Sondaggio Udicon sulla sicurezza: l'80% dei modenesi ha paura
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Sondaggio Udicon sulla sicurezza: l'80% dei modenesi ha paura

La Pressa
Logo LaPressa.it

L’80% degli intervistati ha paura a passeggiare di notte nel proprio quartiere, Per il 77,4% la città è meno sicuro rispetto ad un anno fa


Sondaggio Udicon sulla sicurezza: l'80% dei modenesi ha paura
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Per il 77,4% degli intervistati, Modena è meno sicura rispetto all’anno scorso. Basta questo dato per dare la misura di come i cittadini vivono il problema sicurezza sulla propria pelle. Il risultato fa parte del sondaggio online lanciato da Udicon Emilia-Romagna, che ha voluto esplorare il punto di vista della popolazione, le esperienze e le possibili soluzioni.
Oltre 1200 i questionari analizzati dall’associazione, che ha esteso l’indagine – con risultati simili – in tutte le principali città dell’Emilia-Romagna. Nel sondaggio, tra le altre cose, veniva chiesto cosa si intende per sicurezza urbana; di indicare un voto sulla sensazione di sicurezza (o meno) nel passeggiare nel proprio quartiere di giorno o di notte; se si è stati vittime di episodi criminosi; quali sono le tipologie di reato più frequenti e in che modo si può migliorare la situazione.

In linea generale, l’approfondimento fatto da Udicon consegna una popolazione modenese, e in generale emiliano-romagnola, allarmata e preoccupata per l’aumento dell’illegalità.



Il maggior numero di risposte è pervenuto da cittadini con un’età compresa tra i 41 e gli oltre 70 anni, mentre le percentuali degli under 40 sono sensibilmente inferiori. Al sondaggio hanno risposto per la maggior parte famiglie con figli (63,3%), a probabile conferma che la percezione di insicurezza sia una preoccupazione soprattutto per i propri figli, in particolare se adolescenti.

Il 69,1% del campione che ha risposto al sondaggio vive in periferia, il restante in centro. Per il 49,6% dei cittadini modenesi il termine ‘sicurezza urbana’ significa tutelare e proteggere persone e territorio, mentre per il 31% vuol dire anche passeggiare nella propria città senza temere per la propria incolumità.

Il 67,5% degli intervistati è certo: il centro urbano dove abita attualmente non è sicuro. E ancora: oltre l’80% del campione boccia con un voto da 1 a 5 il senso di sicurezza percepito camminando di notte nel proprio quartiere. Significativo, poi, che quasi uno su cinque (20%) non si sente al sicuro nemmeno in casa propria. E ancora: per quasi il 45% del campione il quartiere di residenza è in pessime condizioni con svariate aree degradate, con scarsa illuminazione oppure fortemente esposto ad alto rischio criminalità.

Dal sondaggio emerge come quasi la metà dei cittadini è stato vittima almeno una volta di un episodio criminale. Addirittura un genitore su 5 ha un figlio che è stato colpito da qualche forma di aggressione. Il 75% ha denunciato, il restante no. Per i modenesi la piaga dello spaccio è in forte aumento, con percentuali nettamente superiori a quelle della media regionale (43% a fronte del 31,6 generale).
Per il 64% del campione è fondamentale aumentare la presenza delle forze dell’ordine sul territorio, anche se è risaputa la sofferenza degli organici a cui proprio questo Governo dovrebbe porre rimedio. Altrettanto importante, per i cittadini, sarebbe potenziare la videosorveglianza e incrementare l’illuminazione pubblica. Tra i reati più segnalati, anche tramite le cronache dei quotidiani, ci sono molestie sessuali e spaccio (oltre il 19%) seguiti da aggressioni, furti di auto e moto e atti vandalici.
Nella parte finale, il sondaggio chiedeva suggerimenti su quali potrebbero essere le azioni da adottare dalle istituzioni per contrastare la criminalità: per il 68,3% è imprescindibile garantire una maggiore certezza delle pene, mentre per il 39,1% non è più derogabile un potenziamento delle forze dell’ordine attive sul territorio. Fa riflettere, infine, la fetta di cittadini (il 14%) che chiede l’autorizzazione alla presenza delle ronde nei quartieri.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Feed RSS La Pressa
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi cosìtanto tempo che era diventata una famiglia
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Quelli di Prima - Articoli più letti
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06