Udicon
Italpizza
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

Cervello: 1.300 ricoveri annui a Baggiovara, il 60% per ictus

La Pressa
Logo LaPressa.it

Le patologie acute e croniche del cervello rappresentano la prima causa di disabilità nella popolazione adulta


Cervello: 1.300 ricoveri annui a Baggiovara, il 60% per ictus
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Si aggirano intorno alle 1.300 unità i pazienti che necessitano di un ricovero nel reparto di Neurologia dell’Ospedale Civile di Baggiovara, nell’ambito dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena. Domani, sabato 22 luglio, ricorre la Giornata Mondiale del Cervello promossa dalla World Federation of Neurology e l’occasione rappresenta un momento utile per fare il punto sull’attività della Struttura Complessa diretta dal Professor Stefano Meletti. Circa il 60% di questi accessi ospedalieri è relativo a pazienti con patologia acuta cerebrovascolare, per esempio ictus o emorragia cerebrale. Le prestazioni ambulatoriali per esterni, nel contesto dei diversi PDTA, ammontano a circa 30mila visite o esami eseguiti ogni anno per le diverse patologie neurologiche: demenza, malattia di Parkinson, epilessia, sclerosi multipla, malattie neuromuscolari, la SLA.

«Le patologie acute e croniche del cervello rappresentano la prima causa di disabilità nella popolazione adulta - spiega il professor Stefano Meletti - molte di queste patologie causano una disabilità cronica (ad esempio gli esiti di uno stroke) e in alcuni casi progressiva (un tumore cerebrale, o una malattia neurodegenerativa).

La complessità e la specializzazione richiesta per cercare di curare nel modo migliore possibile le diverse malattie cerebrali ha visto la nascita negli ultimi cinque anni di diversi percorsi di diagnosi, terapia e riabilitazione presso il dipartimento di Neuroscienze. Si tratta di percorsi complessi e trasversali a diverse specialità come la neurologia, la neurochirurgia, la neuroradiologia, in cui è fondamentale il coinvolgimento di professionalità diverse».

Il focus della Giornata Mondiale del Cervello del 2023 riguarda il mondo delle disabilità collegate a patologie neurologiche. «Una delle condizioni neurologiche causa di maggiori disabilità e che colpisce una proporzione significativa di popolazione è la demenza - sono le parole della Professoressa Giovanna Zamboni, neurologa dell’AOU di Modena e docente associata di Neurologia presso UNIMORE - ovvero ove è presente una compromissione delle funzioni cognitive quali la memoria, il linguaggio e la capacità di pianificazione, tali da compromettere il funzionamento nelle attività quotidiane dell’individuo.

La Giornata ci invita, come comunità, a non lasciare indietro le persone colpite da demenza, diventando capaci di accoglierle e includerle nella nostra società. La malattia di Alzheimer, per esempio, pur colpendo principalmente una popolazione anziana, interessa in alcuni casi anche le persone più giovani (nella provincia di Modena sono 258 i casi prevalenti). Ci possono essere delle abitudini quotidiani utili a prevenire declino cognitivo e demenza: fare attività fisica costante, moderata e anaerobica, assumere una dieta ricca di verdure e pesce come quella mediterranea, il controllo ottimale dei fattori di rischio vascolari, infine la stimolazione cognitiva ed inclusione sociale, su cui c’è molta ricerca in atto. Per stimolazione cognitiva possono valere anche al sudoku, le parole crociate oppure la lettura quotidiane del giornale. Per l’inclusione sociale si intende l’essere attivi in una comunità, vedendo persone, famigliari e amici: si è notato che anche questo può prevenire il decadimento cognitivo e la demenza».

«L’ictus è la patologia neurologica acuta con la più alta incidenza - approfondisce il Dottor Guido Bigliardi, responsabile della Struttura Semplice Stroke Unit della Clinica Neurologica dell’Ospedale Civile di Baggiovara - si calcola che nella sola provincia di Modena ce ne siano circa 1.200 all’anno. Si tratta della terza causa di morte e la prima di disabilità nel mondo occidentale, con un altissimo impatto sociale. Per prevenirlo è fondamentale controllare i fattori di rischio cerebrovascolari: l’ipertensione, il diabete, l’obesità, la sedentarietà, le cardiopatie, la fibrillazione atriale. Nell’ultimo decennio l’approccio alla fase acuta ha avuto una serie di cambiamenti, utilizzando le cosiddette terapie di riperfusione, che tentano di ottenere la riapertura dell’arteria chiusa, riportando sangue al cervello in modo da salvarne la maggior parte possibile. Per fare ciò bisogna fare presto, riconoscere i sintomi per fare in modo che il paziente sia inserito all’interno di un percorso virtuoso che potrà portarlo ai trattamenti di riperfusione. Ecco perché in caso di ictus la chiamata al 118 è fondamentale. Questa gestione della fase acuta può riportare, nel migliore dei casi, i pazienti alle precedenti autonomie, o comunque arrivare ad attivare un percorso riabilitativo, a seconda dei deficit e delle valutazione effettuate dai professionisti per l’inserimento in percorsi specifici».

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Italpizza

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Modena, al Novi Sad aperto il nuovo ..
Al servizio gratuito, gestito dalla cooperativa Aliante, si accede con il versamento di una ..
21 Febbraio 2024 - 19:31
Al Museo Enzo Ferrari in mostra i ..
La nuova mostra è stata aperta il 18 di febbraio, una data spartiacque nella storia ..
21 Febbraio 2024 - 18:38
Attività socio-sanitarie Ausl ..
Federica Rolli sarà direttore sociosanitario dell’Agenzia della Tutela della salute della..
21 Febbraio 2024 - 12:52
Guerra senza fine: Francesco ..
Toni Capuozzo e Francesco Borgonovo, si confrontano sul tema della guerra in un nuovo libro ..
21 Febbraio 2024 - 12:45
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green ..
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda ..
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24