Boom di spesa pubblica per medici a gettone: il no dei medici di Roma scuote Modena
Udicon
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

Boom di spesa pubblica per medici a gettone: il no dei medici di Roma scuote Modena

La Pressa
Logo LaPressa.it

L'Ausl provinciale conferma per il 2023 gli appalti milionari, per affidare a cooperative esterne di medici turni da 1400 euro in Pronto Soccorso e reparti di ostetricia. Cinque volte tanto rispetto ai colleghi interni all'Ausl. Per il Presidente dell'Ordine dei medici Magi è una aberrazione: 'Il ministro risolverà la problematica'


Boom di spesa pubblica per medici a gettone: il no dei medici di Roma scuote Modena
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Sono pienamente d'accordo con il procuratore regionale del Lazio, Pio Silvestri, perchè ha centrato i punti fondamentali della problematica legata al fenomeno dei medici a gettone. La prima problematica è di stretta competenza della Corte dei Conti, perche legata ai costi di questo tipo di attività: faccio notare che i costi dei gettonisti variano dai 150 ai 250 euro/ora, contro i 45 euro/ora di uno strutturato. Il problema è che si tratta di soldi pubblici, poichè a pagare è la regione, è il governo'.

A parlare oggi all'agenzia Dire il presidente dell'Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi. Ora nella capitale la problematica legata al ricorso a medici esterni a gettone per la gestione dei reparti ospedaleri anche e soprattutto di emergenza urgenza ha trovato un fronte del no.

La distorsione del sistema di cui ha parlato nei giorni scorsi anche l'Assessore regionale alla sanità Donini sta raggiungendo effetti insostenibili e inaccettabili, anche in linea di principio. Compreso quella della fuga di professionisti dalle strutture pubbliche che si dimettono per poi rientrare nello stesso ambiente pagati 4-5 volte tanto, contrattualizzati non più dal pubblico ma soggetti privati, nella forma di cooperative, come nel caso della provincia di Modena. Qui l'Ausl dopo il ricorso massiccio ai turni da 1400-1500 euro per la seconda parte del 2022, per gli ospedali della provincia, ha confermato le gare e gli incarichi a cooperative esterne anche per il 2023. Per l'emergenza urgenza della rete ospedaliera provinciale e per i reparti di ostetricia di Mirandola e Carpi. Nonostante l'invito, o meglio il monito, lanciato dall'Assessore Donini a limitarne l'uso fino a recidere completamente la pratica.

Il ricorso ai gettonisti comporterebbe non solo un impatto negativo sui bilanci e della spesa pubblica ma anche prestazioni non garantite sotto il profilo della qualità

'Ove si è compreso che l'attività di pronto soccorso è ad alto rischio e va necessariamente remunerata più di quanto venga pagata in questo momento- prosegue il presidente dell'Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi - questi soldi potrebbero magari essere allocati in ambito strutturale piuttosto che nella voce 'beni e servizi', dove troviamo la seconda problematica, quella legata alla qualità della prestazione, problematica che lo stesso procuratore Silvestri ha messo in evidenza, ovvero che i gettonisti non sono persone selezionate per la loro capacità professionale, perchè oggi per lavorare nel Servizio sanitario nazionale bisogna, per legge, essere specialisti'.

'È invece chiaro- precisa il presidente dell'Omceo di Roma- che i gettonisti possono essere non specialisti, avere qualsiasi età e non è detto che siano competenti in una determinata materia. Sono certamente medici, su questo non ci piove, ma non hanno una specializzazione in materia'.

'Tra le altre cose- tiene a sottolineare Antonio Magi- viaggiano da un pronto soccorso a un altro e non hanno la contezza dell'organizzazione, la conoscenza dei reparti del pronto soccorso di quel determinato ospedale, compresi i percorsi per poter ricoverare i pazienti, magari agevolando e accelerando le attività. Chiaramente possono creare problematiche di tipo qualitativo e noi sappiamo bene che sul pronto soccorso la qualità, a volte, significa salvare la vita delle persone'.

'Il ministro della Salute, Orazio Schillaci, ha già messo in conto questa tematica, l'ha messa sotto osservazione- conclude- e vuole risolvere il prima possibile questa aberrazione'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Siulp: 'Aggressioni e violenze alle Forze dell'Ordine, cresce il disagio'
L'intervento del Segretario provinciale Siulp Roberto Butelli. Dal caso di Ascoli Piceno una..
12 Giugno 2024 - 18:28
Modena, lutto nella sanità per la morte di Anna Sviridenko: 'Solare e preparata'
'Al di là del suo sorriso e della sua umanità, la ricordiamo per la sua competenza e ..
12 Giugno 2024 - 12:46
Omicidio Modena, il cordoglio dell'Azienda Ospedaliera e Unimore
Anna, la 40enne uccisa dal marito e padre dei suoi due figli, lavorava presso l'azienda ..
11 Giugno 2024 - 19:08
Al via gli esami di Terza Media anche nel modenese
Si comincia oggi con la prova di italiano. Tre le tipologie di tracce, precedentemente ..
10 Giugno 2024 - 08:38
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24