trimestrali Erp.

I restanti 25 alloggi fanno invece parte del patrimonio Ers e, di questi, cinque sono assegnati tramite bando specifico della Prefettura secondo l’accordo in essere con l’Amministrazione comunale per agevolare soluzioni abitative rivolte a esponenti delle Forze dell’ordine. Nella nuova palazzina, quindi, troveranno casa in tutto sette nuclei appartenenti a questa categoria (in viale Verdi e nelle zone adiacenti altri 25 alloggi di proprietà di Acer sono riservati sempre alle Forze dell’ordine e saranno assegnati tramite bando della Prefettura).

I contratti di locazione degli alloggi Ers sono ridotti del 20 per cento rispetto al minimo definito negli accordi territoriali stipulati con le associazioni sindacali, con canoni mensili che oscillano quindi dai 389 ai 464 euro, in base alle dimensioni dell’alloggio. Diverse sono le tipologie e le metrature degli appartamenti, tutti in classe energetica A+, dotati di cantina e garage; a servizio anche tre sale condominiali, un per ciascuna delle tre scale.

Al piano terra dello stesso edificio è stato ultimato anche il nuovo centro socio-riabilitativo diurno per disabili che ospiterà i ragazzi che attualmente frequentano le strutture Luosi e Mario del Monte.

Infine, nel complesso, a cui ora si accede anche da via Forghieri, la strada che collega via Finzi a via del Mercato, è stato realizzato un ampio parcheggio di pertinenza, dotato di segnaletica e illuminazione.

L’intervento di Abitare sociale (comprensivo di Centro Diurno e urbanizzazioni via Forghieri) del valore complessivo di 10,3 milioni di euro, è stato finanziato con risorse del Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana assegnati attraverso il Bando Periferie e fa parte del pacchetto di azioni sviluppate dal Comune di Modena volte alla rigenerazione e innovazione dell’area nord della città. I lavori sono realizzati da un raggruppamento di imprese, cui la società di trasformazione urbana CambiaMo, che ha il ruolo di soggetto attuatore per i lavori previsti dal Programma, ha aggiudicato i lavori tramite gara europea. La direzione lavori, il coordinamento della sicurezza e il collaudo del cantiere sono affidati tramite convenzione all’Azienda casa Emilia-Romagna Acer. Nella zona sono in programma anche altri interventi di Edilizia residenziale sociale e di Social housing sia nell’ambito del Pinqua, il Piano per la qualità dell’abitare finanziato dal Pnrr (programma Next generation Modena), sia nelle aree di proprietà privata, sempre all’interno del comparto ex Mercato, fra le quali anche il cosiddetto rotore.

Nella foto, la direttrice generale del Comune Valeria Meloncelli insieme ad alcune famiglie che per prime entreranno nei nuovi alloggi

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Feed RSS La Pressa
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi cosìtanto tempo che era diventata una famiglia
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Quelli di Prima - Articoli più letti
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06