Udicon
Italpizza
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

Caos rifiuti: multa da 110 euro per cartone con il nome della ditta fuori dal cassonetto

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il caso di Alessio, imprenditore modenese: 'Mi hanno attribuito la responsabilità di un fatto senza alcuna prova. Farò ricorso perché un caso del genere non capiti a nessuno'


Caos rifiuti: multa da 110 euro per cartone con il nome della ditta fuori dal cassonetto
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Una sanzione inaccettabile nel merito e nel metodo alla quale mi opporrò fermamente, a costo di andare al TAR. Non si può non contestare un atto del genere. Farlo passare significherebbe creare un precedente inaccettabile. Essere chiamato a rispondere in solido di una responsabilità che non ho e che chi me l'ha contestata non dimostra, è assurdo. Non possiamo consentire una licenza di multare chiunque solo perché in un sacchetto in una montagna di sacchi di rifiuti presenti fuori da un cassonetto, c'è un riferimento al proprio nome o alle propria attività. Ciò che è capitato a me non può e non deve capitare a nessuno'.

Alessio, imprenditore modenese, è stupito e arrabbiato. Nei giorni scorsi, tramite PEC, ha ricevuto un verbale del Comune e della Polizia Locale con il quale gli si contesta la violazione dell'ART. 20 C.

5 del regolamento Atersir relativo al conferimento dei rifiuti all'esterno dei contenitori. Un verbale redatto d’ufficio dal Comando di Polizia Locale di Modena. I fatti contestati risalgono al maggio scorso. Gli agenti accertatori della regolarità nel conferimento dei rifiuti, oggi moltiplicati dopo l'introduzione del porta a porta, (e visti sempre più di frequente nelle aree di conferimento rifiuti), intervengono per la presenza di numerosi sacchi e altri rifiuti domestici sfusi nei pressi della batteria di cassonetti di via Fregni, a Modena. Fanno foto e frugano tra i rifiuti deposti al di fuori del cassinetto, ispezionando sacchi e materiali alla ricerca di una traccia per risalire ad un eventuale responsabile. Ne trovano una con il nome di una attività: un negozio di oggetti d'arte con sede nella stessa via. Il nome è stampato su una piccola scatola di cartone trovata tra la montagna di rifiuti, in sacchi e non, fuori dal cassonetto.

Nome dell'attività che gli agenti accertatori inviano agli organi competenti per l'avvio delle procedure sanzionatorie.

Procedure avviate, come specificato, d'ufficio, senza nemmeno contattare, in via preliminare, secondo quanto dichiarato da Alessio, il diretto interessato. Lui. Il suo nome non c'è su quella scatola, ma a lui il Comune risale in quanto titolare dell'attività, che ha sede, appunto, a pochi metri dalla batteria di cassonetti. Da maggio e fino ai giorni scorsi Alessio non riceve nulla. Il 3 luglio apre la PEC e legge il verbale di contestazione nel quale viene ritenuto responsabile e chiamato a rispondere in solido dell'abbandono dei rifiuti, di tutti i rifiuti, fuori dal cassonetto. 'Cosa assurda. Sono ritenuto responsabile dell'abbandono dei rifiuti solo perché tra quelli è stato trovata una scatola con il nome della mia attività. Quella scatola la potrebbe avere messa chiunque, anche un mio cliente. Qui vicino, sulla via, ci sono tanti negozi. Basta trovare uno scontrino di una persona che lo getta per multare l'attività? Siamo davvero all'assurdo. Farò ricorso e contesterò la sanzione perché ingiusta e perché non voglio  che fatti del genere accadano ad altri. In sostanza questo non può essere un precedente'. 

Ma la storia raccontata da Alessio, che ha la sua bottega d'arte in un piccolo negozio di via Fregni, ma abita alla periferia di Modena, sembra unire al danno la beffa. Quando racconta delle richieste da lui avanzate e che sarebbero inevase da Hera per la raccolta di sfalci e potature nella sua abitazione. 'Non esistendoci più il cassonetto per la raccolta, avevo chiesto ad Hera un intervento per rimuovere la grande quantità di sfalci e potature del giardino. Mi era stato ripetutamente promesso un intervento che non è mai arrivato, nonostante i numerosi solleciti. Dopo tre mesi di attesa mi sono dovuto rivolgere ad una ditta privata perché i cumuli di sfalci avevano attirato oltre le zanzare anche i topi e la situazione non era più sostenibile. Non è giusto. Hera e Comune possono accusare e sanzionare chiunque, come nel mio caso, senza prove mentre loro non hanno responsabilità nel momento in cui non ottemperano ai loro compiti?'

Gianni Galeotti

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Italpizza

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Vincenzo Paldino, nuovo segretario ..
La confederazione sindacale autonoma conta in provincia 10.000 lavoratori iscritti nel ..
14 Febbraio 2024 - 18:55
Ok a rinvio di 6 mesi per il ..
Burioni: 'L'ennesima strizzata d'occhio nei confronti di chi non rispetta le leggi'
14 Febbraio 2024 - 15:14
Addio Andrea Giacobazzi, ispirò ..
‘E’ sempre stato dalla mia parte anche quando molti mi voltavano le spalle. Facevano ..
14 Febbraio 2024 - 11:15
Vent'anni senza Marco Pantani: ..
Rialzarsi un giorno alla volta, nonostante le Madonne di Campiglio che ogni uomo è ..
14 Febbraio 2024 - 00:01
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green ..
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda ..
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24