Atuss, nuovi finanziamenti ma a Modena solo per vecchi progetti
MIRANDOLA CARLO BASSOLI SINDACO
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
MIRANDOLA CARLO BASSOLI SINDACO
articoliSocieta'

Atuss, nuovi finanziamenti ma a Modena solo per vecchi progetti

La Pressa
Logo LaPressa.it

In pompa magna, il sindaco Muzzarelli illustra i sei progetti scelti per essere finanziati dalla Regione con 19 milioni da fondi europei. Ma dall'elenco che doveva contenere interventi strategici e per lo sviluppo sostenibile spiccano solo progetti del passato e abbandonati, compreso il ponte dell'Uccellino


  • Atuss, nuovi finanziamenti ma a Modena solo per vecchi progetti
  • Atuss, nuovi finanziamenti ma a Modena solo per vecchi progetti
  • Atuss, nuovi finanziamenti ma a Modena solo per vecchi progetti
  • Atuss, nuovi finanziamenti ma a Modena solo per vecchi progetti
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Più che 'Modena, il futuro è adesso', lo slogan più vicino alla realtà avrebbe dovuto essere 'Modena, il passato è ancora presente'.
Siamo all'interno dell'ex ospedale Estense, dove il primo stralcio dei lavori di ristrutturazione, in ritardo di un anno sulla tabella di marcia, sta per essere completato. Doveva esserlo nel 2022, e nonostante tre perizie suplettive che hanno portato anche ad un aumento nei costi per centinaia di migliaia di euro oltre a ritardi che ne avevano rinviato nuovamente la fine al 27 marzo 2023, è ancora un cantiere chiuso. 'Sarà aperto per il festival Filosofia'- ci risponde il sindaco interpellato sui tempi e sul fatto che circa un anno fa aveva annunciato che lo scorso dicembre avremmo potuto vedere le prime mostre. 'Ma c'è stato il covid, la guerra.....'. - afferma. Ma il punto oggi non è questo.
Oggi il punto è la presentazione dei sei progetti, di cui anche l'ex ospedale Estense fa parte, e che il Comune di Modena ha deciso di finanziare con i 19 milioni di euro da fondi europei e veicolati sul territorio attraverso la Regione. Risorse unite in un piano di finanziamento chiamato Stuss e calato sulla realtà modenese in un accordo di programma tra Comune e Regione sul quale Bonaccini e Muzzarelli hanno messo questa mattina la loro firma. In una presentazione che era liquidabile in una nota stampa ma che invece il comune ha scelto di organizzare in pompa magna per far parlare al popolo direttamente Bonacini e Muzzarelli, affittando anche un impianto audio per 1500 euro  (per questo è stato istruita apposita determina) per farli sentire bene, anche da lontano. Del resto gli invitati fatti sedere sotto il corridoio in un cortile interno dell'ex ospedale sono tanti. 

I progetti finanziati dovrebbero essere funzionali allo sviluppo sostenibile. Dovrebbero. Perché in realtà i sei i sei in elenco non vanno oltre ad interventi noti e di vecchia data, su strutture abbandonate per decenni dallo stesso Comune e sulle quali oggi la città sconta enormi ritardi. Dalla stazione delle ferrovie provinciali (piccola), alle nuove funzionalità del centro stranieri, dal ponte dell'uccellino, residuo di costruzione post bellica che da trenta anni attende di essere sostituito, all'ex ospedale Estense sul quale non a caso il presidente Bonaccini ha affermato. 'Si parlava già di riqualificazione quando ero assessore comunale'. Frase che conferma quanto l'immobilismo degli ultimi decenni pesi ancora oggi come un macigno, sul presente e soprattutto sul futuro. Bonaccini ci riporta con il suo riferimento a cavallo tra il 1999 e il 2000. Seguirono decenni di nulla, di contenitori vuoti e abbandonati, anche per quello che doveva diventare, con la riqualificazione del S.Agostino, il nuovo grande polo culturale. Ancora presente solo nei rendering. 

Eppure oggi il futuro deve essere celebrato, almeno politicamente, (chissà quanti momenti come questi vedremo da qui alle elezioni), con tanto di slogan annunciati in ambienti ed in edifici ancora cantieri aperti o desolatamente vuoti. Dove viene proposto, al termine della presentazione, un breve passaggio agli ospiti. Tra questi funzionari e dirigenti della Regione, il Rettore dell'Università. Tutti chiamati ad ascoltare le parole di Bonaccini e Muzzarelli e ad assistere alla solenne firma del patto di programma. Anticipato dalla proiezione un video in cui splende la Modena migliore creata ovviamente dall'Amministrazione e da quei progetti che con i finanziamenti Atuss sarà possibile sostenere. 

