Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliPolitica

Vaccini, docufilm Invisibili: Freccero scrive al sindaco di Reggio

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Anche a Reggio potrebbero esserci stati effetti collaterali e situazioni analoghe a quelle descritte nel documentario'


Vaccini, docufilm Invisibili: Freccero scrive al sindaco di Reggio
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Continuano anche in Emilia Romagna, con un enorme presenza di pubblico, le proiezioni del docufilm 'Invisibili' sulle reazioni avverse da vaccino. Dopo le proiezioni modenesi il film sbarca di nuovo nel giro di pochi giorni a Reggio Emilia. L'11 febbraio all'Hotel Mercure Astoria di via Nobili la proiezione sarà accompagnata da un dibattito alla presenza del regista Paolo Cassina, del magistrato Alessandra Chiavegatti, del medico Paolo Schicchi, del cardiologo Giuseppe Barbaro, della psicologa Paola Ponzo e di Elena Da Ronch del Comitato Ascoltami.
A moderare l'incontro sarà l'ex direttore Rai Carlo Freccero.

Proprio Freccero ha inviato ieri una lettera al sindaco di Reggio Luca Vecchi per invitarlo alla proiezione. Da notare che - parallelamente - il Comune di Sassuolo con una lettera del 2 febbraio inviata a Modena Libera e a firma del sindaco Menani, ha negato il patrocinio a un evento simile legato alla proiezione del docufilm poichè 'non si condividono i contenuti della manifestazione'.

Ma ecco la lettera integrale di Freccero.
Gent.mo Sig Sindaco Luca Vecchi
mi rivolgo a Lei per un appello da parte degli organizzatori della proiezione del documentario INVISIBILI di sabato 11 febbraio, per chiedere la sua preziosa partecipazione. La sua presenza darebbe al dibattito il significato importante di aiuto della comunità per ad una minoranza che, purtroppo ed in buona fede, è stata danneggiata dal vaccino. Queste persone hanno creduto nel bene comune. È compito di tutti mostrare gratitudine e solidarietà nei loro confronti.
Essere sindaco assume un significato universale che va ben oltre gli interessi di partito. Indipendentemente dalla parte politica che l’ha proposto e sostenuto, il Sindaco deve rispondere col suo operato alle istanze di tutti i cittadini, perché il suo ruolo e la sua funzione è pubblica. Nel caso dell’Emilia Romagna questo dovere è, se possibile, ancora più sentito, perché la grande fiducia dei cittadini nelle istituzioni non può essere delusa.

Purtroppo la pandemia di Covid ha avuto, tra gli altri esiti nefasti, quello di spaccare la società tra favorevoli e contrari al vaccino, vax e novax. È noto che i partiti di sinistra sono stati i più schierati a favore della vaccinazione. E anche oggi continuano su questa linea politica, anche a costo di assumere atteggiamenti di chiusura incompatibili con una visione della scienza aperta al progresso ed al miglioramento costante dei suoi risultati. Non a caso i vaccini hanno avuto un’autorizzazione condizionata. Questa cautela era necessaria per monitorare gli effetti di un farmaco nuovo e si è tradotta nell’integrazione della scheda tecnica del farmaco, con gli effetti secondari verificati.

Una presa di posizione rigida, porta la sinistra ad arroccarsi su posizioni intransigenti e di rifiuto di alcune evidenze che le case farmaceutiche e gli organismi di vigilanza sanitaria cominciano ad ammettere. Il rifiuto di assistere alla proiezione del documentario, può essere interpretato come frutto di questa intransigenza.
Ma c’è un paradosso che il documentario rivela e ripete per tutta la sua durata. Il documentario non dà voce ai novax. Al contrario, se parliamo di effetti collaterali del vaccino, dà la voce a quanti nel vaccino hanno avuto fiducia e si sono affidati alle direttive sanitarie pubbliche. Non solo. I vaccinati non si sono trasformati in novax.

Ammettono che, purtroppo, un farmaco causa sempre effetti collaterali che possono essere più o meno rilevanti. Alla fine della sperimentazione sta alle strutture pubbliche valutare il rapporto rischi- benefici nella somministrazione di un farmaco. E gli intervistati argomentano che essendo stati regolarmente vaccinati in strutture pubbliche ed avendo subito gravi conseguenze, è loro diritto accedere tramite quelle stesse strutture che li hanno vaccinati, alle cure necessarie per ovviare ad effetti collaterali che, in alcuni casi, sono già stati certificati.
Invece si ritrovano oggi per la Sanità Pubblica ad essere INVISIBILI e si vedono respingere al pronto soccorso come se la loro non fosse una situazione oggettiva di sofferenza, ma una forma nevrotica di depressione o di turba mentale.

Loro hanno avuto fiducia nella sanità e nello Stato. Stato e sanità devono avere fiducia in loro. È un dovere morale che non può essere semplicemente eluso trincerandosi dietro il consenso informato. Tutti sanno che di consenso veramente informato non può trattarsi perché, addirittura, nel Parlamento Europeo si è invocato il segreto militare sui vaccini per non rivelare dati sensibili. I cittadini hanno quindi firmato un consenso in bianco alle istituzioni.
Gentilissimo signor Sindaco ignoro la sua posizione personale sull’argomento, ma penso che il Comune debba farsi carico di trasmettere le istanze dei cittadini allo Stato ed alle istituzioni sanitarie preposte. Anche a Reggio le vaccinazioni hanno interessato la maggioranza dei cittadini. Anche a Reggio potrebbero esserci stati effetti collaterali e situazioni analoghe a quelle descritte nel documentario e le eventuali vittime non possono essere lasciate sole nel momento del bisogno. Credo nella democrazia e nel dibattito, ma soprattutto nella solidarietà sociale.
Un sentito ringraziamento per la sua cortese attenzione. Gli organizzatori confidando nella sua presenza Le hanno riservato il posto.
Carlo Freccero

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Onoranze funebri Simoni

Acof onoranze funebri
Politica - Articoli Recenti
'Degrado e ritardi alle ex fonderie: ..
Giacobazzi (Forza Italia): 'Procedere con la realizzazione dei progetti superando una volta ..
19 Febbraio 2024 - 22:07
Da Modena a Milano per il Global Day ..
Pullman di modenesi per partecipare alla manifestazione davanti al consolato Britannico nel ..
19 Febbraio 2024 - 17:50
'Modena, indice performance per le ..
Antonio Platis (Forza Italia): 'Preoccupante la prevenzione sulle donne modenesi, le ..
19 Febbraio 2024 - 17:20
Il Consiglio Comunale chiude con boom..
La presentazione del bilancio di attività del 2023 con boom di presenza tra i consiglieri, ..
19 Febbraio 2024 - 15:00
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58