Dall’Albania a Modena per curare forma rara di timoma: salvata
App
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

Dall’Albania a Modena per curare forma rara di timoma: salvata

La Pressa
Logo LaPressa.it

Lieto fine per un caso che ha riguardato una signora 54enne


Dall’Albania a Modena per curare forma rara di timoma: salvata
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Nel suo Paese non sarebbe riuscita a curare la propria malattia mentre in Italia, per la precisione a Modena, ha potuto ritrovare il sorriso e la speranza. È una bella storia quella che arriva dalla Struttura Complessa di Chirurgia Toracica dell’Ospedale Civile di Baggiovara, diretta dal Professor Pier Luigi Filosso, che in collaborazione con la Cardiochirurgia dell’Hesperia Hospital (Gruppo GHC) e in rete con altri professionisti dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena è riuscita a resecare un timoma invasivo del diametro di otto centimetri e mezzo con metastasi pleuriche su una paziente 54enne. La signora, N.C. le iniziali, che vive nelle vicinanze della città di Tirana, adesso sta bene e sta seguendo le terapie assegnatele dagli specialisti oncologi dell’AOU modenese.

N.C., che fino ai primi mesi di quest’anno aveva sempre goduto di un’ottima salute, aveva iniziato ad accusare tosse e dispnea anche in seguito a sforzi minimi, tanto da essere sottoposta ad accertamenti nel proprio Paese.

Le radiografie le avevano evidenziato una voluminosa massa del mediastino anteriore, maggiormente debordante a sinistra. A quel punto l’inizio di un incubo, dato che i medici curanti albanesi avevano suggerito alla donna di rivolgersi all’estero. Qui è entrata in gioco la figlia della paziente, residente nel modenese, la quale ha ospitato la madre da lei e ha preso contatti con la Chirurgia Toracica di Baggiovara. Il percorso ha inizialmente coinvolto la Pneumologia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena, diretta dal Professor Enrico Clini, proseguendo l’iter diagnostico sotto la supervisione della Dottoressa Emmanuela Meschari. Da qui si è arrivati alla definitiva diagnosi istologica di timoma B3, caratterizzato da un’elevata aggressività biologica, e di conseguenza all’affidamento della paziente al Punto Polmone dell’AOU dove è avvenuta una discussione multidisciplinare in un team composto da oncologo, neurologo, radiologo, radioterapista e chirurgo toracico. È in questo contesto che è stata data indicazione per procedere all’exeresi chirurgica della massa tumorale del mediastino.

«L’aggressività locale di questo timoma – evidenza il Professor Pier Luigi Filosso – si manifesta radiologicamente con la possibile infiltrazione del tronco dell’arteria polmonare sinistra per cui, nell’ottica di offrire un intervento radicale e per la maggiore sicurezza della paziente, ci siamo messi in contatto con la Cardiochirurgia dell’Hesperia Hospital di Modena, diretta dal Dottor Alberto Albertini, per organizzare un intervento complesso in combinata con i Chirurghi Toracici».

L’operazione chirurgica è stata eseguita lo scorso 26 luglio all’Hesperia Hospital, previo nulla osta da parte della Direzione Sanitaria dell’Ospedale di Baggiovara, da un team composto dai chirurghi toracici Professor Pier Luigi Filosso, Professor Alessandro Stefani, Dottor Christian Casali e Dottoressa Beatrice Manfredini, assieme al cardiochirurgo Dottor Davide Gabbieri. Il gruppo di lavoro ha identificato e isolato la lesione neoplastica tramite una sternotomia mediana totale, previo l’isolamento dei grossi vasi mediastinici, questo nonostante ci si sia trovati di fronte a una parziale invasione della pleura mediastinica del polmone sinistro. L’équipe ha eseguito delle manovre delicate in modo che la lesione potesse essere clivata dall’arteria polmonare, senza la necessità di dover procedere alla circolazione extracorporea. Il tumore è stato asportato in maniera radicale anche se poi sono stati individuati plurimi noduli pleurici neoplastici a sinistra, mediante l’ispezione chirurgica dei due cavi pleurici. A quel punto è stato eseguito un intervento oncologicamente radicale dato che, con estrema difficoltà, è stato necessario lussare il mediastino e il cuore, con ripercussioni emodinamiche importanti per la paziente, in modo da asportare completamente i noduli. La paziente, in seguito all’intervento durato circa tre ore, ha trascorso una notte nel reparto di Terapia Intensiva dell’Hesperia per poi essere trasferita in buone condizioni presso la Divisione Universitaria di Chirurgia Toracica di Baggiovara per completare il normale decorso postoperatorio ed essere successivamente dimessa.