'La strategia elaborata - afferma Stefano Bonaccini - è coerente con il programma Next Generation Modena e con gli interventi che hanno ottenuto risorse del Pnrr, il Piano nazionale di ripresa e resilienza'

Ma eccoli i 6 progetti 'strategici' in ottica di sviluppo sostenibile che il Comune ha scelto di finanziare con i 19 milioni di euro stanziati

Il completamento della riqualificazione dell’ex Ospedale Estense. L’investimento riguarda i piani superiori, consiste nel completamento del recupero finalizzato all’ampliamento e alla razionalizzazione degli ambienti del Museo civico e della Biblioteca Poletti con nuovi percorsi espositivi e sale per la lettura e la didattica. 

La rigenerazione dell’ex Stazione Piccola di Modena, che sarà di fatto ceduta ad aziende private, in particolare quelle coinvolte nelle Fondazione Its Maker. I lavori per quasi 5 milioni 600 mila euro completamente finanziati attraverso contributi del Por-Fesr 2021-2027, prevedono il restauro e la rifunzionalizzazione dell’ex Fabbricato Viaggiatori per l’insediamento della sede istituzionale della fondazione e di aule e laboratori per l’attività dell’Istituto tecnico superiore di specializzazione post diploma. 

La prosecuzione della Diagonale verde tra il Polo Leonardo e le frazioni di Cognento e Cittanova, per un valore di oltre 4 milioni di euro, finanziata con fondi europei per 1 milione 350 mila euro, consiste nella realizzazione di un nuovo tratto del percorso ciclopedonale, della larghezza di 6 metri lineari per una lunghezza di 3,1 chilometri, e consentirà di creare un corridoio ecologico in grado di ricucire la città con la sua periferia lungo il percorso liberato dalla linea ferroviaria storica. 

La realizzazione del nuovo Ponte dell’Uccellino sul fiume Secchia, del valore di 6 milioni 950 mila euro finanziato per 5 milioni 150 mila euro dalla Regione Emilia-Romagna (con contributo dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile) e per la quota rimanente di 1 milione 800 mila euro da Comune di Modena, Provincia di Modena e Comune di Soliera. Il progetto prevede la realizzazione di una nuova infrastruttura a doppia corsia in sostituzione di quella attuale.

Il potenziamento delle attività del Laboratorio Aperto, per un valore di 437.500 euro di cui 350 mila coperti dai Fondi strutturali europei 2021-2027, ha l’obiettivo di rafforzare il suo ruolo di attrattore e facilitatore per la costruzione di comunità digitali e per la fruizione dei servizi di formazione sulla cittadinanza digitale, agendo in particolare sulla riduzione del divario di competenze digitali, sulla crescita della consapevolezza e delle abilità digitali e favorendo la generazione di idee di impresa nell’ambito del digitale, anche per la cultura.

Il rafforzamento dei servizi per l’inclusione sociale a Modena prevede la trasformazione del Centro stranieri in Centro servizi, attraverso un finanziamento di 875 mila euro di cui 700 mila di contributi europei. In particolare, è previsto il potenziamento dei servizi di accoglienza, la fornitura di beni materiali e l’accompagnamento socioeducativo per persone e nuclei familiari in condizioni di grave deprivazione materiale, privi di residenza e che hanno il loro centro di interesse nel territorio comunale di Modena, convogliandoli all'interno di un unico centro, che diverrà anche il punto di riferimento per la rete dell’associazionismo locale e degli stakeholder. L'intervento garantirà il cofinanziamento della gestione dei servizi del Centro, che sarà affidata in appalto a un soggetto del Terzo settore.

Gi.Ga.


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

CISL Emilia Centrale
Societa' - Articoli Recenti
Ancora problemi di salute per Fedez: salta la partecipazione in tv
Per problemi di salute il rapper non sarà questa sera alla trasmissione di Cattelan ‘Da ..
20 Maggio 2024 - 17:23
Vertenza Hera, la mobilitazione continua: il 24 giugno nuovo sciopero
Filctem Cgil – FP Cgil ribadiscono criticità irrisolte e non affrontati sul tema di ..
20 Maggio 2024 - 16:54
Temporali in Emilia Romagna, domani è allerta meteo
Temporali, anche di forte intensità, con possibili effetti e danni associati
20 Maggio 2024 - 13:50
Occhio alle truffe: appuntamento Consob e Codacons a Modena
Oggi alle 18 l'Auditorium Confcommercio di via Piave ospita l'evento 'Occhio alle truffe' ..
20 Maggio 2024 - 12:16
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24