Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
rubrichePressa Tube

'Green Pass, traditi da Stato e sindacato, appello ai lavoratori: unitevi per i diritti di tutti'

La Pressa
Logo LaPressa.it

I lavoratori di CNH senza Green Pass, a cui è negata la mensa, hanno ricevuto la solidarietà di altri lavoratori di aziende della provincia, lavoratori autonomi e sindacalisti 'controcorrente'


Guarda i nostri video in anteprima, Iscriviti al nostro canale YouTube !
C'è Lia, ex addetta di una cooperativa di servizi sanitari, autosospesa per non cedere a quello che definisce 'ricatto del Green Pass', poi c'è Enrico, autonomo che da esterno lavora per CNH, che ha dedicato due ore della mattina per incontrare i lavoratori obbligati a consumare il pasto nelle aiuole fuori dalla fabbrica, poi c'è Daniela, sindacalista CGIL RSU di una azienda metalmeccanica di Reggio Emilia, che non accetta la posizione assunta dal sindacato a livello nazionale, venuta apposta per esprimere la propria solidarietà ai lavoratori CNH che alla spicciolata, tra un turno e l'altro, o principalmente nella pausa pranzo, si ritrovano, perché esclusi dalla mensa, nella parte esterna dello stabilimento. Ce ne sono ovunque, sulle aiuole, sulle scalinate di sicurezza del cinema Victoria, nei parcheggi. Tutti obbligati, da settimane, a consumare il proprio pranzo fuori, perché senza Green Pass.

E non mancano coloro che pur avendolo e potendo entrare in mensa, escono lo stesso, per rimanere vicino e solidali ai colleghi che - dicono - 'hanno avuto di fianco nelle 4 ore precedenti in catena di montaggio ma che non possono avere seduti di fianco in mensa'. C'è chi ha panino e coca cola, c'è chi si è organizzato con il contenitore termico con la pasta e la borsa frigo, da casa. Rifiutati da una mensa garantita da anni e che dovrebbe essere garantita, da contratto. Un contratto pieno di diritti che sembrano diventati carta straccia se non piegati alla 'legge', del Green Pass, o meglio di un decreto legge che senza passare dal parlamento ha la forza di spazzare via, con l'appoggio del sindacato, anni di conquiste frutto di contrattazioni. Anche su cose basilari, non solo come il diritto alla mensa, ma il diritto stesso al lavoro.

Vincolato al possesso di un certificato diventato obbligatorio anche se basato su un presupposto che non è obbligatorio, quello del vaccino.

'Questo è un punto che deve unire tutti, vaccinati e non vaccinati, perché il Green Pass mette in gioco diritti che vanno ben oltre, e c'entrano poco o nulla con la questione sanitaria' - afferma Lia, operatrice di una cooperativa che si è dimessa non di fronte alla prospettiva del vaccino, ma al 'ricatto del Green Pass' che le è stato imposto. 'L'alternativa data dal tampone a pagamento, non è una alternativa per un lavoratore come vogliono fare credere. Il problema non è il vaccino, ma il ricatto del 'vaccinati' firmando un consenso informato che non ci garantisce né copertura né effetti anche a lungo termine, e che scarica sui cittadini la responsabilità che lo Stato non si assume: un ricatto che ti dice o così o muori di fame perché ti togliamo il lavoro o perché devi spendere uno stipendio in tamponi. Ci sentiamo traditi dallo Stato, dal sindacato e dalla sinistra che si è sganciata dalle piazze e dal cuore dei lavoratori'

Il tentativo di chi non ci stà è quello di strutturare questa protesta civile e pacifica ma soprattutto di allargarla in vista del 15 di ottobre.

Gi.Ga.




Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Pressa Tube - Articoli Recenti
Volley: Valsa group travolta a ..
Partita senza storia al Pala Barton: la Sir Safety capolista domina dall’inizio alla fine ..
25 Novembre 2022 - 02:17
Consulenti del lavoro in campo: ..
Il Consiglio Provinciale di Modena dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro chiede maggiore ..
25 Novembre 2022 - 01:55
'Punto nascita Mirandola, Ausl e PD ..
Il Consigliere comunale Lega Mirandola Guglielmo Golinelli: 'Le carte dei tecnici Ausl e ..
24 Novembre 2022 - 14:09
Quando educare faceva rima con ..
Gli educatori del collettivo che 40 anni fa diedero anima alla struttura di via Teglio ..
22 Novembre 2022 - 19:01
Pressa Tube - Articoli più letti
Esplodono i contagi: è il fallimento..
Si continua viceversa la caccia al no-vax (il quale per ora continua a non infrangere alcuna..
29 Dicembre 2021 - 12:03
No al green pass, lavoratori uniti: ..
'L'articolo 1 della Costituzione oggi viene superato da un decreto che subordina il diritto ..
01 Ottobre 2021 - 21:13
'Non tornerò al lavoro finchè sarà..
La testimonianza di Maria Sole Lanè, referente del gruppo 'La gente come noi' Emilia ..
24 Marzo 2022 - 12:08