Sanità Modena, tempi di attesa disastrosi: la denuncia della Cisl
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
articoliPolitica

Sanità Modena, tempi di attesa disastrosi: la denuncia della Cisl

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Agende bloccate in quanto piene: ecco perché a Modena i tempi d’attesa per le visite diagnostiche e specialistiche risultano ufficialmente rispettati'


Sanità Modena, tempi di attesa disastrosi: la denuncia della Cisl
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Agende bloccate in quanto piene: ecco perché a Modena i tempi d’attesa per le visite diagnostiche e specialistiche risultano ufficialmente rispettati.
La denuncia arriva dalla Cisl Emilia Centrale e dal suo sindacato dei pensionati Fnp, che sulla tutela della sanità pubblica hanno organizzato un convegno in programma domani a Reggio. L’iniziativa, che coinvolge anche la Cisl Funzione pubblica, si svolge alle 17 nell’aula magna Unimore (viale Allegri); partecipano il presidente della Fondazione Gimbe Nino Cartabellotta, l’ex ministra della Salute e attuale deputata Beatrice Lorenzin, l’assessore regionale alla Sanità Regionale Donini, il segretario regionale Cisl Filippo Pieri e quello nazionale Ignazio Ganga.

«Vogliamo proporre un grande patto per la sanità pubblica che, essendo un bene comune appartenente a tutti i cittadini, indipendentemente dalle loro condizioni sociali e di reddito, non può diventare terreno di scontro politico – afferma la segretaria generale della Cisl Emilia Centrale Rosamaria Papaleo -.

Siamo in una fase critica, è a rischio la tenuta della sanità pubblica come l'abbiamo conosciuta nei nostri territori. Il Governo deve potenziare il fondo nazionale, per il quale è prevista invece una riduzione: passare dal 6,9% sul Pil del 2022 al 6,2% nel 2025-26 significa sottrarre alla spesa sanitaria oltre 13 miliardi di euro. La Regione, invece, deve confrontarsi con noi sulle grandi trasformazioni in atto, a partire dall’attuazione del dm 77 (riorganizzazione della medicina territoriale), gestione dell’emergenza-urgenza e smaltimento delle liste d’attesa».

Su quest’ultimo aspetto la Cisl sostiene che i dati ufficiali secondo i quali Modena è ai primi posti in Emilia-Romagna per indice di performance non raccontano tutta la realtà.
Gli standard di riferimento regionali per le prestazioni di specialistica ambulatoriale di primo accesso sono stabiliti in 30 giorni per le prime visite e in 60 giorni per gli esami strumentali (eccetto la prima mammografia che è da garantire entro 90 giorni).

«Ma la realtà è diversa. Riceviamo quasi quotidianamente segnalazioni di cittadini che non riescono a ottenere gli appuntamenti perché le agende sono bloccate in quanto piene – dichiara Papaleo -. Questo significa che, non potendo ricorrere alla sanità privata, molti cittadini rinunciano a curarsi e non figurano nelle statistiche. Ecco perché noi affermiamo che anche nei nostri territori, considerati tra i più ricchi d’Italia, sta crescendo il fenomeno della cosiddetta povertà sanitaria. Poiché c’è una stretta correlazione tra povertà economica e peggioramento delle condizioni di salute, dobbiamo intervenire per aiutare chi non ha i soldi per pagarsi le cure. Uno dei primi interventi è l’abbattimento dei lunghi tempi d’attesa, che scoraggiano i cittadini, minano la fiducia verso le istituzioni sanitarie e ledono il diritto alla salute».

