Voto Modena, il deputato Daniela Dondi: 'Non sarò io il candidato sindaco del centrodestra'
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Voto Modena, il deputato Daniela Dondi: 'Non sarò io il candidato sindaco del centrodestra'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Piergiulio Giacobazzi? 'Non è il candidato della coalizione'. Un accordo con Francesca Maletti: 'Siamo un partito aperto, sta a lei decidere se lasciare il Pd'


Voto Modena, il deputato Daniela Dondi: 'Non sarò io il candidato sindaco del centrodestra'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Nel suo studio di avvocato il lavoro presegue come sempre, ma per l'onorevole Daniela Dondi dopo l'elezione in Parlamento del 2022 la vita è oggettivamente cambiata. Quando è a Modena continua a ricevere i clienti, ma gli impegni istituzionali la obbligano a delegare molte pratiche. Eppure si nota immediatamente come la passione per la sua professione corra in parallello con quella per la politica. Ci accoglie con modi eleganti nel suo ufficio a due passi dal centro di Modena, tra foto di famiglia, ricordi personali, una ordinata scrivania in vetro e un appendiabiti decorato con decine di pass istituzionali. Nello scambio di battute prima dell'intervista, ufficializza la prima vera notizia in vista delle elezioni amministrative di giugno Modena. 'Lo diciamo subito - afferma sorridendo -. Non sarò io il candidato del centrodestra, ma posso dire che presenteremo un candidato di coalizione che sarà in grado di svolgere il compito meglio di me'.

Parole che pesano e non poco in un dibattito politico che l'aveva data tra i favoriti al ruolo di profilo ideale in chiave anti-Pd, considerata anche la sua clamorosa vittoria di un anno e mezzo fa, proprio nel seggio modenese.

Deputato, ormai mancano sei mesi al voto a Modena. Il centrodestra non ha ancora indicato un candidato sindaco. Non le pare vi sia un ritardo nel percorso?
'Non siamo assolutamente in ritardo. Le elezioni sono a giugno e c'è tutto il tempo per presentare il nostro candidato e avviare una campagna elettorale seria. Abbiamo ben chiare le caratteristiche del candidato e quando lo presenteremo inizieremo il percorso che dovrà portare alla vittoria. Vede, iniziare a settembre la campagna elettorale e il dibattito sui nomi, come ha fatto la sinistra, penso che sarebbe stato poco rispettoso per i cittadini che, nel caso del Pd, ogni settimana si trovano davanti a un possibile candidato sindaco'.

La sua vittoria al seggio modenese contro il candidato di centrosinistra alle politiche del 2022 è stata clamorosa. Qual è la ricetta per battere la sinistra in un territorio da sempre monocolore?
'Non c'è una ricetta prestabilita. Io, pur con tutto il sostegno di Fdi e la fiduca accordatami, creai da zero la campagna elettorale delle politiche 2022. Penso i punti di forza siano state le caratteristiche della mia persona, quello che ho fatto per Modena e l'essere stata trasparente. I cittadini percepiscono perfettamente quando un candidato è sincero o meno. Io sono modenese, le mie idee politiche sono note e la città di Modena è la mia casa. Modena è la seconda città dell'Emilia Romagna per numeri, ma oggi così non è per importanza. Quello che auspico e quello per cui dobbiamo lavorare insieme è un salto di qualità della città. Modena è bellissima, ha aziende leader nei settori più disparati, culturalmente ha gioielli unici. Occorre alzare livello, fare rete e sfruttare in senso costruttivo le caratteristiche del territorio. Non so se sia una ricetta per battere la sinistra, ma sicuramente è una ricetta per il bene della città'.

In questi 14 mesi da deputato, al di là del suo impegno alla Camera, ha mantenuto un forte legame col territorio modenese, sui temi della giustizia ma non solo. Qual è stata in particolare la sua attività?
'In questi mesi ho fatto politica sul territorio mettendomi a disposizione dei cittadini. Ho incontrato associazioni di categoria vicine al centrodestra e vicine al centrosinistra e professionisti, ho partecipato ai banchetti e mi sono confrontata coi comitati… Prima di intraprendere attività strutturate occorre capire cosa i modenesi si aspettano. Poi, ovviamente, mi sono concentrata sul tema della giustizia che conosco bene. Sull'edilizia giudiziaria in particolare ho presentato un question time in commissione parlamentare per avere il quadro reale sul futuro del Tribunale di Modena e sulla Cittadella della Cultura alla ex Manifattura, un progetto che nasce proprio da una mia idea ai tempi della mia presidenza dell'Ordine degli avvocati. Anche questo l'ho fatto per sgombrare il campo da una narrazione locale distorta'.

