e-work Spa
Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliPolitica

'Vittime del Covid o dei protocolli Covid? Vogliamo verità'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il Comitato Nazionale Familiari vitttime del Covid in presidio al Ministero della Salute: 'Chi ha sbagliato se ne assuma la responsabilità. Vogliamo verità e giustizia'. Il grido di dolore di coloro che hanno visto isolare i propri cari e morire in ospedale senza potere avere alcun contatto, nemmeno per l'addio


'Vittime del Covid o dei protocolli Covid? Vogliamo verità'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Siamo stati dimenticati. Adesso vogliamo verità e giustizia'. Sono queste le parole gridate dai membri del Comitato nazionale Familiari vittime del Covid, riuniti ieri in un sit-in davanti al ministero della Salute. Molti, come migliaia in tutta Italia hanno visto i loro cari colpiti dal covid attendere cure che non venivano prescritte, in vigile attesa. Li hanno visti peggiorare ed essere trasportati all'ospedale dove sono morti senza avere più un contatto con i loro cari. 

'Ci sono stati restituiti gli effetti personali di mio padre come se fosse disperso nell'oceano, ma era in un ospedale a cui non abbiamo potuto accedere neanche per dirgli addio. È stato messo, come tanti altri, in un sacco di spazzatura e poi in una bara', racconta una signora di Lecce all'agenzia Dire. Il padre è morto di Covid nel 2021.

Come alcuni altri partecipanti al sit-in, pensa che 'un certo percorso terapeutico non era efficace, ma andavano sponsorizzati i vaccini e non si ascoltavano i medici che avevano un altro punto di vista terapeutico'. Era il tempo prolungato anche dopo laprima fase di emergenza in cui i medici che volevano continuare a visitare e curare i pazienti con farmaci a disposizioni ed operare in scienza e coscienza anche se non ligi ai protocolli imposti, dovevano agire in una sostanziale clandestinità. Organizzandosi con reti social e a contatto con i pazienti. Medici che spesso hanno pagato con conseguenze disciplinari, se non la radiazioni le loro posizioni che pur in scienza e coscienza risultavano anti sistema. 

'Ci dicono che non dobbiamo essere giustizialisti e che in passato si è fatto quel che si poteva. Ma noi siamo qui per dire 'no'.

Noi non siamo giustizialisti, siamo giusti', dicono ancora. Sono venuti da tutta Italia, ma molti non vogliono parlare e raccontare la loro esperienza. Per alcuni il dolore è ancora troppo forte, altri, invece, dichiarano di non fidarsi dei mezzi di informazione perché, dicono, 'troppe volte le nostre parole sono state distorte'. Tra queste storie umanamente laceranti c'è anche quella raccontata dai parenti di chi ricoverato in ospedale per altre cause non covid, ha generato infezioni o il covid stesso, che ne hanno provocato il decesso. Tutti casi che hanno moltiplicato le morti in isolamento, senza un contatto con i famigliari.
 
'Sono qui per dare voce a mio fratello morto a 47 anni in ospedale', racconta Lorenza. 'È stato ricoverato perché io per paura ho chiamato l'ambulanza, anche se la sua saturazione era perfetta e gli esami al Pronto Soccorso erano a posto. In una settimana l'ho sentito due volte, poi durante le due settimane di terapia intensiva niente. Sono stata avvisata il giorno che è morto'. Lorenza, dice, ha visionato le cartelle cliniche da cui si è accorta che suo fratello 'aveva preso un'infezione ospedaliera, chi mi dice che non sia quella che lo ha fatto morire?'.
 
Il fratello di Lorenza è stato ricoverato il 30 ottobre ed è morto il 22 novembre del 2020, in Veneto: 'Per noi la seconda ondata è stata devastante. Si poteva fare tutto ovunque, a intermittenza, mentre gli ospedali erano tutti chiusi e non si poteva avere notizie dei propri cari. Non si riesce a farsene una ragione: come si può vedere una bara chiusa e non sapere chi c'è dentro?'.
 
Rispetto alle responsabilità sulla gestione della pandemia: 'Mi auguro che chi ha avuto delle colpe, se le prenda. Noi familiari già stiamo portando le nostre pene sulla coscienza, è giusto che se le prendano anche gli altri', conclude Lorenza.
 
In una parte delle persone presenti al sit-in c'è in effetti un certo scetticismo verso i vaccini, oltre alla convinzione che con altri approcci terapeutici, diversi dalla 'tachipirina e vigile attesa' si sarebbero potute salvare più persone. 'Quando i nostri cari sono arrivati in ospedale erano già trombotizzati dopo una settimana di tachipirina e vigile attesa, ma in questi percorsi è mancata la comunicazione tra i medici delle USCA, tra il medico di famiglia e la Sanità. Nessuno veniva a casa per capire cosa si potesse fare', prosegue la signora leccese.
 
'L'inferno che abbiamo vissuto è un 'Fine pena: mai'. L'ultima immagine che ci rimane è quella dei nostri cari spaventati a morte mentre salgono sul 118', conclude.
 
Intanto, nei giorni scorsi, è stato avviato l'iter parlamentare per istituire una Commissione d'inchiesta sulla gestione della pandemia: 'Chiediamo che non sia una Commissione amministrativa economica, quasi uno strumento di battaglia fra politici. A noi interessa una Commissione che faccia un'indagine a 360 gradi su quello che è accaduto e sulle cure mancate, che ascolti i Comitati e le associazioni dei familiari', è stato il commento di Sabrina Gualini, presidente del Comitato, che nel corso della mattinata è stata ricevuta da due funzionari della segreteria del ministero.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Onoranze funebri Simoni
Articoli Correlati
Modena, il film 'La morte negata' alla sala Ulivi
Societa'
08 Marzo 2024 - 14:45
Finchè c'è vita c'è Speranza
Le Vignette di Paride
19 Febbraio 2024 - 10:14

Acof onoranze funebri
Politica - Articoli Recenti
Bonaccini ci mette sempre la ..
Dopo averli stanati casa per casa, ora il governatore vola a Bruxelles. Peccato per la ..
17 Aprile 2024 - 09:58
Amianto Civ&Civ, l'assessore: 'Nessun..
Annamaria Vandelli ha risposto all'interrogazione del Movimento 5 Stelle sull'entità del ..
17 Aprile 2024 - 00:58
'Autotrasporto, sui cattivi pagatori ..
Franchini (Ruote Libere): 'In Spagna il governo rende pubblico a tutti l'elenco delle ..
16 Aprile 2024 - 18:20
Nomina direttore Aimag, Pd Mirandola:..
Sulla nomina del nuovo direttore di Aimag da parte di Hera l'intervento della segretaria del..
16 Aprile 2024 - 18:00
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58