Oggi la paziente, confermata la diagnosi istologica di un timoma B3 stadio IVA, vale a dire molto aggressivo, e di lesioni pleuriche secondarie, ha ripreso una vita regolare, continuando ad alloggiare dalla figlia e seguendo, in buone condizioni, le terapia chemio e radio post operatorie sotto la supervisione del Punto Polmone dell’AOU.

Quello eseguito a luglio è solo uno degli interventi particolarmente complessi messi in atto dalla Divisione Universitaria di Chirurgia Toracica di Baggiovara. Ben 13 sono stati quelli eseguiti dallo scorso gennaio per exeresi di timomi, di cui otto in toracoscopia e cinque con tecnica open (dovute alle grandi dimensioni dei tumori e/o alla loro invasività sulle strutture anatomiche adiacenti). Tali dati possono essere allineati con le divisioni italiane di Chirurgia Toracica di maggior esperienza e più riconosciute all’estero.

«Il caso clinico della signora albanese – commenta il Professor Pier Luigi Filosso – ci insegna ancora una volta l’importanza della multidisciplinarità nella gestione clinica di pazienti affetti da patologie neoplastiche rare caratterizzate da un comportamento biologico aggressivo. Il timoma è un tumore del mediastino anteriore molto raro, che ha la sua maggiore incidenza nei due sessi fra i 50 e 60 anni, spesso associato a una sindrome neurologica, nota come Miastenia Gravis. Nella maggior parte dei casi, i timomi vengono diagnosticati in uno stadio iniziale, in cui la chirurgia (per lo più mini-invasiva-toracoscopia) rappresenta il trattamento di scelta e dove non c’è necessità di ulteriori terapie oncologiche postoperatorie. In una percentuale molto minore, invece, la neoplasia è caratterizzata da un comportamento invasivo nei confronti delle strutture anatomiche mediastiniche viciniori (soprattutto grandi vasi, pleura, pericardio e polmone), per cui la chirurgia (usualmente quella tradizionale, open) richiede la asportazione di importanti strutture invase dalla neoplasia, e talvolta anche la necessità di un approccio combinato con chirurghi vascolari e/o cardiochirurghi. Questo è proprio questo il caso della nostra paziente. La multidisciplinarità è consistita nella sua gestione combinata, sia nel preoperatorio (diagnosi e stadiazione della neoplasia) che durante l’intervento chirurgico e nel postoperatorio».

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Al via gli esami di Terza Media anche nel modenese
Si comincia oggi con la prova di italiano. Tre le tipologie di tracce, precedentemente ..
10 Giugno 2024 - 08:38
Modena, gita in barca a vela per sei ragazzi guariti dal cancro al Policlinico
Nell’ambito del progetto di Sea Therapy è stato possibile far partecipare un gruppo di ex..
09 Giugno 2024 - 12:58
Modena, sindacato in lutto: è morto Adelmo Bastoni
Storico dirigente sindacale, 94 anni, originario di Castelfranco Emilia, dove ha continuato ..
09 Giugno 2024 - 12:46
Tanta acqua e ancora tanta neve: risorsa idrica garantita in tutto il bacino del Po
Grandi Laghi e corsi d'acqua sopra il 100% di disponibilità: Il Po ha registrato a marzo la..
09 Giugno 2024 - 00:28
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24