La Cisl, poi, prende posizione anche sul “consumo” di prestazioni sanitarie cosiddette improprie e senza sintomi, definito eccessivo nei giorni scorsi dall’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena.
«È sbagliato colpevolizzare il cittadino, a maggior ragione se anziano e fragile, solo perché decide di rivolgersi alle strutture pubbliche sperando di ricevere una risposta ai suoi bisogni. La politica sanitaria – dice la segretaria della Cisl - deve farsi carico anche di queste situazioni per evitare che nelle agende non trovino posto pazienti che hanno problemi urgenti. È necessario, quindi, rendere più facilmente fruibile la medicina territoriale, le case della salute, gli ospedali e infermieri di comunità, cioè tutti quei servizi che possono fornire una prima assistenza. Un altro tema è la completa operatività della cosiddetta presa in carico dei pazienti con patologie croniche. Sono persone – ricorda Papaleo - che necessitano di visite programmate e ricorrenti che andrebbero fissate una volta per l’altra direttamente dagli specialisti su agende e percorsi assistenziali dedicati. Anche su questo ci vengono segnalate criticità e saturazione sulle agende dei centri di prenotazione interna. Insomma, è ancora lontano dal realizzarsi il principio, più volte enunciato, secondo cui non è il cittadino che deve rincorrere la sanità, ma è la sanità che dovrebbe andargli incontro».

Infine, c’è il grave problema della bassa attrattività delle professioni sanitarie. Mancano medici e infermieri in primis, ma anche amministrativi e tecnici. Un fenomeno sempre più preoccupante che ha cause di tipo economico (retribuzioni insoddisfacenti), lavorativo (orari “impossibili” e condizioni difficili), sociale (scarsa disponibilità di case in affitto a buon mercato).

I casi concreti

La Cisl Emilia Centrale monitora i tempi d’attesa in sanità e raccoglie le segnalazioni dei cittadini. Ecco alcuni recenti casi concreti.

1. Una donna modenese di 30 anni deve fare urgentemente (entro dieci giorni) una visita senologica con ecografia, ma non ha nessuna disponibilità in tutta la regione.
2. A un modenese di 33 anni l’altro giorno è stata fissata al 7 settembre una visita allergologica.
3. Per un over 70 residente in provincia che ha bisogno di una visita oculistica l’agenda è piena e ancora non ha una data disponibile.
4. Idem per un altro ultra 70 enne, che aspetta un tac in quanto soffre di patologie degenerative.
5. Aspetta addirittura da un anno e sei mesi una donna residente in città – anch’ella over 70 - che deve farsi asportare una cisti seborroica.

Altri i casi riguardano il Cip (centro interno di prenotazione per le cronicità) del policlinico di Modena.
6. Presa in carico dal reparto di gastroenterologia per patologie del fegato e intestino, una donna di oltre 70 anni fino a febbraio ha avuto appuntamenti di controllo per le cure effettuate a domicilio, presi direttamente in reparto dallo specialista. Ora che deve passare tramite il Cip del policlinico, salta la scadenza del controllo per confermare o meno la terapia ogni sei mesi, arrivando fino a un anno.
7. Problemi con il Cip del policlinico sono segnalati anche per la dermatologia (il paziente ha una patologia oncologica).

«I dati che raccogliamo ci servono quando andiamo a fare la contrattazione socio-sanitaria sia con la Regione che con i Comuni e le aziende sanitarie locali – spiega la segretaria generale della Cisl Emilia Centrale Rosamaria Papaleo – L’obiettivo non è la mera contrapposizione tra sindacato e istituzioni, ma il confronto e la verifica tra i principi base o linee guida e ciò che accade concretamente nei territori. Il diritto alla salute non può essere messo in discussione, a maggior ragione per le persone più fragili».

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Articoli Correlati
La piazza di Massimo
Politica
11 Giugno 2024 - 02:39
Modena, ecco i nomi del nuovo Consiglio comunale
Politica
10 Giugno 2024 - 23:06

e-work Spa
Politica - Articoli Recenti
La piazza di Massimo
Dopo la prima festa alla sede elettorale il neo sindaco Mezzetti saluta e ringrazia gli ..
11 Giugno 2024 - 02:39
Modena, ecco i nomi del nuovo Consiglio comunale
Il nuovo consiglio comunale di Modena è formato da 22 consiglieri di maggioranza, 8 ..
10 Giugno 2024 - 23:06
Voto a Modena: Mezzetti al 63%. Negrini si ferma al 28%
Segue la Modena al 3,16%, Mvp all'1,6%, Daniele Giovanardi all'1,4%, Chiara Costetti ..
10 Giugno 2024 - 21:11
I sindaci eletti in provincia di Modena
L'elenco dei 31 comuni della provincia di Modena al voto con i rispettivi sindaci eletti e ..
10 Giugno 2024 - 21:00
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58