Case Popolari: 'Il no della Regione alla residenzialità storica, atto di arroganza politica, Bonaccini ci ripensi'
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
articoliPolitica

Case Popolari: 'Il no della Regione alla residenzialità storica, atto di arroganza politica, Bonaccini ci ripensi'

Data: / Categoria: Politica
Autore:
La Pressa
Logo LaPressa.it

Fratelli d'Italia annuncia in tutti i Comuni modenesi una mozione per chiedere alla Regione di cancellare il criterio che garantisce più punti ai residenti da più anni: 'Così si toglie libertà ai Comuni che già l'hanno applicato, Modena compresa'


Case Popolari: 'Il no della Regione alla residenzialità storica, atto di arroganza politica, Bonaccini ci ripensi'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Si parte da un dato regionale: in Emilia-Romagna gli stranieri residenti rappresentano il 12,8% della popolazione, mentre la percentuale delle case popolari abitate da stranieri è del 40%. Uno squilibrio che si accentua se si guardano i primi posti nelle graduatorie, nelle quali la maggioranza degli affidatari di alloggi pubblici è composta da cittadini stranieri. Nei casi in cui il criterio delle residenzialità storica è stato applicato questo  divario percentuale si è ridotto. In sostanza valorizzando la residenzialità storica nella rosa dei criteri di accesso agli alloggi popolari si è dato maggiore possibilità di accesso a coloro che da più anni risiedono nel comune in cui si trova la casa popolare e che presumibilmente hanno contribuito maggioramente, nella loro vita nel loro lavoro, alla realizzazione di quegli alloggi e al sistema di welfare locale.

Evitando di essere 'superati' del tutto o in parte, da chi, magari, è giunto da poco sul territorio. 'Eliminando questo criterio, Bonaccini e il PD, negano non solo l'opportunità per tutti i cittadini residenti in regione di potere avere accesso alle case popolari che hanno contribuito a realizzare, ma esautorano anche i comuni da decisioni che spettavano ai Comuni stessi' - affermano il coordinatore provinciale di Fratelli d'Italia Ferdinando Pulitanò e il referente comunale del partito Luca Negrini, questa mattina in conferenza stampa con la capogruppo a Carpi e responsabile enti locali Annalisa Arletti, la capogruppo di Fratelli d'Italia a Modena Elisa Rossini, il consigliere regionale Luca Cuoghi e alla presenza del coordinatore regionale del partito, senatore Michele Barcaiuolo.


'Se fino a ieri era una scelta dei comuni introdurre e valorizzare in modo più o meno rilevante tale criterio, oggi questa libertà di scelta viene tolta per atto della Regione che ne nega l'applicazione. Un atto di grande arroganza per non dire di terrorismo politico'- sottolinea Negrini.
'Azzerare il criterio di residenzialità storica, significa togliere anche alle amministrazioni comunali, la possibilità di onorare anche il mandato elettorale' - ha affermato il coordinatore regionale Michele Barcaiuolo. 

Tra le motivazioni esposte dalla Regione Emilia-Romagna alla base della decisione di eliminare il criterio della residenzialità storica nei requisiti di accesso agli alloggi popolari, ci sarebbe la necessità di aiutare i giovani nelle ricerche di un alloggio ed il fatto che i punteggi premiali basati sul requisito della residenzialità storica sarebbero discriminatori e penalizzerebbero criteri di valutazione più rilevanti per la situazione di bisogno come il reddito e il disagio abitativo. Punti che gli esponenti di Fratelli d'Italia contestano nel merito: 'questa norma - dicono - non solo non andrà a beneficio dei giovani che nel caso degli universitari sono soggetti ad altri meccanismi nell'accesso agli alloggi, ma andrà definitivamente a discapito di tutti gli italiani, giovani e italiani in primis'. 

'A essere penalizzati in futuro, affermano gli esponenti comunali, provinciali e regionali di Fratelli d'Italia, saranno i cittadini che da più tempo vivono nelle nostre città e i cui bisogni non saranno più tenuti in considerazione: pensiamo soprattutto alle giovani coppie, ai più anziani, ai più fragili. Saranno loro i più colpiti nonostante siano stati proprio loro i contribuenti maggiori di questi servizi'.

E da queste premesse prende forma anche la mozione che Fratelli d'Itali presenterà in ogni comune della provincia dove c'è il gruppo Fratelli d'Italia. 'Vogliamo fare pressione sulla regione Emilia Romagna affinché questa decisione venga rivista'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


e-work Spa
Politica - Articoli Recenti
I sindaci eletti in provincia di Modena
L'elenco dei 31 comuni al voto con l'aggiornamento in tempo reale sull'elezione dei ..
10 Giugno 2024 - 17:40
Massimo Mezzetti è il nuovo sindaco di Modena: consensi record
Mezzetti veleggia intorno al 65% dei consensi con il candidato del centrodestra Luca Negrini..
10 Giugno 2024 - 17:34
San Felice: Michele Goldoni confermato sindaco
Ottiene il 54,37% dei voti, battendo così il diretto ed unico avversario di centro-sinistra..
10 Giugno 2024 - 16:29
San Cesario: Francesco Zuffi rieletto sindaco
Con la lista di centro.sinistra Insieme per San Cesario ha concentrato il 68,8% dei voti
10 Giugno 2024 - 16:19
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58