Risarcimenti a metà e 80 milioni per la sicurezza fermi, danno e beffa per gli alluvionati: 'Ora basta'
e-work Spa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliPolitica

Risarcimenti a metà e 80 milioni per la sicurezza fermi, danno e beffa per gli alluvionati: 'Ora basta'

La Pressa
Logo LaPressa.it

A tre anni dall'alluvione di Nonantola i consiglieri comunali di Forza Italia Antonio Platis e Pino Casano, fanno il punto sulle criticità e sulla soluzione: 'Sbloccate tutto. La Regione segua la strada obbligata della sicurezza'


Risarcimenti a metà e 80 milioni per la sicurezza fermi, danno e beffa per gli alluvionati: 'Ora basta'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Risarcimenti per famiglie e imprese garantiti per metà o poco più dopo 3 anni dall'alluvione, argini Panaro soggetti a rotte storiche orfani di lavori di messa in sicurezza nonostante gli 80 milioni stanziati d'urgenza in occasione della rotta del 6 dicembre 2020 e a disposizione. Poi, mancanza di progetti per opere strutturali per la messa in sicurezza che hanno compromesso l'accesso ai fondi Pnrr.
E' il quadro non certo roseo quello tracciato questa mattina dai consiglieri comunali di Forza Italia Antonio Platis e Pino Casano. In una giornata dove da Comune di Nonantola e Regione Emilia Romagna non si è detto o ricordato nulla sull'evento di tre anni che ha segnato per la seconda volta in sei anni, dopo l'alluvione del 2014, la provincia e soprattutto la comunità di Nonantola, i due consiglieri provinciali hanno voluto fare il punto e, da questo, sollecitare interventi per la sicurezza del fiume e procedere con i risarcimenti ai cittadini, da rimasti al palo.

Fermi di fatto da 6 mesi ad una percentuale di poco più del 50%. In particolare, sulle 1731 domande presentate e al netto delle 121 respinte, sono 735 quelle ancora in attesa. In termini di rimborso, su 15.284.000 rimborsi previsti, sono 6.387.000 quell liquidati, ovvero il 41,8 del richiesto.

Per quanto riguarda le aziende, su 106 domande presentate, 7 sono state respinte, 88 sono quelle concesse e 11 in attesa. In questo ultimo caso, su 2.405.000 euro previsti, ammontano a 1.346.266 i rimborsi liquidati, pari al 56% del richiesto.



'Chiediamo di sbloccare le procedure per avere il rimanente. Si tratta soprattutto di intoppi di carattere burocratico' - afferma Pino Casano. 

Ben più ampia la responsabilità politica contestata nel merito dei soldi non spesi ma assolutamente necessari, per la messa in sicurezza.

Si parla di 80 milioni di euro stanziati dal governo e dal dipartimento nazionale di Protezione Civile immediatamente dopo l'alluvione e che si troverebbero, in forma vincolata, nei cassetti della Regione. Non spesi. Che servirebbero per aumentare la sicurezza degli argini, dimostratisi estremamente fragili non solo per la rotta del 2020 ma per le almeno 4 rotte storiche che in un tratto di nemmeno due chilometri, si sono succedute. 'A questo si aggiunge un aspetto politicamente grave. Quando c'è stato il momento di accedere ai fondi PNRR per il dissesto idrogeologico la Regione Emilia Romagna aveva i cassetti vuoti di progetti necessari ad un buon stato di avanzamento per potere essere finanziati. Quindi non se ne è fatto nulla. Ed è così che per chissà quanto tempo dovremo ancora attendere sia sul nodo del fiume Secchia, adeguata solo alla gestione delle piene TR20, sia sull'asta del Panaro, grazie alle casse di espansione adeguata alla gestione di piene TR50, interventi capaci quanto meno di migliorare il livello di sicurezza, e almeno tendere a quel livello TR200 su cui gli scenziati sono ormai concordi per definire il punto di equilibrio tra investimenti necessari per le opere e costi provocati dall'alluvioni derivate dall'inadeguatezza delle opere idrauliche. Basta pensare che con i soldi dei danni dell'alluvione a Nonantola circa 100 milioni si sarebbe potuto mettere in sicurezza il sistema arginale del Panaro dalle casse di espansione al confine regionale. Chiediamo che questi foni vincolati vengano sbloccati' - conclude Platis. 

Gi.Ga.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

e-work Spa

Acof onoranze funebri
Politica - Articoli Recenti
Lega: 'Modena, le istituzioni non sono ad uso e consumo del Pd'
'Proprio coloro che declamano sempre il rispetto delle regole, nei fatti sono i primi a non ..
20 Maggio 2024 - 11:40
Mirandola, il Pd: 'La Budri viola la par condicio'. Ma nel 2019 i Dem fecero lo stesso
'Maino Benatti, così come altri membri dell’amministrazione (pure candidati), ..
19 Maggio 2024 - 18:27
Punti nascita, da Mirandola a Pavullo: promesse tradite di Bonaccini
Non solo non riapriranno i punti nascita in montagna, la Regione del governatore che promise..
19 Maggio 2024 - 07:31
Campagna elettorale, prof Modena: 'Dibattiti ridotti a narcisistiche passerelle'
'Vere e proprie narcisistiche passerelle utili alla visibilità di qualche responsabile di ..
18 Maggio 2024 - 18:23
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58