Rifondazione e Mvp contro Bonaccini: 'No a stangata su case protette'
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Rifondazione e Mvp contro Bonaccini: 'No a stangata su case protette'

La Pressa
Logo LaPressa.it

'1500 euro all’anno di aumento delle rette per anziani e non autosufficienti è uno schiaffo che la Regione poteva risparmiarci'


Rifondazione e Mvp contro Bonaccini: 'No a stangata su case protette'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'L’aumento dell’8,2% delle rette delle strutture residenziali per anziani e disabili a partire dal prossimo mese di gennaio deciso dalla giunta regionale dell’Emilia-Romagna per i posti accreditati convenzionati è una stangata che mette seriamente a rischio i bilanci delle famiglie coinvolte, circa 18mila'.
Lo affermano Stefano Lugli e Paola Varesi, co-segretari Rifondazione Comunista Emilia-Romagna e componenti del coordinamento regionale di Unione Popolare sottoscrivendo la critica di Azione e Cisl.

'Siamo consapevoli che l’aumento dell’inflazione e dei costi energetici ha messo sotto pressione i bilanci di queste strutture, ma mettere le mani nelle tasche di chi già oggi sostiene costi altissimi è inaccettabile. Un aumento lineare di 4,10 Euro al giorno, 123 Euro al mese, per un incremento di 1.476 Euro all’anno è insostenibile, perché va a colpire proprio quelle famiglie che già sopportano costi di welfare molto alti e rischiano di non potersi più permettere servizi basilari'.

'È del tutto inaccettabile anche il metodo che ha portato a questa decisione - continuano Lugli e Varesi - senza alcun reale confronto della Regione con le parti sociali, comunicato in modo unilaterale e senza alcun criterio di equità che provasse almeno a tutelare le famiglie in condizione economica più fragile. Una scelta che avrà pesanti conseguenze anche sui prossimi ingressi allontanando ancora di più le famiglie che non possono permettersi i costi altissimi di una casa protetta: già adesso per troppi nuclei familiari inserire un proprio caro in una RSA è un privilegio anziché un diritto, e questo aumento delle rette non farà altro che rendere inaccessibile l’ingresso in struttura per molte famiglie, con la conseguenza di andare ad appesantire il welfare familiare, prevalentemente a carico delle donne'.

'Invitiamo l’assessore al welfare Igor Taruffi, ex Emilia-Romagna Coraggiosa e ora responsabile organizzazione per il Pd - concludono Lugli e Varesi - a sospendere gli incrementi per rivedere le varie voci che compongono le rette chiedendo di fare la propria parte anche ai gestori privati delle strutture così come ai fornitori dei servizi energetici, che per lo più sono a partecipazione pubblica come Hera e Iren. Riteniamo inoltre necessario valutare anche un incremento delle risorse regionali sul Fondo per la non autosufficienza per alleggerire il peso economico che grava sulle famiglie. L’aumento a carico delle famiglie deve essere l’ultima opzione possibile, e anche in questo caso non possiamo accettare un aumento lineare ma è necessario introdurre criteri di equità che tengano conto delle condizioni economiche degli ospiti e delle loro famiglie'.

'La decisione della Giunta Regionale di aumentare di 1500 euro all’anno il costo delle rette per i posti accreditati nelle residenze per anziani e per non autosufficienti costituisce un grave onere per tante famiglie che, in questi tempi, sono già in difficoltà per l’inflazione, l’aumento delle tariffe e del costo della vita, mentre i salari e le pensioni minime sono fermi da anni. Per di più, come hanno denunciato i sindacati regionali, non c’è stata alcuna consultazione preventiva e neppure si è valutata l’Isee dei residenti nelle CRA e delle loro famiglie, quantomeno per escludere i casi socialmente più deboli. Se aggiungiamo che in città sono in sospeso richieste per più di 300 posti e che delle quattro nuove case di riposo promesse dalla Giunta Muzzarelli, oltre 5 anni fa, nessuna è ancora stata realizzata, abbiamo un quadro dello stato veramente inaccettabile dell’assistenza agli anziani e ai disabili bisognosi' - aggiunge Modena Volta Pagina.

'Se aggiungiamo anche la gestione di queste strutture con personale malpagato e meno numeroso degli stessi minimi previsti dall’accreditamento regionale abbiamo un quadro preciso della situazione. Su questa Modena Volta Pagina è intervenuta sempre inascoltata dal Comune che finge di non vedere. Noi siamo una Lista Civica perché i partiti non dicono nulla? 1500 euro all’anno di aumento delle rette per anziani e non autosufficienti è uno schiaffo che la Regione poteva risparmiarci.  Basti pensare che la pensione minima non arriva a 500 euro, l'eventuale invalidità 300 e l’assegno di accompagnamento 500. Per ben che vada 1280 al mese. La retta pesa per 1658 + extra in convenzione più medicine fuori prontuario, 1800 a metterla bene! Questo senza parlare dei 3000-3200 del privato! Di fronte al cinismo di questa scelta unilaterale, che metterà in difficoltà tante famiglie vale il titolo di quel vecchio canto partigiano: Pietà l’è morta, ed aggiungiamo noi Solidarietà anche'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Articoli Correlati
La piazza di Massimo
Politica
11 Giugno 2024 - 02:39
Modena, ecco i nomi del nuovo Consiglio comunale
Politica
10 Giugno 2024 - 23:06

Feed RSS La Pressa
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi cosìtanto tempo che era diventata una famiglia
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Quelli di Prima - Articoli più letti
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06