Il Pd è alle prese con l'individuazione del successore di Muzzarelli. Quali sono stati a suo avviso i principali limiti dei 10 anni della giunta uscente?
'Potremmo parlare a lungo, ma mi limito a due elementi. Prima di tutto in questi anni abbiamo assistito a una giunta autoreferenziale, dove segreteria del Pd, segreteria del sindaco e giunta si sono fuse in un tutt'uno inestricabile. In secondo luogo questa amministrazione non si è mai aperta al di là del perimetro del Pd, con una rotazione perenne delle stesse persone in ruoli diversi. Vede, senza persone nuove e professionalità reali la crisi è inevitabile. Penso a un esempio su tutti: la gestione del centro storico per decenni in mano alle stesse figure, così non va bene e a pagarne il prezzo in termini di qualità e bellezza sono i cittadini. Occorre valorizzare le eccellenze e le professionalità locali se vogliamo far fare a Modena quel salto di qualità di cui parlavo'.

Se il centrodestra fosse chiamato a governare Modena quali sarebbero i primi temi ai quali mettere mano nel segno del cambiamento?
'Parto da due temi diversi ma di vitale importanza. Il primo è quello della sicurezza e della legalità: non possiamo immaginare una città dove i residenti vivono in un costante sensazione di pericolo nel muoversi e nello spostarsi in centro. Il secondo è quello legato alla necessità di ridisegnare la raccolta rifiuti, la gestione dell'inceneritore e le aliquote Tari. Dati questi due elementi di assoluta urgenza, penso come detto alla valorizzazione del centro storico, al rispetto delle periferie, all'impulso delle attività commerciali medio piccole calpestate dalla grande distribuizione. Penso al problema della viabilità e dei mezzi pubblici. A Modena basta un tamponamento per bloccare gli spostamenti per ore, mentre i mezzi pubblici non sono di fatto utilizzabili fuori dagli orari scolastici. Cito poi di nuova il tema della valorizzazione culturale delle eccellenze artistiche locali e il concetto di 'bellezza'. Dobbiamo abbellire la città. Guardi che non è una banalità: quando si accede dagli ingressi di Modena Nord davvero non si ha l'impressione di entrare nella seconda città più importante della Emilia Romagna'.

Dieci anni fa, dopo la sua sconfitta alle primarie Pd, si parlò a lungo di una lista civica guidata da Francesca Maletti distinta dai Dem. E' fantapolitica immaginare un dialogo con la Maletti da parte del centrodestra?
'Francesca Maletti fa parte del Pd. O rompe col suo partito di appartenenza e allora, a quel punto, poichè siamo un partito aperto, possiamo dialogare, oppure non vedo come sia possibile un accordo. Oggi come oggi Francesca, che conosco bene, è consigliere regionale del Partito Democratico. Sta a lei decidere: lo ripeto, Fdi è un partito aperto'.

Oggi Fdi è capofila della coalizione, ma qual è il rapporto con gli alleati? Come giudica in particolare la candidatura di Giacobazzi nelle fila di Forza Italia?
'I rapporti con Lega e Forza Italia sono ottimi. Stimo molto professionalmente Piergiulio Giacobazzi però la sua non è la candidatura della coalizione e a Modena posso dire che ci sarà un candidato di coalizione'.

In molti vedono nella sua figura il candidato sindaco naturale, proprio in virtù della sua vittoria del 2022. Ci sono possibilità in questo senso?
'Non sono io il candidato sindaco di centrodestra a Modena. Ritengo che neppure il presidente del Consiglio mi chiederà di candidarmi per questo incarico in quanto una mia ipotetica vittoria comporterebbe l'elezione supplettiva per il Collegio che ho vinto a settembre 2022. Ringrazio per la fiducia che viene riposta da tanti che mi hanno sollecitato ritenendo la mia persona adeguata all'incarico, ma sicuramente il candidato della coalizione di centrodestra sarà in grado di svolgere questo decisivo compito molto meglio di me'.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Contattaci
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi cosìtanto tempo che era diventata una famiglia
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Quelli di Prima - Articoli più letti
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06