La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
notiziarioLa Nera

Dia: 'Mafie integrate in Emilia'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Cutresi «perfettamente integrati» E la Camorra ora «è più presente»


Dia: 'Mafie integrate in Emilia'

E’ dell'estate 2016 la relazione del Ministro dell’Interno dell’attività svolta dalla Direzione investigativa antimafia nel secondo semestre 2015. Tanti gli elementi che interessano anche il nostro territorio. Ricordiamo tra l’altro che l’ultimo rapporto della Direzione nazionale antimafia, nel quale si faceva riferimento a una società emiliano- romagnola «omertosa», era stato criticato dalla giunta guidata da Stefano Bonaccini, in particolare dall’assessore regionale alla legalità Massimo Mezzetti , che aveva parlato «generalizzazione ingenerosa » . Ma ecco, stando all’ultima relazione della Dia, come le varie mafie sono diramate a Modena e in regione.

La mafia siciliana in Emilia

La fotografia della mafia siciliana in Emilia viene scattata dalla Dia in questi termini: «In provincia di Bologna si segnalano presenze di esponenti delle famiglie dei Corleonesi, dei Portanuova di Villabate, nonchè di soggetti contigui alle famiglie mafiose del capoluogo etneo. La provincia di Modena registra la presenza di soggetti legati ai clan gelesi, quella di Parma vede presenti elementi delle cosche Emanuello-Rinzivillo di Gela, oltre ad appartenenti alle famiglie originarie della zona di Barcellona Pozzo di Gotto. Nella provincia di Reggio Emilia si segnalano esponenti della famiglia Provenzano di Palermo, mentre a Ferrara è stata rilevata in passato la presenza della famiglia siciliana Villabate. Infine a Forlì Cesena risultano presenti personaggi vicini ai Corleonesi e ai clan del quartiere palermitano di Brancaccio, mentre in provincia di Ravenna si registra la presenza di appartenenti al clan Nicotra di Misterbianco. A fattor comune il traffico di stupefacenti rappresenta il principale ambito criminale per i clan operativi sul territorio emiliano. Il settore peraltro richiama l’interesse di formazioni criminali di diversa estrazione e nazionalità che concorrono anche in questa regione a creare un sottobosco malavitoso attivo nel rifornire di stupefacenti tanto l’Emilia Romagna quanto la Sicilia».

La ‘ndrangheta calabrese in Emilia

«Le proiezione ‘ndranghetiste in Emilia Romagna sono espressione soprattutto della cosca Grande Aracri di Cutro che negli anni risulta essersi perfettamente integrata nel tessuto socio-economico del territorio intessendo relazioni con gli apparati politici ed imprenditoriali locali - si legge nella relazioni -. Oltre che nel capoluogo di Regione dove nel tempo sono state registrate anche presenze di cosche reggine la famiglia crotonese risulta stabilmente insediata nelle province di Reggio Emilia Parma e Piacenza come peraltro confermato dalle investigazioni dell’inda gine Aemilia. Un’organizzazione molto attiva anche nel post sisma 2012. Un ulteriore sviluppo dell’indagine Aemilia ha portato a luglio al sequestro di una società di costruzioni di San Felice del valore di circa 20 milioni di euro intestata a una donna indagata per concorso esterno in associazione mafiosa con l’aggravante di aver favorito le attività della cosca Grande Aracri». «In provincia di Modena emergono anche soggetti legati alla cosca calabrese Arena di Isola Capo Rizzuto, famiglia presente anche nel par mense».

La camorra campana in Emilia

Sulle organizzazione camorristiche operanti nella nostra Regione la Dia afferma: «vi è stato un cambio di strategia dei sodalizi criminali che sembrano prediligere un approccio non più ancorato al predominio militare del territorio, ma volto alla corruttela e alla ricerca di connivenze. Una condivisione degli interessi, specie quelli legati alla ricostruzione post sisma a Bologna, Ferrara, Modena e Reggio». «Il sodalizio casertano per mascherare il legame con alcune ditte e superare così i vincoli imposti dalla normativa antimafia aveva indotto queste stesse imprese a simulare di avere subito intimidazioni ed estorsioni da parte dei Casalesi ed a costruire un’associazione antiracket per accreditarsi di fronte all’opinione pubblica e alle istituzioni». E ancora: «Le investigazioni condotte negli ultimi anni sulla Regione testimoniano una presenza maggiore della camorra, in particolare di soggetti legati al clan dei Casalesi, con riferimento alle province di Ferrara, Modena, Ravenna, Reggio, Rimini e Parma».

La criminalità pugliese e lucana in Emilia

«La particolare propensione a commettere furti e rapine manifestata dai gruppi foggiani è stata al centro di indagini che hanno riguardato anche la procura di Modena e Parma con una importante operazione di polizia conclusa a settembre - aggiunge la relazione della Dia -. Un’associazione composta per lo più da foggiani aveva messo a segno una serie di furti di consistenti quantità di generi alimentari da destinare al mercato clandestino tra le province di Modena, Mantova, Reggio, Alessandria e L’Aquila . Lo stesso dinamismo si coglie nel traffico di sostanze stupefacenti dove prosegue l’interazione con i sodalizi albanesi».



Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:133925
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:98641
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:48406
Coronavirus, scuole tutte chiuse in Emilia Romagna per altri 8 giorni
Societa'
29 Febbraio 2020 - 08:00- Visite:44604
'Lo Ius Soli sarà per noi il primo punto nella nuova legislatura'
Pressa Tube
01 Febbraio 2018 - 01:00- Visite:42111
'Festa Unità: è il vuoto totale, a Modena non esiste centrosinistra'
Parola d'Autore
31 Agosto 2018 - 11:38- Visite:41924
La Nera - Articoli Recenti
Effetti da quarantena: più chiamate ..
Si moltiplicanoi casi. Il più estremo di insofferenza, ieri sera a Modena. Un uomo ha ..
19 Marzo 2020 - 16:15- Visite:290
Stazione di Modena, polizia recupera ..
Sono in corso le indagini per risalire all’identità dell’uomo, anche attraverso la ..
18 Marzo 2020 - 13:37- Visite:350
Incendio in via Respighi: persone ..
Il rogo, pare per cause accidentali, alle 6,40 di questa mattina al terzo piano di una ..
17 Marzo 2020 - 12:18- Visite:281
Controlli Decreto Covid, ad oggi 129 ..
I dati della prefettura. Complessivamente sono stati effettuati 2022 controlli da parte ..
16 Marzo 2020 - 17:40- Visite:713


La Nera - Articoli più letti


L'orrore di Reggio: bambini affidati ..
Dall'inchiesta condotta dai Carabinieri emerge una realtà inquietante, da film horror. Due ..
28 Giugno 2019 - 09:33- Visite:159675
Orrore Bibbiano, la Bolognini e gli ..
Ed ecco il video integrale del convegno, patrocinato dalla Regione, 'Quando la notte abita ..
29 Luglio 2019 - 07:00- Visite:58317
Bibbiano, minore usata come 'cavia' ..
La lettura della ordinanza del Gip. Il caso della ragazza che mai risulta essere stata ..
04 Agosto 2019 - 15:14- Visite:45154
Camionista non in regola con Adr: 30 ..
Al camionista è stata anche ritirata immediatamente la patente e ulteriore decurtazione di ..
22 Marzo 2018 - 14:56- Visite:38681