Bronchioliti e influenza: boom di bimbi al Pronto soccorso di Bologna
Riccardo Zaccarelli Azione Mirandola
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Riccardo Zaccarelli Azione Mirandola
articoliSocieta'

Bronchioliti e influenza: boom di bimbi al Pronto soccorso di Bologna

La Pressa
Logo LaPressa.it

La direttrice del Pronto soccorso dell'ospedale Maggiore di Bologna spiega quali sono i segnali di allarme


Bronchioliti e influenza: boom di bimbi al Pronto soccorso di Bologna
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Il periodo a cavallo tra vecchio e nuovo anno, a Bologna, è stato “abbastanza intenso per il nostro Pronto soccorso e per il nostro reparto di Pediatria. L’affluenza è stata importante, viaggiamo su oltre 60 bimbi nelle 24 ore di cui una parte meritevole di ricovero. Ancora dobbiamo parlare delle bronchioliti, delle insufficienze respiratorie e dell’influenza, che purtroppo in questo periodo chiedono il conto e ad oggi costituiscono la maggior parte dei ricoveri”. A fare il punto è Chiara Ghizzi, direttrice della Pediatria dell’ospedale Maggiore e da ieri anche a capo del Dipartimento materno infantile dell’Ausl.

Di conseguenza, l’Ausl ricorda alle famiglie di rivolgersi al pediatra, prima che al Pronto soccorso, in caso di sintomi lievi. “È chiaro che un genitore quando un bimbo inizia a respirare male, a tossire o ad avere un po’ di febbre si preoccupa ed è assolutamente comprensibile.

Questo è tanto più vero quanto più è piccolo il bimbo. Tuttavia - afferma Ghizzi - ci sono dei segnali di allarme che rappresentano dei motivi veri e validi per venire in Pronto soccorso: l’età del bimbo appunto, la respirazione molto affaticata e molto veloce, il rifiuto o la diminuzione della capacità di alimentarsi”.

Tutti questi “sono segnali d’allarme, per tutti gli altri sintomi - continua la direttrice - è chiaro che noi prestiamo il nostro contributo ma suggeriamo ai genitori di rivolgersi in prima battuta ai pediatri di libera scelta, anche per non dover aspettare magari a lungo in Pronto soccorso, perchè quando abbiamo un codice arancione o rosso i tempi di stabilizzazione dei bambini critici possono essere anche molto lunghi e le persone che stanno aspettando non hanno effettivamente la piena consapevolezza dell’attesa ed è faticoso aspettare“.

Quindi, ribadisce Ghizzi, “consigliamo di certo una chiamata al pediatra di libera scelta se i sintomi sono di bassa intensità, un po’ di raffreddore o un po’ di tosse e se il bimbo appare vivace e reattivo e si alimenta volentieri come al solito”. Altrimenti, “se ci sono forti motivi di preoccupazione- conclude Ghizzi- è chiaro che noi siamo assolutamente disponibili per valutare i bambini e a trattenerli in caso di bisogno. Intanto per i ricoveri siamo tornati ad utilizzare dei posti letto inconsueti, cioè fuori dalle abituali stanze di degenza, sempre però lavorando in sicurezza quindi con il corretto monitoraggio e il corretto supporto respiratorio per i bambini che accogliamo in locali che di solito ospitano altre attività”.

“Tra ricoverati in regime istituzionale, osservazione breve e intensiva viaggiamo su una media di una quindicina di ricoveri nelle 24 ore. Poi qualche bimbo di questi, purtroppo - riferisce Ghizzi - abbiamo dovuto anche trasferirlo in un ambiente un po’ più intensivo per il peggioramento delle condizioni cliniche che le patologie respiratorie qualche volta dimostrano”. Perché proprio bronchioliti, insufficienze respiratorie e influenza sono le cause della maggior parte dei ricoveri registrati in questo periodo. “La media dell’età dei bambini ricoverati è di pochi mesi di vita, quindi sono tutti bambini molto piccoli che di base non si ammalerebbero. Quindi ancora una volta, purtroppo, siamo noi adulti la fonte di contagio – spiega la direttrice - o i fratellini che frequentano o hanno frequentato fino a pochi giorni fa le diverse istituzioni scolastiche”. 

Foto Dire

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

Giacobazzi
Societa' - Articoli Recenti
Riviera romagnola, Arpae impone il divieto di balneazione in 4 punti
Anche a Cesenatico e in un tratto a Cervia-Milano Marittima
28 Maggio 2024 - 17:17
A 12 anni dal sisma, dopo gli edifici privati, arranca la ricostruzione pubblica
Il punto della Regione in occasione del 29 maggio, il giorno della seconda scossa che ..
28 Maggio 2024 - 16:30
Amianto in cantiere Ex Civ&Civ: diffida al sindaco
Il Comitato Villaggio Europa denuncia il silenzio e il riserbo posto sulle informazioni ..
28 Maggio 2024 - 15:56
'Abbattimento liste di attesa: paradossale spostare servizi in farmacia'
La preoccupazione espressa dall'Associazione Imprese Sanitarie Indipendenti: 'Sbagliato ..
28 Maggio 2024 - 15:55
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24