'Sanità Emilia Romagna, prepariamoci a chiusura dei Pronto soccorso'
Vota Bruno Rinaldi  Forza Italia
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Vota Bruno Rinaldi  Forza Italia
articoliPolitica

'Sanità Emilia Romagna, prepariamoci a chiusura dei Pronto soccorso'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Arrivano i cosiddetti 'Cau'. La riorganizzazione della rete dell'emergenza-urgenza è stata approvata dalla Giunta regionale. Critiche da Forza Italia


'Sanità Emilia Romagna, prepariamoci a chiusura dei Pronto soccorso'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Con la delibera che riforma l’emergenza-urgenza si è spostata semplicemente la polvere sotto al tappeto. Manca una riorganizzazione vera e propria della nostra sanità. La riforma dell’emergenza-urgenza nella narrazione della Regione sembra essere il problema madre di tutto un sistema sanitario che, come più volte ho segnalato, invece fa acqua da tutte le parti. Ieri sera è stata licenziata la delibera che dà il via a questa riforma, del tutto parziale e con nessuna decisione in capo alla Giunta Bonaccini, che fa ricadere tutte le scelte su Ausl e amministratori locali, che non porteranno ad altro se non all’applicazione a macchia di leopardo di questa riforma su tutto il territorio. E di fatto non si sarà risolto nulla'. Così il consigliere regionale di Forza Italia Valentina Castaldini boccia la riforma dei pronto soccorso varata dalla Regione.

La riorganizzazione della Rete dell’emergenza-urgenza, illustrata la settimana scorsa dall’assessore alle Politiche per la salute, Raffaele Donini, in Commissione assembleare nel pomeriggio di ieri è stata infatti approvata dalla Giunta regionale, che ha licenziato le Linee di indirizzo per le Aziende sanitarie. 
'Questa riforma, che attueremo in modo graduale e progressivo - spiega Donini- cambierà, in meglio, i servizi di cura e assistenza ai cittadini nelle situazioni di emergenza-urgenza. Non vogliamo correre il rischio della desertificazione dei Pronto soccorso, né chiudere i presidi sul territorio, né tanto meno privatizzare, come altrove sta avvenendo a causa della mancanza del personale sanitario. Ai cittadini diamo la garanzia che in emergenza, cioè a rischio vita, verranno presi in carico in modo ancora più rapido ed efficace.

Mentre, per i bisogni di salute a bassa criticità, i cittadini potranno fare riferimento alla rete di Centri di Assistenza per le Urgenze (Cau), che costituiremo in prossimità dei grandi Pronti soccorso, in alcune Case della comunità, nelle strutture sanitarie territoriali già oggi caratterizzate da una gestione pressoché totale di codici bianchi e verdi, e in alcuni poliambulatori dei medici di medicina generale, risparmiando tempo a parità di efficienza di prestazione e di sicurezza. Parliamo di una riforma completa del sistema- conclude Donini- che non ha precedenti nel nostro Paese'.

'Con l’Istituzione dei Cau territoriali, inevitabilmente saranno chiusi dei pronto soccorsi e a tremare, come sempre, saranno le realtà più periferiche e politicamente meno forti. Ancora una volta l’assessore regionale Donini non sceglie, ma scarica la programmazione dei tagli su Ausl e CTSS'. Aggiunge Antonio Platis, capogruppo Fi in Provincia di Modena.
'È evidente che la riforma sarà applicata a macchia di leopardo in tutta la regione e probabilmente la nostra provincia sarà quella con i tagli più significativi ai PS, perché già oggi è ricorsa in modo massiccio ai medici a gettone e alle cooperative private per coprire i turni in diversi nosocomi. Situazione che non si verifica, ad esempio, nel bolognese in quanto quell’Ausl Bo ha attivato diverse forme di negoziazione con i medici per incentivarli a scegliere i loro ospedali. Ricordo – chiosa l’azzurro - che eliminando anche i PS dagli ospedali vengono meno, conseguentemente, gli anestesisti e quindi le condizioni per mantenere attivi gli interventi chirurgici di medio livello in queste strutture. In poche parole si rischia di avere grandi poliambulatori nei centri della provincia e accentrare l’ospedale vero e proprio solo nei capoluoghi. Rischio che la “buona Politica” deve scongiurare. Già oggi – sottolinea Platis – oltre il 50% della flotta stradale del 118 modenese esiste solo grazie al volontariato. Sono 26 i mezzi di soccorso ‘pubblici’ attivi, contro i 29 offerti dalla Croce Rossa, ANPAS e Confraternite della Misericordia. Questo dato dovrebbe far riflettere e non poco'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


e-work Spa
Politica - Articoli Recenti
Modena, festa della polizia locale. Mezzetti: 'Vicinanza agli agenti'
'La sola repressione non è sufficiente a garantire livelli accettabili di sicurezza'
26 Maggio 2024 - 22:59
'CAU Castelfranco in un cantiere aperto con operatori precari, si torni al Punto di Primo Intervento'
Le immagini e l'affondo del candidato sindaco Rosanna Righini: 'Dopo gli annunci iniziali è..
26 Maggio 2024 - 11:25
Modena Pride, Mezzetti: ‘Grande festa sulla libertà di amare’
‘Stare insieme, conoscersi e capirsi: oggi ho visto una parte di città che mi piace ..
25 Maggio 2024 - 19:41
'Modena: Unimore partecipa attivamente al Gay pride, che errore'
Le parole di Mirko De Carli, candidato al Parlamento Europeo per la lista Libertà e ..
25 Maggio 2024 - 16:35
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58