'Fare scegliere la scuola ai ragazzi e negargliela è ingiusto: il meccanismo va rivisto'
Ozonoterapia 1
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
rubrichePressa Tube

'Fare scegliere la scuola ai ragazzi e negargliela è ingiusto: il meccanismo va rivisto'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Decine di casi di giovani esclusi dall'accesso alle scuole superiori scelte, all'attenzione di Udicon Emilia Romagna. Il presidente Paldino: 'Per i ragazzi un pessimo messaggio. Il loro futuro non può essere deciso da un pagellino di seconda media o da un sorteggio. Non escludiamo ricorsi'


Guarda i nostri video in anteprima, Iscriviti al nostro canale YouTube !
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Abbiamo contattato tutte le scuole della provincia per avere un quadro completo della situazione ma è chiaro che si tratta di un sistema da rivedere. Stiamo affrontando le problematiche che stanno vivendo molti ragazzi, legate all'impossibilità di iscriversi e frequentare la scuola superiore desiderata, già da tempo. Stiamo seguendo una trentina di famiglie che si sono rivolte ai nostri uffici chiedendoci come muoverci. Ci sono casi di ragazzi esclusi anche dalla scuola indicata come terza scelta, obbligati di fatto a scegliere un quarto istituto nemmeno compreso tra le tre scelte espresse. In casi come questi stiamo valutando con i nostri legali la possibilità di fare ricorso'. Così Vincenzo Paldino, presidente regionale U.di.con Emilia-Romagna 
sul tema dell'esubero delle domande di iscrizione rispetto ai posti disponibili negli istituti superiori di secondo grado della provincia di Modena.

E di meccanismi di esclusione e selezione legati a parametri in diversi casi contestati nel metodo e nel merito, come la media dei voti in un determinato anno o periodo delle scuole medie o addirittura un sorteggio. ' non è giusto legare la carriera scolastica superiore dei ragazzi, e la possibilità di frequentare la scuola desiderata, sulla base di questi elementi' - sottolinea e Vincenzo Paldino. 

A che punto siamo? Che cosa si può dire oggi alle famiglie dei ragazzi che si trovano obbligati a frequentare una scuola diversa da quella che prioritariamente avrebbero voluto frequentare?
'Ci stiamo muovendo su tre fronti. Il primo è una verifica dei reali numeri del fenomeno. Abbiamo contattato le scuole, per avere i numeri degli esclusi dalla prima seconda o addirittura terza scelta per ogni singolo indirizzo di studio. Il secondo riguarda i criteri.

Quali vengono utilizzati nelle scuole, per decidere di negare ad un ragazzo una scuola, che magari rappresenta la sua aspirazione? Sappiamo che si usa anche la media dei voti durante la seconda media. Crediamo non sia giusto vincolare o pregiudicare il futuro scolastico di un ragazzo basandosi su un pagellino finale che può essere condizionato da mille variabili, soprattutto se parliamo di ragazzi di 12 o 13 anni. Ancora peggio se ci basiamo su un sorteggio. Qui il messaggio che viene inviato ai ragazzi è che il loro futuro scolastico è legata alla fortuna. Sia in un caso sia nell'altro siamo di fronte a meccanismi sbagliati e a parametri che vanno cambiati'

Che cosa fare? 'Attendiamo le risposte delle scuole con le quali siamo in contatto e analizzeremo nel merito la situazione con la speranza di portare correttivi e dare risposte alle famiglie. E' in gioco il diritto all'istruzione e la possibilità di dare risposte alle aspirazioni di molti ragazzi. E di questo si tratta se consideriamo che ci sono ragazzi che si sono visti negare addirittura la terza scelta e si trovano di fatto obbligati a frequentare una scuola lontana dalle proprie aspirazioni ed ambizioni. In casi come questi stiamo valutando la possibilità di presentare ricorsi. Un tale diritto va affermato, non negato'.


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Ozonoterapia 1

Pressa Tube - Articoli Recenti
Candidati sotto La Pressa: rivedi il 'faccia a faccia' Negrini-Mezzetti
Partecipato incontro alla polisportiva di Albareto di Modena con i candidati sindaco ..
30 Maggio 2024 - 03:20
Urbanistica, famiglia e sicurezza: Bignardi e Rossini a confronto
Al centro del confronto, moderato dal direttore de La Pressa Giuseppe Leonelli, anche i temi..
23 Maggio 2024 - 21:54
Voto Mirandola: il video del confronto davanti a 400 persone
Al termine del confronto spazio alle domande dal pubblico e, a quel punto, la serata si è ..
17 Maggio 2024 - 16:05
'Così Cigarini infanga ancora l'onorabilità di Pagliani'
Andrea Galli: 'Si è permesso di ripescare quelle accuse, false, adombrando ancora ..
14 Maggio 2024 - 16:54
Pressa Tube - Articoli più letti
Esplodono i contagi: è il fallimento totale del Green Pass
Si continua viceversa la caccia al no-vax (il quale per ora continua a non infrangere alcuna..
29 Dicembre 2021 - 12:03
No al green pass, lavoratori uniti: 'Diciamo no al lasciapassare'
'L'articolo 1 della Costituzione oggi viene superato da un decreto che subordina il diritto ..
01 Ottobre 2021 - 21:13
'Green Pass, traditi da Stato e sindacato, appello ai lavoratori: unitevi per i diritti di tutti'
I lavoratori di CNH senza Green Pass, a cui è negata la mensa, hanno ricevuto la ..
23 Settembre 2021 - 13:17
'Non tornerò al lavoro finchè sarà necessario il Green Pass'
La testimonianza di Maria Sole Lanè, referente del gruppo 'La gente come noi' Emilia ..
24 Marzo 2022 - 12:08