'Difendiamo il verde pubblico di parchi e scuole': cittadini in strada contro le scelte dell'Amministrazione
Riccardo Zaccarelli Azione Mirandola
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Riccardo Zaccarelli Azione Mirandola
articoliSocieta'

'Difendiamo il verde pubblico di parchi e scuole': cittadini in strada contro le scelte dell'Amministrazione

La Pressa
Logo LaPressa.it

Tra i recenti abbattimenti di giardini e parchi nelle scuole elementari per far spazio alle mense finanziate dal PNRR al nuovo cantieri per un chiosco del Parco delle Rimembranze che minaccia uno storico cedro del Libano ed altre piante


'Difendiamo il verde pubblico di parchi e scuole': cittadini in strada contro le scelte dell'Amministrazione
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

L'ultima goccia che ha fatto nuovamente traboccare il vaso per diversi comitati che in città si battono per la tutela del verde pubblico, sono stati gli abbattimenti, decisi dall'Amministrazione Comunale, degli alberi del giardino delle scuole elementari Leopardi, e quello deciso in altre scuole. Per fare spazio alla colata di cemento necessaria per la costruzione di una nuova mensa finanziata con i soldi del PNRR. Azione che ha lasciato sgomenti famiglie e bambini. 'Prima gli insegnano il rispetto dell'ambiente, l'amore e la cura degli alberi da valorizzare al posto del cemento. Poi, senza spiegazione, i bambini si trovano il giardino della scuola raso al suolo, con gli alberi già accatastati dicendo che al loro posto ci sarà una nuova costruzione in cemento' - afferma la mamma di un bimbo che frequenta la scuola Leopardi e che incontriamo in viale delle Rimembranze, nel corso del presidio organizzato dalla rete Aria alla quale hanno aderito diversi comitati e organizzazioni: da Isde, a Villaggio Europa a 'Boschi Modena'.

'Siamo in tanti - afferma Elena Luppi - al di la delle sigle, uniti da una stessa motivazione. Tutelare il patrimonio verde di Modena'. Per farlo, a decine, si sono incontrati, ieri mattina, davanti al cantiere per la realizzazione di uno dei chioschi al Parco delle Rimembranze, lunga striscia verde che divide i viali di Modena che dal Teatro storchi a piazzale Risorgimento.

Dopo lo sblocco di lunghe procedure per l'autorizzazione a realizzare un chiosco, il cantiere potrebbe e dovrebbe aprire. L'area dei lavori, di fronte a via Saragozza e alla ex questura, comprende anche antiche piante ed in particolare un imponente cedro del Libano. La distanza di rispetto che dovrebbe essere tenuta dalle infrastrutture che dovrebbero realizzate per i chioschi, stando al regolamento comunale che è stato esaminato a fondo dai comitati in relazione alla tutela di questo genere di piante, dovrebbe essere di almeno 5 metri.

Distanza che, vista la vicinanza della strada, renderebbe difficile, se non impossibile, se rispettata, la realizzazione del chiosco. 
'Questo è un cantiere simbolo della mancanza di tutela e di attenzione rispetto al verde pubblico in città. In questo caso si tratta di un vero e proprio sfregio al patrimonio verde tutelato della nostra città ed in particolare delle piante di questo parco' - afferma Emanuela Luppi. 'Si tratta di un albero di pregio di rango comunale. Non siamo a della tipologia di struttura che sarà realizzata, rispetto all'uso del cemento o necessità di fondazioni. Fatto sta che si tratta di un'area verde pubblica che per noi andrebbe tutelata non sfregiata in questo modo'.



'Per quanto riguarda le scuole siamo di fronte ad un vero e proprio scempio, svolto deliberatamente dall'amministrazione comunale. Le ruspe hanno agito durante il periodo di chiusura per le festività Pasquali e al rientro i bambini hanno visto il giardino raso al suolo. La motivazione della mensa è oltretutto difficile da comprendere. Si tratta di strutture di cui le scuole non hanno bisogno e la motivazione della necessità di spendere i soldi del PNRR non può reggere. Pensiamo che alle scuole Rodari la mensa supplirà il fabbisogno di 140 posti rispetto ai 500 bambini presenti. Scelte impattanti che l'amministrazione ha svolto senza nemmeno passare per il consiglio comunale'

Gi.Ga.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

Giacobazzi
Societa' - Articoli Recenti
Sestola, i vigili del fuoco hanno detto addio al collega Marco Guerri
Guerri è deceduto il 20 maggio a 57 anni, a seguito di un malore che lo ha colto nella sua ..
27 Maggio 2024 - 19:36
Ordine pubblico e alluvione, un altro anno speciale per la Polizia Locale di Modena
Celebrato presso il Comando di via Galilei il 164esimo anniversario dalla fondazione. ..
27 Maggio 2024 - 15:56
Lavoro: Conserve Italia Ravarino cerca 200 stagionali
Saranno impiegati dalla metà di luglio alla fine di settembre alla trasformazione del ..
27 Maggio 2024 - 14:34
Sclerosi Multipla, a Modena 60 diagnosi ogni anno
Il 30 maggio ricorre la Giornata Mondiale: il punto dell’Azienda ospedaliera Policlinico ..
27 Maggio 2024 - 14:10
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24