Ausl Modena, continua l'emorragia di personale: oltre alle dimissioni incubo pensionamenti
App
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

Ausl Modena, continua l'emorragia di personale: oltre alle dimissioni incubo pensionamenti

La Pressa
Logo LaPressa.it

Ieri, mentre veniva presentato il progetto di infermiere di comunità, un'altra serie a doppia cifra di rapporti di lavoro venivano chiusi dall'Ausl


Ausl Modena, continua l'emorragia di personale: oltre alle dimissioni incubo pensionamenti
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Alla lunga e da mesi quotidiana serie di operatori sanitari (soprattutto medici ed infermieri) che si dimettono o che recedono volontariamente dal contratto, a pesare sulla tenuta del sistema sanitario pubblico modenese e regionale, è anche l'altrettanto lunga serie di pensionamenti. In molti casi professionisti di ogni categoria con contratto a tempo indeterminato, che appena raggiunte le condizioni contributive minime per farlo, decidono di fermarsi, anche anticipatamente. La giornata di ieri ne è la conferma. Sugli undici contratti risolti definitivamente, nei settori più diversi della sanità pubblica, nove hanno riguardato pensionamenti. Dagli infermieri ai medici, dai tecnici di laboratorio agli assistenti amministrativi, agli autisti. Personale specializzato e di lunga esperienza che si aggiunge a quella grande quantità di professionisti dimissionari e che nei prossimi mesi, e soprattutto dal 1 gennaio 2024, usciranno dal sistema.

Diverse decine in un solo mese, con picchi come quello del 4 settembre dove furono una decina le dimissioni volontarie. Nove invece i contratti risolti solo ieri in applicazione della legge 112/2008, che sancisce che nel caso di compimento dell'anzianità massima contributiva di 40 anni del personale dipendente, le pubbliche amministrazioni hanno la facoltà di risolvere unilateralmente il rapporto di lavoro con un preavviso di sei mesi.

Nella sola giornata di ieri, una possibilità di cui l'Ausl si è avvalsa, appunto, nove volte, per nove rispettivi contratti. A questi, sempre ieri, si aggiungono due dimissioni volontarie. Una riguardante una figura amministrativa, figure queste ultime che solitamente non rientrano in quella categoria del personale sanitario a contatto diretto con i pazienti che, come spiegato dall'Assessore regionale Donini e dal Direttore Generale del Policlinico di Modena Vagnini, sono spinti a lasciare il servizio pubblico per remunarazione bassa, e per turni di lavoro rimasti pesanti anche nel post emergenza covid, spesso incompatibili con il proprio contesto famigliare. 

Fatto sta che al di la delle motivazioni personali, specifiche, o generali, legate ad una pregressa mancata programmazione politica e amministrativa capace di fare fronte alla seppur prevedibile raffica di pensionamenti e prepensionamenti che avrebbe investito, come nelle forse di polizia, anche la sanità pubblica, quest'ultima si trova in una condizione davvero difficile per non dire emergenziale. Non a caso è stata la grave ed endemica carenza di personale che investe soprattutto i pronto soccorso a fare correre ai ripari la Regione attraverso il varo della riforma dell'Emergenza-Urgenza nel tentativo di coprire, anche attraverso tagli come nei confronti della auto infermieristiche, gli stessi servizi con una coperta sempre più corta di personale. Una riforma di cui è difficile prevedere effetti ed esito, considerando che per dichiarazione dello stesso assessore regionale la carenza di personale peserà sempre più almeno nel breve e nel medio periodo di due, tre anni. Uno scenario preoccupante se si considera che la carenza di personale è stata ufficialmente posta alla base della decisione della Regione e dell'Ausl di Modena di chiudere anche il punto nascita di Mirandola dove con la fine dell'anno e i primi mesi del 2024, cesseranno anche gli incarichi esterni affidati a cooperative di medici i cui contratti, per dichiarazione dell'Assessore regionale alla sanità, non saranno più rinnovati.

Gianni Galeotti

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Al via gli esami di Terza Media anche nel modenese
Si comincia oggi con la prova di italiano. Tre le tipologie di tracce, precedentemente ..
10 Giugno 2024 - 08:38
Modena, gita in barca a vela per sei ragazzi guariti dal cancro al Policlinico
Nell’ambito del progetto di Sea Therapy è stato possibile far partecipare un gruppo di ex..
09 Giugno 2024 - 12:58
Modena, sindacato in lutto: è morto Adelmo Bastoni
Storico dirigente sindacale, 94 anni, originario di Castelfranco Emilia, dove ha continuato ..
09 Giugno 2024 - 12:46
Tanta acqua e ancora tanta neve: risorsa idrica garantita in tutto il bacino del Po
Grandi Laghi e corsi d'acqua sopra il 100% di disponibilità: Il Po ha registrato a marzo la..
09 Giugno 2024 - 00:28
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24